[Il Cromlech di Bran] capitolo 1 - da Dragon Island

Regole del forum
Qui trovano posto le avventure sperimentate e giocate con regolamento Dicescale Expanded.
Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

[Il Cromlech di Bran] capitolo 1 - da Dragon Island

Messaggioda Hashepsowe » lun 19 ott 2015, 14:02

Kronall ha scritto:PARTE PRIMA, SCENA I

LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA DEL GIORNO: Tramonto

Il giovane rampollo del mercante che era a capo della carovana cui vi siete accodati era stato avvertito.
Ma come accade spesso nei giovani, l'irruenza e la spavalderia avevano avuto la meglio sulla ragione, ed egli aveva commesso il fattaccio.
Insieme ad altri compari, avevano braccato, cacciato e ucciso un rarissimo esemplare di cervo dal vello d'oro, ritenuto sacro dalle popolazioni del luogo, che seguono la dottrina dell'Equilibrio Cosmico.
Nonostante gli avvertimenti il giovane aveva trafitto l'animale con una freccia e ne aveva gustato le carni insieme ad altri compari, cantando a squarciagola e bevendo a garganella ; inoltre, aveva stupidamente dimenticato di seppellire la carcassa semidivorata del cervo, la quale era stata ovviamente rinvenuta dagli esploratori di Nebin.
E' passato un giorno da allora, e il sole sta ormai scomparendo dietro l'oceano di fogliame che si stende sulle vostre teste come un giardino capovolto; siete a poco meno di un giorno di viaggio dal villaggio di Nebin, la vostra meta... ma il fato ha voluto che gli abitanti vi abbiano preparato un bella festicciola di benvenuto a base di dardi.

La prima freccia ha colpito il carro proprio davanti al vostro, probabilmente in segno di avvertimento... poi una voce grave, in stentato accento Nor'Gar frammista a termini derivanti dalla lingua del Vecchio Popolo, vi ha intimato di consegnarvi ai guerrieri di Nebin senza tentare mosse false. L'accusa era quella di sacrilegio: la Foresta era stata macchiata dal sangue di un animale sacro alla déa Antheas, e i profanatori avrebbero dovuto pagare.

La scelta più ragionevole da fare sarebbe stata quella di parlamentare, ma i mercanti a capo della carovana cui vi eravate accodati non erano certo tanto abili con la lingua quanto lo erano con il denaro.
Convinti di trovarsi davanti ad un gruppo di zotici armati di forconi e archi improvvisati, dettero l'ordine ai loro armigeri di impugnare le armi e combattere.
I quattro caddero da cavallo già morti, senza neppure aver avuto il tempo di sfoderare le armi e di capire da che cosa fossero stati colpiti; altrettante frecce volarono e anche i mercanti, compresi i giovani che avevano commesso il sacrilegio, perirono, colpiti con letale precisione dai dardi dei guerrieri di Nebin.

E' successo tutto troppo velocemente da impedirvi di fare qualsiasi altra cosa che non fosse ripararvi e proteggervi dietro i carri. In men che non si dica vi accorgete di essere rimasti solo in 4: gli unici superstiti.
I guerrieri , ormai usciti dai loro nascondigli tra gli alberi, si stringono in cerchio a voi; le loro lunghe capigliature ondeggiano nel vento della sera, i loro tatuaggi bluastri pulsano al ritmo dei loro muscoli, mentre puntano gli archi su di voi.

Di nuovo quella voce grave, un nuovo avvertimento: consegnatevi o verrete uccisi seduta stante.
Contate almeno venti guerrieri... dovete prendere una decisione e presto.

Spoiler: hide
Siete circondati da una ventina di guerrieri armati di archi e spade, a torso nudo, con soltanto un gonnellino di stoffa a scacchi a coprire l'inguine. Ai margini del sentiero, la vegetazione cresce selvaggia e rigogliosa,
Avete ovviamente con voi tutto l'equipaggiamento, indossate le vostre corazze e impugnate le vostre armi; siete piazzati a pochi metri di distanza l'un dall'altro, pronti ad agire.
Vi conoscete soltanto di vista, in quanto avete viaggiato assieme per un pò, ma non sapete nulla l'uno dell'altro.
Lo sguardo dei guerrieri è quello di uomini decisi e risoluti, ma non certo degli assassini: non hanno intenzione di uccidervi, a meno che non facciate mosse avventate. I guerrieri sono circa a 10 metri da voi. La carovana è composta da due carri e voi siete a piedi, accanto ad uno dei due veicoli.
Dichiarate ora cosa intendono fare i vostri Personaggi.


Grifone ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA DEL GIORNO: Tramonto

Sbuffo pensando "Consegnarsi. Ha! Non è la prima volta che me lo dicono..."

Se fossi da solo, mi getterei nella vegetazione ai bordi del sentiero, ma non disdico l'idea di spargere sangue se gli altri membri del gruppo hanno voglia di combattere. Non mi importava se i guerrieri erano arrabbiati, offesi o che altro, o qualsiasi altra loro ragione... dato che, a quanto pare, non mi sembravano quel tipo di individui che perdonassero una infrazione alle loro usanze sacre. In genere sapevo che non era un argomento su cui in genere si trattava o discuteva, e non avevo voglia di perdere la testa per qualche "esecuzione rituale" o altre idiozie religiose del genere.
Penso, semplicemente, che è meglio stare a guardare cosa succede...

Spoiler: hide
Tengo una mano sull'elsa della spada, nervoso, e resto a vedere le reazioni degli altri.
Anche se gli compagni non facessero niente, aspetterei in ogni caso che siano i guerrieri a fare la prima mossa, per esempio muoversi o avvicinarsi.


Dracodraconis ha scritto:LUOGO:Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA DEL GIORNO:Tramonto

"Dei che situazione, dopo tanto viaggiare per obbedire alla consegna datami dall' anziano del consiglio, eccomi qui, intrappolato al tramonto, che io non gradisco, circondato da furiosi guerrieri e tutto perché? Per la solita superficialità dgli uomini, protervi ed arroganti, credono sempre di poter comprare ogni cosa con il loro danaro, anche la dignità degli altri popoli. Che sprofondi negli inferi con il boccone in gola quello stolto. Cosa fare! Io non son venuto qui per morire come uno stupido, e certo questi energumini non ci metterebbero molto a finirmi. Mi guardo attorno, non conosco nessuno dei miei compari di sventura, ed io per quanto sappia difendermi, non sono un guerriero e neanche posseggo il loro impeto furioso. Hum! ... pensa Arduino ... vediamo, analizziamo la situazione. Possibilità di fuga: niente, possibilità di batterli in combattimento: mi vien da ridere.
Se mi arrendo, cosa avverrà di me? Prima situazione: mi scannano con gioia al villaggio, doppiamente felici di aver lavato l'onta col sangue di un mezzo elfo; seconda situazione: essendo mezzo elfo e ramingo forse li convinco della mia estraneità al fattaccio. Quest'ultima situazione mi pare poco probabile.
Però, ora che mi avvedo, uno dei compari mi sembra poco propenso ad arrendersi, forse, forse ... chissà. Magari è un tipo che altre volte si è trovato in situazioni simili e sa come uscirne, mi conviene capire le sue intenzioni ed affidarmi.
Va bene Arduino, allora tienti a lui vicino e vedi come si comporta ... "
Spoiler: hide
[i]"Arduino resta immobile con il lungo coltello in mano in attesa del comportamento del Personaggio di Grifone. Se attacca, Arduino si accoda a lui per cercare di approfittare del fattore sorpresa e della furia del compagno per scappare; se attaccano i guerrieri si difende con il coltello. Se vengo ridotto a metà: Punti Salute e scappo"[/i


Nolorin ha scritto:LUOGO:Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA DEL GIORNO:Tramonto


"Bisogna Agire. Non posso stare con le mani in mano quando ho venti frecce puntate su i me. Ma non posso combattere contro venti guerrieri da solo. Sì sono solo. Non conosco gli altri superstiti e non so quale sia il loro valore. Di una cosa sono certo. Devo vendicare la morte dei miei genitori... Ho ancora il mantello sul volto, non possono vedere le mie orecchie a punta. Ma questa non è proprio una buona notizia..." questi sono i pennsieri di Didagus mentre guarda da sotto il mantello l'orda armata di archi e frecce che ha ucciso tutti icomponenti di una carovana, lasciando 4 uomini praticamente senza difesa. E se invece sguainasse la spada?... Con un grido di guerra Didagus urla l'incitamento alla battaglia della sua famiglia:" RIAMBROTH" ma non sguaina la spada, prendendo la sua lancia a due mani, la pianta saldamente al terreno. Poi appoggia la mano destra sull'esla della spada e quella sinistra sulla spilla del mantello. "Se ci sarà da combattere userò anche alcuini trucchetti poco leali."

Spoiler: hide
Piantare la spada o la lancia a terra è un gesto che indica per la cavalleria, e per le popolazioni italo-celtiche(a cui sembrano appartenere questi uomini) la volontà di parlamentare, se con la spada o con la lingua sarà scelto da quelli che sono, al momento, la vcontroparte di chi ha piantato l'arma a terra.


Baudaffi ha scritto:LUOGO:Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA DEL GIORNO:Tramonto


Tra tutti quelli rimasti vivi si fa avanti il piu' basso e quello che dalle sembianze sembra un bambino.
Avanza per almeno tre passi, apre il mantello blu e pianta le mani sui fianchi, rischiara la voce e pronuncia con voce chiara e contono alto in modo da farsi sentire da tutti i presenti.
"Salve strani guerrieri vestiti con strane sottane di corta lunghezza. Voi avete cercato vendetta e l'avete trovata. Comunque lasciate che mi presenti, io sono Unsen, il piu' grande alchimista di questi ultimi tempi."
Qualche attimo di silenzio poi continua.
"Portatemi dal vostro capo, in modo da poter chiarire l'incauto gesto fatto dai giovani della razza non molto furba degli umani."
Dopo qualche altro istante di silenzio.
"Su! cosa apsettate? portatemi dal vostro capo"
Dopo di che si giro' verso gli altri superstiti e chiese a tono di voce piu' bassa e alzando le spalle.
"secondo voi mi hanno capito?"


Spoiler: hide
Dopo il discorso il personaggio rimane girato verso gli altri pg dando le spalle ai guerrieri. Ipotizzando che quest'ultimi non lo avrebbero attaccato alle spalle (sperandolo addirittura)


Kronall ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA DEL GIORNO: Tramonto

Non appena il giovane cavaliere impugna la lancia, si ode un brusio tra le file dei guerrieri, i quali si fanno minacciosamente avanti: poi però, quando la punta della lancia si conficca nel terreno, essi si bloccano sul posto, guardandosi a vicenda con un lampo di comprensione negli occhi.
Allorché lo gnomo si fa avanti e snocciola il suo discorso, ma il suo idioma non viene compreso né da Muninn né da Didagus (i quali non conoscono il dialetto del Vecchio Popolo) : Arduino e i guerrieri invece lo recepiscono, e i più giovani tra questi ultimi si lasciano scappare un breve sorriso.

A quel punto il circolo di armati si divide per far passare un solo uomo armato di una lunga spada dall'elsa foderata in cuoio; lunghi riccioli color piuma di corvo ricadono sulle sue spalle e baffi spioventi incorniciano una bocca dalle labbra sottili.
L'uomo si piazza davanti a Didagus, braccia conserte e gli occhi azzurro cielo puntati sui suoi, prima di parlare (l'uomo parla sia la lingua della sua gente, ossia Vecchio Popolo, che il Nor'Gar, quindi le sue parole verranno comprese da tutti i Personaggi).

GUERRIERO DAI CAPELLI CORVINI: (rivolto a Didagus) Sembra che tu conosca le usanze della nostra gente, straniero... non so se la cosa mi faccia piacere oppure offenda ancora di più il mio onore, visto quello che i tuoi compari hanno combinato. Ora che ti guardo più da vicino noto anche che appartieni alla mia stessa razza: sono un mezzosangue anche io, nato a Myrd Vawair, la Gemma Elfica, ora in rovina... ma cresciuto tra gli umani di Nebin. Non credere però che questa nostra affinità mi spinga ad avere clemenza nei tuoi riguardi : il tuo gesto ha impressionato positivamente i miei uomini, che si aspettavano la classica arroganza dei settentrionali Nor'Gar... ma non ha alcun valore, in quanto i sacrileghi a Nebin non hanno alcun diritto.
(Rivolto poi a Unsen e agli altri): Lo stesso vale per te, gnomo, e per voi tutti. Dal momento in cui quella freccia ha trafitto il fianco del cervo di Antheas, avete perso qualsiasi diritto, e adesso solo la prigionia vi attende. Nessuno vorrà parlamentare con voi. Consegnatevi a noi , e il Consiglio degli Anziani deciderà la natura del vostro castigo. Io sono Kynon, e così parlo.


Quando il guerriero termina di parlare, il silenzio si impossessa di nuovo della foresta ancestrale; gli alberi millenari scuotono la chioma al passaggio del vento, osservano la sfilza di cadaveri ai loro piedi, e curiosi di ciò che il destino ha in serbo per quattro eroi trovatisi nel posto sbagliato al momento sbagliato...
Gli alberi fanno quello che hanno sempre fatto da secoli a questa parte: osservano...

Spoiler: hide
I guerrieri hanno lanciato il loro ultimatum: a voi scegliere cosa fare.


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA DEL GIORNO: Tramonto

Unsen giratosi per ascoltare meglio Kynon, avanza di un mezzo passo e con un sorriso che emanava quell'innocenza che e' propria dei bambini che muovono i primi passi, risponde con voce bassa ma chiaramente percettibile.
"Evidentemente non e' lui che comanda, sembra che comandino i grandi anziani"
piccola pausa riflessiva, con lo sguardo fisso sui suoi piedi.
"per far capire il malinteso dovrò parlare con gli anziani, gia proprio con loro, mi capiranno loro, mi riconosceranno, alla fine sono anziani e conosceranno tante cose, tra cui me"
Alza lo sguardo e si avvia verso Kynon, sempre con il solito sorriso
"Va bene portami da loro così potrò chiarire questo malinteso"
Infine si gira verso gli altri cercando di capire cosa stessero facendo.

Spoiler: hide
Si porta a qualche passo da Kynon


Nolorin ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA DEL GIORNO: Tramonto

Unsen giratosi per ascoltare meglio Kynon, avanza di un mezzo passo e con un sorriso che emanava quell'innocenza che e' propria dei bambini che muovono i primi passi, risponde con voce bassa ma chiaramente percettibile.
"Evidentemente non e' lui che comanda, sembra che comandino i grandi anziani"
piccola pausa riflessiva, con lo sguardo fisso sui suoi piedi.
"per far capire il malinteso dovrò parlare con gli anziani, gia proprio con loro, mi capiranno loro, mi riconosceranno, alla fine sono anziani e conosceranno tante cose, tra cui me"
Alza lo sguardo e si avvia verso Kynon, sempre con il solito sorriso
"Va bene portami da loro così potrò chiarire questo malinteso"
Infine si gira verso gli altri cercando di capire cosa stessero facendo.

Spoiler: hide
Si porta a qualche passo da Kynon


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA: Tramonto
PG: Arduino Bellingeri " Pieveloce "


Arduino osserva preoccupato l’andamento della discussione, l’ultimatum del guerriero e l’atteggiamento protettivo del giovane cavaliere mezzo elfo, verso il quale sente istintivamente della simpatia, forse dovuta al fatto di essere della stessa razza e pur quel giovane ha una dignità da grande guerriero delle leggende elfiche. E’ combattuto nello spirito, da una parte sente la responsabilità e la gravità della missione assegnatagli dal consiglio e dall’altra percepisce che restare defilato può essere più rischioso che intervenire; senza contare la vergogna che proverebbe. Raccogliendo tutto il coraggio che possiede avanza di qualche passo e si mette accanto a Didagus E parla rivolto al capo dei guerrieri:
-“ Il mio nome è Arduino, sono anch’io mezzo elfo, mio padre era un nobile elfo. Se il fato non mi fosse stato avverso prima della mia nascita mi sarei chiamato Ardwin Lynch, forse conoscerai il cognome di mio padre.
Provengo da karen’s Wood di cui amo ogni filo d’erba e ogni abitante fosse pure un semplice ragno. Comprendo la vostra reazione, il comportamento degli uomini è stato arrogante e protervo, io sin dall’infanzia ho subito questo atteggiamento e con tutta la sincerità dico che mi ha addolorato la vista del cervo morente. Ora ti dico: non posso lasciare solo il mio compagno e seguirò le sue scelte, gli parlerò se lui me lo consente, ma se dovesse decidere per il duello, io mi metterò al suo fianco “

Si volta verso Didaguse lo guarda, “ chissà cosa succederà adesso “ pensa.


Spoiler: hide
“ Arduino spera che tutto si risolva in modo pacifico e si avvicina a Didagus “


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA: Tramonto
PG: Unsen

Si avvicina ai due mezzelfi e aprendo il mantello mostra uno strano vasetto da cui esce una strana fanghiglia di colore viola spento
"Avete detto duello? beh ho la cosa giusta per voi, questo miracoloso unguento per rendere la vostra pelle piu' dura della roccia"

Apre il vasetto, il quale emana un odore acre e malsano.

"Mi siete simpatici e ve lo posso anche regalare"

Spoiler: hide
Il contenuto del vasetto non e' molto invitante.


Grifone ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA: Tramonto
PG: Muninn

Rivolgo gli occhi al cielo e, irritato, sbuffo e penso <<Benissimo, ora pure uno... gnomo... suicida se crede di persuadere questi barbari a desistere dal farci a pezzi... già sono in dubbio se impiccarci o bollirci a morte, scommetto. Io ho ucciso tanti uomini e non mi hanno mai punito per questo, e ora dovrei morire per qualcosa che non ho fatto di persona? Tutto ciò è ridicolo!>>
Tuttavia intuisco che posso sfruttare le tendenze eroiche del guerriero con la sua idea del duello, purché fossero gli altri a farlo e non io si intendeva.
Intervengo, tenendo il cappuccio calato sulla testa: sapevo come ragionavano i sacerdoti e gente simile, e a volte imitarli tornava utile quando si ha a che fare con persone come i barbari che avevo di fronte << Dovreste ascoltare l'offerta del mezz'elfo guerriero. Forse non è un caso che egli sia sopravvissuto ai vostri attacchi, quando tutti gli altri sono morti: forse i vostri dei lo proteggono, e se lo uccidete si infurieranno di più rispetto della morte dell'animale sacro; se invece lo batterete a duello, significa che la sua vita non vale più degli altri che sono appena morti, e la sua sopravvivenza è stata solo fortuna. O perlomeno, credo che sia anche un gesto di cortesia tra guerrieri chiedere un duello a morte onorevole lottando con la spade in mano... oppure stiamo per essere uccisi da barbari che non conoscono ne onore o civiltà?>>
Sicuramente c'è tono di sfida nelle mie parole, ma se riuscivo a dargli il tarlo di venire a meno con i codici guerrieri e affari simili, forse c'era la possibilità di uscirne sfruttando il loro senso d'onore. Apprezzavo l'onore... quando mi faceva comodo.

Spoiler: hide
Nel parlare cerco di essere convincente e sicuro delle mie parole; non è un raggiro, ma un tentativo di persuadere. Se è necessario lanciare un tratto necessario lo faccio.


Kronall ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA: Tramonto

Kynon non sembra per nulla impressionato dal discorsetto di Muninn (vedi spoiler); anzi, il suo volto si irrigidisce e il tono di voce si fa più cupo mentre risponde al Nor'Gar con queste parole:

KYNON: (rivolto a Muninn) Cosa credi di saperne tu delle nostre usanze, uomo del Nord ! Con la scusa di lodare il vostro 'Unico dio' avete portato morte e distruzione ovunque ! Voi affogate i neonati soltanto perché hanno le orecchie a punta , e trucidate le donne che si rifiutano di recitare le vostre sante scritture ! Non venirmi a parlare proprio tu di onore , cane !

Il guerriero fa un gesto in direzione dei suoi uomini, i quali si avvicinano a Muninn per poi arrestarsi a un metro di distanza.

KYNON: Se osa ancora aprir bocca, pestatelo.

Il guerriero si allontana dall'umano e si porta davanti allo gnomo ; il suo sguardo si addolcisce un poco.

KYNON: (rivolto ad Unsen) Dici il vero, mastro gnomo. Ma conferire con gli Anziani non ti è concesso... forse, se lo vorranno, verranno loro stessi a farti visita. Ma se fossi in te non ci conterei...

Per ultimo, Kynon si rivolge ai due mezzelfi.

KYNON: (rivolto a Didagus e Arduino) Non ho mai sentito parlare della tua famiglia, Arduino, ma abbiamo avuto in passato dei contatti con la comunità elfica di Karen's Wood. Mi dispiace, ma lo gnomo ha ragione... non sono io a dover decidere se sia giusto o meno verificare la vostra buona fede tramite ordalia. Questo è compito degli Anziani. Il mio dovere è solo quello di condurvi al villaggio e di imprigionarvi; se resisterete, dovrò alzare la mia lama su di voi... e credetemi, spero con tutto me stesso di non esservi costretto.
(Rivolto a Didagus) Quanto a te, Didagus, nonostante tu sia un mezzelfo , resti pur sempre un Nor'Gar. Non accetterei mai un duello 'alla pari' da un uomo del Nord... ma forse, se il fato sarà benigno con te, avrai modo di dimostrarmi il tuo valore in futuro.
E' tutto.


Kynon si allontana e fa segno ai suoi uomini di prendervi in consegna per condurvi al villaggio.

Spoiler: hide
I guerrieri vi disarmano e vi prendono in consegna (ognuno di voi viene affiancato da 5 guerrieri), per poi condurvi al villaggio. Suppongo che nessuno voglia fare l'eroe ; se qualcuno di voi vuol fare qualcosa di specifico per liberarsi, ovviamente me lo dica.
Avete i polsi legati dietro la schiena ma non siete imbavagliati, quindi potete iniziare a fare conoscenza tra voi durante il tragitto dal luogo dell'imboscata a Nebin; avete un intervento a testa, non di più , per il momento (dobbiamo cercare di non soffermarci troppo su una scena e mandare avanti la storia il più rapidamente possibile).
Per non complicare troppo le cose, non terrò conto delle vostre differenze dialettali mentre interagite tra voi, quindi anche chi parla solo il Nor'Gar può comunicare con i compagni senza problemi.

Nonostante le vostre azioni non abbiano portato a nulla di concreto, potrebbero pur sempre aver influenzato positivamente o negativamente Kynon e i suoi uomini: questo per dirvi che non sempre i risultati saranno visibili, ma le azioni intraprese dai vostri Pg quasi sempre comporteranno qualche tipo di conseguenza.

Veniamo ora al tentativo di Grifone: siccome ha espressamente richiesto di fare uso di un Tratto, ho tirato i dadi per lui (per fare più in fretta; se preferisci farlo tu, basta che me lo dica Grifone :) ).
Ne approfitto per iniziare a spiegarvi come funzionano i Tratti in questo gioco.
Grifone ha espressamente scritto che il suo discorso era volto a persuadere, e non raggirare , il guerriero: quindi il Tratto chiamato in causa è Dialettica (altrimenti avrebbe potuto usare Raggirare o Intimidire, a seconda del suo approccio e del tono usato).
Siccome Muninn non ha alcun Livello in Dialettica, si usa la regola dei Tratti a Livello Zero. Leggendo il link noterete che cito specificatamente il Tratto Dialettica tra quelli che è possibile usare a Livello zero... se si fosse trattato di Lingue Antiche, per ipotesi, non avrei permesso a Grifone di tirare, perchè per usare quel Tratto è necessario almeno avere una conoscenza di base di Lingue Antiche (almeno 1 Livello).
Come dicevo prima, Muninn ha 0 Livelli in Dialettica, quindi tiro un solo dado (vedi regola dei Test a Livello zero) ; Dialettica è un Tratto che è correlato al Reame Spirito, quindi in questo caso d8, visto che Muninn ha d8 in Spirito ; sottraggo però 2 punti dal risultato finale, perchè il Pg è inesperto.
Se Muninn avesse avuto Dialettica 1, avrei tirato 1 dado senza penalità ; se avesse avuto 2, avrei tirato due dadi scegliendo il risultato migliore ; se avesse avuto Dialettica 3 avrei lanciato 3 dadi , e via dicendo.
Questa procedura si chiama Test e viene utilizzata nel 90% dei casi nel gioco... cambiano soltanto i Tratti e i Reami chiamati in causa, ma la meccanica resta la stessa: si lanciano un certo numero di dadi e si sceglie il risultato migliore.
Questo risultato viene poi confrontato con una Soglia di Difficoltà (SD), ossia il numero da eguagliare o superare affinchè l'azione riesca; nella maggior parte dei casi la SD è pari a 6 (azione di difficoltà moderata) ma può arrivare sino a 20 (azione quasi impossibile).
Non vi rivelerò mai la SD se non in casi particolari: vi dirò soltanto se il risultato da voi ottenuto è sufficiente a far si che l'azione tentata riesca, oppure no.
In questo caso, ecco il risultato del Test di Dialettica di Muninn:

Tentativo da parte di Muninn di convincere Kynon ad accettare un duello. (1d8-2=5)

Cliccando sul link potrete verificare la legittimità del tiro.
Da notare che il risultato (5) non è nemmeno sufficiente ad eguagliare una SD normale (che è pari a 6), quindi il Test è palesemente fallito. Ma ciò non significa che la Difficoltà fosse per forza 6: forse, vista la situazione e la diffidenza di Kynon nei riguardi dei Nor'Gar avrebbe potuto anche essere 20... il povero Muninn avrebbe avuto decisamente pochissime chances di farcela, in quel caso. Ma i Giocatori non lo sapranno mai :wink: .


Nolorin ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA: Tramonto
PG: Didagus ap Xander


"Io ODIO i Nor'gar. E maledico la mia origine da quando sono nato." Dice Didagus mentre i guerrieri lo legano. Nonostante i legacci che gli stringono i polsi Didagus non pensa che le sue azioni lo porteranno ad una fine precoce. Dopotutto non sembra che Kynon abbia motivi di rancore verso di lui. Poi rivolto ad Arduino e allo gnomo dice:"Arduino... Così tu vieni da Karen's Wood... Almeno tu hai un posto dove tornare. Io viaggio senza meta. Non ho legami con niente se non con qualche ricordo sepolto nel mio cuore. Come mai ti trovi qui? E voi messer gnomo, non penso di aver ancora udito il vostro nome. Parlatemi di voi. Se dovremo morire in questo luogo, tanto meglio se lasceremo questo mondo con degli amici..."
Spoiler: hide
Non fidandosi del quarto prigioniero, Didagus cerca in tutti i modi di evitare di rivolgergli la parola perchè pensa sia un Nor'gar e dato il suo rifiuto verso le sue origini non sarebbe coerente con le sue azioni e le sue parole se rivolgesse la parola ad un seguace della chiesa dei nove


Grifone ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA: Tramonto
PG: Muninn

Penso <<La resa non è mai stata una opzione, a parte quando serve ai miei scopi.>>
Come capisco che i guerrieri vengono vicino e hanno l'intenzione di bloccarmi, tento ovviamente di ribellarmi! Non ho interesse ad uno scontro prolungato: cerco di evitare o respingere i carcerieri a mani nude quel che basta per buttarmi nella foresta ai bordi del sentiero, e li usare la furtività per mimetizzarmi.

Spoiler: hide
Uso il tratto del combattimento a mani nude per impedire che i carcerieri mi prendano (non ho interesse ad uccidere nessuno, ma solo a respingere o trattenere gli avversari), corro verso la vegetazione del sentiero e cerco di nascondermi con il tratto della furtività.
L'ideale, se possibile, sarebbe riuscire a bloccare una guardia e minacciare gli altri di ucciderla (gli potrei spezzare il collo) se vengono troppo vicino, ma non è una cosa essenziale, l'importante è fuggire.

Kronall: dato che per me la carovana doveva fare una sosta forzata per rifornimenti, anche Muninn volente o nolente dovrà andare a riprendere i prigionieri se la fuga ha successo. Comunque arrendersi non fa parte del suo addestramento, e non può lasciare che lo facciano prigioniero senza ribellarsi.
Nessun problema per il tiro dei dadi, quello ero sicuro che tanto non riusciva ;).
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: [Il Cromlech di Bran] Prima parte

Messaggioda Hashepsowe » lun 19 ott 2015, 14:11

Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA: Tramonto
PG: Arduino Bellingeri " Pieveloce "

Arduino è sconcertato per la piega che hanno preso gli avvenimenti, ricorda con nostalgia le parole del suo tutore Druso " Attento Arduino quando t'incammini per la Via, non sei tu a percorrerla, ma essa a determinare il tuo cammino dove essa vuole, qualunque sia la tua meta ", comprende che non vi è niente da fare se non farsi legare e trasportare al villaggio. Nebin meta del suo viaggio, non così però. Chissà pensa, forse è un male ribellarsi al Fato, la missione ancora non è perduta. Intanto gli giungono le parole di Didagus, per lui sente nascere una spontanea fiducia e simpatia, forse potrà sfociare in amicizia ... chissà. Ma non può tradire il suo mandato e la riservatezza raccomandatagli
-" Vengo da Karen's Wood, ma oltre sono le mie origini, all'età di dieci anni rimasi orfano e solo al mondo, incontrai un uomo, un vagabondo che mi fece da tutore insegnandomi tutto ciò che sapeva, fu un padre per me, mi adottò dandomi il suo nome: Bellingeri, dovetti in seguito seppellirlo e rimasi ancora una volta solo.In seguito i Raminghi mi presero con loro, Karen's Wood è la mia casa ora, che amo. Sono in viaggio per consiglio degli anziani, non conoscendo bene le Oasi, e per un Ramingo è un limite, mi proposero d'intraprenderlo, conoscere la geografia e i costumi dei popoli, insomma istruirmi un po. Chissà ora cosa ci toccherà in sorte al villaggio caro Didagus. Una cosa però voglio dirti: le condizioni per la nostra conoscenza non sono state favorevoli, ma io ne sono stato onorato, conta su di me come di un amico. Sento che tu non provi fiducia nel nostro compagno umano, ma io credo che non sia così malvagio come sembra "
Spoiler: hide
" Per quanto Arduino intuisca che Didagus meriti fiducia non può ancora rivelargli il suo vero scopo, spera di farlo in futuro. Infine sente che Kynon non è loro totalmente avverso e spera che anche così, prigioniero, al villaggio possa trovare risposte alle sue domande


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA: Tramonto
PG: Unsen

Porge il suo coltello sporco di terra a Kynon dicendogli

"Certo che verranno, basta solo che gli informiate della mia presenza"

Osserva il comportamento dell'umano che ai suoi occhi sembra bizzarro.

Durante il tragitto risponde al compagno.

"Si sono uno gnomo, vengo da lontano e il mio nome si sta espandendo a macchia d'olio per le mie enormi capacita' nell'ambito alchemico. Sono fiducioso che grazie alla mia fama riusciremo ad uscire illesi da questasituazione"

Dopo di che inizia a parlare ad uno dei guerrieri/carcerieri di alcune vicende della sua vita che lo vedono come eroe e salvatore.

Spoiler: hide
Le vicende raccontate sono puramente inventate, non hanno alcuno scopo, solo quello di intrattenere e disturbare :P dato che li considera esseri tristi e annoiati.


Kronall ha scritto:LUOGO: Lungo il sentiero che porta a Nebin, nel folto della Foresta della Dimenticanza
ORA: Tramonto


Non appena i guerrieri iniziano ad armeggiare con i polsi dell'umano, questo scarta a destra con abilità senz'altro superiore alla media: un altro avversario tenta di artigliare la sua spalla e riesce nel tentativo, ma anche in questo caso il fuggitivo riesce ad eludere il pericolo con un abile contropresa. Un terzo guerriero cerca di afferrarlo da dietro ma l'umano lo allontana con una spallata allo sterno.
Muninn inizia a correre a perdifiato verso il limitare del sentiero, tuffandosi nella rigogliosa vegetazione del sottobosco, ma i suoi carcerieri gli tengono dietro.
Kynon urla loro alcune raccomandazioni:

KYNON: (nel dialetto del Vecchio Popolo) Non lasciatelo sfuggire! E non dimenticate, lo voglio vivo, quel miserabile!

Due dei guerrieri riescono a raggiungerlo immediatamente ; il fuggitivo tenta di nuovo una manovra evasiva, ma questa volta i suoi carcerieri sono preparati.
Muninn viene immobilizzato grazie alla mera superiorità numerica e forza fisica dei suoi inseguitori. (Vedi spoiler per una spiegazione dettagliata dei tiri di dado e dei retroscena statistici).
Uno dei guerrieri, che aveva nel frattempo sfoderato una spada, si avvicina al Nor'Gar e gli mostra l'elsa, in segno di minaccia.

KYNON: (in Nor'Gar) Tenta di nuovo la fuga e ti fracasserà la testa con quella, uomo del Nord... non mettere ulteriormente alla prova la mia pazienza. Con te sono stato già fin troppo magnanimo.

I guerrieri trascinano via il fuggitivo, ormai reso impotente, e si uniscono in coda agli altri diretti verso il Vilaggio.
Kynon presta orecchio alle parole di Didagus ma preferisce ignorare i prigionieri per il momento.

Dopo circa un'ora di cammino, giungete finalmente in vista di Nebin; il Villaggio sorge nel bel mezzo di una radura pianeggiante, è composto perlopiù da abitazioni di un solo piano, circolari, sovrastate dai caratteristici tetti conici che sono un marchio di fabbrica dell'architettura del Vecchio Popolo. Il Villaggio è circondato da una palizzata in legno: all'esterno, l'ancestrale foresta regna sovrana...
Non avete tempo per gustarvi il panorama e il folklore locali però, perchè appena varcate la porta del villaggio per voi inizia l'inferno: donne dalle lunghe chiome color grano vi insultano sputandovi addosso; un corteo di ragazzini vi segue per lanciarvi contro mele marce e gusci di noci ; in quanto agli uomini , più d'uno tenta di mettervi le mani addosso, ma viene respinto senza tanti complimenti dai vostri carcerieri.
Nemmeno un'ombra sfiora però il volto di Kynon, che resta serio e concentrato.
Giunti nei pressi di una lunga stamberga dal tetto basso e piatto, vi aspettate di venir condotti al suo interno, ma vi sbagliavate. Nemmeno il lusso di un tetto sulla testa è concesso ai sacrileghi come voi: venite invece calati in una fossa adiacente profonda 6 metri , legati come salami e spogliati di tutto all'infuori dei vestiti. Una grata di legno viene poi posta sulla fossa e assicurata ad alcuni perni, per impedirvi di fuggire...
Kynon vi lancia un ultimo sguardo prima di lasciarvi: non sapete dire se si tratta di compassione o semplice impotenza di fronte alla volontà degli Anziani.

Spoiler: hide
Approfitto della situazione in cui si trova Muninn per spiegarvi come funziona la procedura di Combattimento. Mi sono dilungato un pò, ma non vi preoccupate, è necessario soltanto le prime volte per illustrarvi bene le fasi della procedura e assicurarmi che abbiate compreso :wink:
In questo pbf è importante comprendere le regole per effettuare le giuste scelte tattiche durante il combattimento.
Quella che avete sopra è la traslitterazione in termini narrativi di ciò che è stato il responso dei dadi: qui vi svelo i retroscena statistici di ciò che è avvenuto dal momento in cui Grifone ha dichiarato la sua azione.
Vi raccomando anche di leggere attentamente questa sezione , che contiene dettagli che qui, per forza di cose, non ho potuto includere.

Un combattimento del Dicescale Expanded è suddiviso in Turni, che rappresentano circa 6 secondi di tempo reale; un Turno finisce quando tutti i contendenti hanno effettuato le loro Azioni. Ogni Turno è suddiviso in Fasi:

Fase 1: Test di Prontezza per stabilire l'Ordine di Giocata... in questa fase si stabilisce chi agfisce per primo e il numero di Azioni di cui dispone nell'arco di un turno di Combattimento;
Fase 2: Dichiarazione di Intenti , in cui i Giocatori specificano per filo e per segno cosa faranno i loro Personaggi. La quantità di Azioni a disposizione dipende dal risultato del Test Prontezza effettuato in Fase 1;
Fase 3: Risoluzione, in cui si effettuano i Test per colpire e si verifica la riuscita o il fallimento delle Azioni intraprese dai Personaggi e dai loro avversari.

Andiamo ora ad analizare il caso in esame (lo scontro tra Muninn e i Guerrieri; le parti in corsivo sono relative ai miei commenti):

Test Prontezza
Il Test di Prontezza è un Test come gli altri (fate riferimento al mio intervento precedente); la SD da eguagliare è 6. Se si ottiene un Successo normale o un Fallimento, si dispone di una sola Azione per quel Turno ; se si ottiene 12 si possono effettuare 2 Azioni ; se si ottiene 18 se ne possono effettuare 3 e via dicendo.
Essendo il Tratto Prontezza correlato al Reame Coordinazione, si evince che questa è determinante per quanto concerne il risultato finale.
Dando un'occhiata alla scheda di Muninn si può notare che la sua Coordinazione è pari a d8 (media) e il suo Tratto Prontezza pari a 1: ciò significa che egli lancerà 1d8 per determinare il risultato del Test Prontezza. Se avesse avuto 2 o 3 Livelli in Prontezza avrebbe lanciato 2 o 3 dadi e scelto il risultato migliore ; se avesse avuto d10 invece che d8 in Coordinazione avrebbe lanciato dedi dadi a 10 facce al posto di quelli a 8 facce, con probabilità di ottenere punteggi molto più alti.
Anche i guerrieri ovviamente hanno statistiche di Coordinazione e Prontezza, ma il Master non può rivelarle ai giocatori (potrete comunque evincerle dai risultati dei dadi che appariranno sotto).


Scena #1, Scontro #1: Test Prontezza Guerriero 1 (1d8=5, 1d8=4)
Scena #1 , Scontro 1: Test Prontezza Guerriero 2 (1d8=1, 1d8=3)
Scena #1, Scontro #1: Test Prontezza Guerriero 3 (1d8=7, 1d8=6)
Scena #1, Scontro #1: Test Prontezza Guerriero 4 (1d8=1, 1d8=6)
Scena #1, Scontro #1: Test Prontezza Guerriero 5 (1d8=2, 1d8=3)
Scena #1, Scontro #1: Test Prontezza Muninn (1d8=3)

Ordine di azione per il primo Turno di combattimento: (tra parentesi il risultato del Test Prontezza)
1)Guerriero 3 (7)
2)Guerriero 4 (6)
3)Guerriero 1 (5)
4)Muninn, Guerriero 2 , Guerriero 5 (3, ex aequo)

In questo caso nessuno dei contendenti ha ottenuto un 12 o più, quindi tutti disporranno di una sola Azione. L'ordine è stabilito dal risultato più alto, procedendo in ordine decrescente.


Dichiarazione d'intenti
(Nessuno dei combattenti ha ottenuto un Successo Critico col proprio Test di Prontezza, quindi ognuno dispone di una sola azione per questo Turno)
Muninn cerca di liberarsi per fuggire ;
i Guerrieri 3 e 4 cercano di afferrarlo e di immobilizzarlo (non più di 2 individui per volta possono tentare di immobilizzare un avversario della stessa taglia, come da regole);
i Guerrieri 1, 2 e 5 si portano alle spalle di Muninn per impedirgli di fuggire (azione di movimento).

Risoluzione delle azioni
Per verificare se un fendente, una presa di lotta o una freccia scoccata da un arco vanno a segno, si fa riferimento al Test per Colpire. Questo può dipendere da diversi Tratti a seconda dell'arma usata: in questo caso tutti i contendenti sono disarmati e quindi si usa il Tratto 'Lotta a Mani Nude'.
La procedura per il combattimento è semplice: l'attaccante effettua un Test la cui SD è equivalente al Valore Difesa (VD) del bersaglio. Il VD è sempre pari a 6, più modifiche dovute a Tratti, presenza di scudi, posizione degli attaccanti, magie e via dicendo.
Se il Test riesce l'attaccante mette a segno un colpo e si procede col computo dei Danni ossia l'entità delle ferite inflitte... ma di questo ci occuperemo in un'altra occasione.
In questo caso, la procedura di Lotta varia leggermente da quella prevista per il combattimento standard: il Valore Difesa infatti dipende principalmente dalle dimensioni di attaccante e bersaglio (per un uomo sarebbe arduo immobilizzare un orco che è quasi il doppio di lui).
L'attacco poi può infliggere danni sottoforma di strette o leve, ma può anche disarmare il bersaglio, immobilizzarlo o atterrarlo: per dettagli leggete la sezione relativa.
Il Valore Difesa di Muninn in questo caso è pari a ben 9 punti: 6 di base, + 3 relativi al suo Livello nel Tratto 'Lotta a Mani Nude'... immobilizzarlo non sarà facile !
Ma i guerrieri di Nebin non sono da meno e tirano ben 3 dadi per il loro Test Lotta a Mani Nude (hanno 3 Livelli nel Tratto)...

Scena #1, Scontro #1: Test Lotta a Mani Nude, Guerriero 3 (1d8=7, 1d8=1, 1d8=4) (il risultato finale è 7, che è inferiore a 9, quindi il guerriero non riesce ad afferrare Muninn)
Scena #1, Scontro #1: Test Lotta a Mani Nude, Guerriero 4 (1d8+2=5, 1d8+2=8, 1d8+2=9)
(il secondo guerriero ottiene un bonus di +2 al suo risultato per via della superiorità numerica: il migliore tra i 3 tiri è 9, sufficiente ad eguagliare il Valore Difesa di Muninn, quindi il guerriero riesce ad afferrarlo; ora bisogna verificare se riesce anche ad immobilizzarlo, come da regole...)
Scena #1, Scontro #1: Tentativo di Immobilizzazione da parte del Guerriero 4 (1d8+2=4, 1d8+2=7, 1d8+2=6)
(questo è il secondo Test necessario a verificare se il Guerriero riesce ad immobilizzare Muninn: sfortunatamente un 7 non è sufficiente...)


Nessuno dei due guerrieri è riuscito ad immobilizzare Muninn: il secondo è riuscito ad afferrarlo, ma l'umano è stato abile a liberarsi dalla stretta ; in questo caso l'alto punteggio di Muninn in 'Lotta a Mani nude' (3) è stato determinante.
Ma non è finita...
Infatti Muninn ora tenta di fuggire, ma proprio dietro di lui si era piazzato il Guerriero 1; inoltre, i Guerrieri 2 e 5 agiscono contemporaneamente all'umano e possono inseguirlo senza problemi...

Come da regole, il Guerriero 1 ottiene un attacco gratuito contro Muninn per via del tentativo di quest'ultimo di sganciarsi dal combattimento.
Un attacco gratuito è un attacco in aggiunta a quelli permessi dal risultato del Test di Prontezza e si verifica quando un combattente ingaggiato in mischia volta le spalle e fugge, abbassando la guardia e permettendo così all'avversario di colpirlo mentre scappa.


Scena #1, Scontro #1: Test Lotta a Mani Nude, Guerriero 1 (1d8=5, 1d8=5, 1d8=7)

Come si può evincere dal risultato, Muninn evita anche quest'ennesimo tentativo di placcaggio e comincia a correre, gettandosi tra i cespugli della foresta; ma i Guerrieri 2 e 5 non se ne stanno con le mani in mano e lo inseguono.
Tutti e tre i contendenti si muovono di 10 metri per Azione, il che significa che i Guerrieri riescono a raggiungere Muninn ma non possono tentare di bloccarlo in questo Turno (hanno già effettuato la loro azione, ovvero il movimento).
Un movimento di 10 metri infatti conta come Azione ; un movimento di 3 metri invece è considerato gratuito e può essere effettuato in aggiunta alle altre Azioni dichiarate dal Giocatore.
Siccome tutti i partecipanti allo scontro hanno agito, il primo turno di combattimento finisce e si passa al successivo, ripetendo la stessa procedura di prima: Test di Prontezza, Dichiarazione d'Intenti e Risoluzione Azioni.


Test Prontezza (Turno II)
Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Test Prontezza Guerriero 1 (1d8=6, 1d8=8)
(Come potete vedere il Guerriero ha ottenuto il massimo col suo tiro di dado, ossia 8: questo è un Tiro Aperto e quindi il dado va lanciato di nuovo e il risultato sommato al precedente)

Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Tiro Aperto Guerriero 1 (1d8=4)
(Il Risultato Totale è quindi 12: 8 del primo tiro, + 4 del Tiro Aperto. 12 è il doppio di 6 , la SD del Test Prontezza, quindi si tratta di un Successo Critico di II Livello; pertanto il Guerriero 1 potrà effettuare ben 2 azioni nel corso del Turno).


Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Test Prontezza Guerriero 2 (1d8=7, 1d8=4)
Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Test Prontezza Guerriero 3 (1d8=5, 1d8=2)
Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Test Prontezza Guerriero 4 (1d8=6, 1d8=1)
Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Test Prontezza Guerriero 5 (1d8=1, 1d8=1)

Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Test Prontezza Muninn (1d8=8)
(Massimo risultato possibile anche per Muninn; si procede col tiro aperto)
Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Tiro Aperto Muninn (1d8=1)
(Il Risultato finale è 9 , non sufficiente a permettere a Muninn di effettuare 2 Azioni, ma è alta abbastanza da permettergli di agire per secondo nel Turno).

Ordine di Azione (Turno II)
1)Guerriero 1 (12)
2)Muninn (9)
3)Guerriero 2 (7)
4)Guerriero 4 (6)
5)Guerriero 3 (5)
6)Guerriero 5 (1)

Dichiarazione di Intenti

Il Guerriero 1 ha a disposizione ben 2 Azioni questo Turno, e visto che i suoi precedenti tentativi di bloccare Muninn a mani nude non hanno sortito effetto (l'umano è troppo abile...) , decide di impiegare una delle sue Azioni per sfoderare la sua spada, e la seconda per muoversi di 10 metri e raggiungere il fuggitivo, con l'intento di stordirlo;
Muninn ovviamente tenterà di nuovo la fuga;
I Guerrieri 2 e 5 cercheranno di bloccare l'umano;
I Guerrieri 4 e 3 sono troppo lontani dal fuggitivo e quindi impiegheranno la loro unica azione per raggiungerlo (ma non potranno attaccarlo).

Risoluzione
Muninn si volta e fugge, ma così facendo subisce un attacco gratuito dai Guerrieri 2 e 5, che erano accanto a lui:

Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Test Lotta a Mani Nude (attacco gratuito), Guerriero 2 (1d8=1, 1d8=4, 1d8=1) (una iella madornale)
Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Test Lotta a Mani Nude (attacco gratuito), Guerriero 5 (1d8+2=9, 1d8+2=5, 1d8+2=6) (come al solito il bonus +2 deriva dalla Superiorità Numerica; il Guerriero 5 è riuscito ad afferrare Muninn, ora resta da verificare se riesce a trattenerlo)
Scena #1, Scontro #1, Secondo Turno: Test Immobilizzare (attacco gratuito), Guerriero 5 (1d8+2=9, 1d8+2=4, 1d8+2=3) (Il risultato è 9, quindi successo).

Muninn non può fuggire in quanto immobilizzato; ora possono agire tutti gli altri Guerrieri.
Il Guerriero 5 deve mantenere la presa su Muninn, quindi non può fare altro ; il Guerriero 2 approfitta della situazione per aiutare il compare, bloccando l'umano anche dall'altro lato... ora per il fuggitivo sarà quasi impossibile liberarsi.
Gli altri 3 Guerrieri (tra cui quello che ha sfoderato la spada) impiegano la loro Azione per raggiungere Muninn e intimargli la resa.


Kronall ha scritto:PARTE PRIMA, SCENA II

LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA DEL GIORNO: Sera

Da un certo punto di vista siete quasi grati ai vostri carcerieri per avervi legato mani e piedi: la posizione in cui vi trovate infatti vi rende difficoltoso il respiro, e ciò preserva in qualche modo le vostre narici dal tanfo di decomposizione e sterco che impera sul fondo di questa fossa...
Bianchi frammenti affilati di ossa spuntano quà e là tra la terra umida; un flebile chiarore, probabilmente prodotto dalle torce del villaggio in superficie, illumina debolmente le sagome dei vostri compagni.
Sembra che lassù si festeggi. Udite canti e risa a squarciagola... potete immaginarne il motivo.
Ad occhio e croce sembra passata qualche ora da quando vi hanno gettato in questa buca, e l'avete trascorsa rimuginando, chiacchierando o dormendo (almeno per quanto sia possibile farlo in questa posizione). Il vostro sonno è stato turbato da innumerevoli e brevi sogni, al punto da farvi dimenticare la realtà: siete prigionieri.
La fame è soltanto un contrattempo... nella situazione in cui vi trovate, l'obiettivo primario è fuggire.

Spoiler: hide
Vi trovate sul fondo di una fossa scavata nel terreno, profonda 6 metri e larga circa 4- 5; ossa ed escrementi secchi è tutto ciò che vedete. Con voi avete soltanto i vostri vestiti: avete mani e caviglie legate ma non siete imbavagliati.
Siete in grado di strisciare per qualche metro, ma non dimenticate che lo sforzo potrebbe stancarvi presto e che siete stanchi ed affamati.
La palla passa a voi :wink:


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA DEL GIORNO: Sera
PG: Unsen

Appena giunto sul fondo, riguadagna una posizione comoda e si guarda intorno con molta attenzione e rimanendo praticamente immobile.

Poi tutto d'un tratto si inizia a muovere e cerca di liberarsi le mani con uno spuntone di osso.

Appena acquista la libertà di movimento si mette ad osservare le pareti della buca.


Spoiler: hide
Ovviamente per liberarsi se c'e' da fare un tiro fai te. Inoltre mi fai due tiri: uno su cercare/agricoltura (vedi te) per capire se le pareti della buca sono di terra friabile (per una ipotetica arrampicata) e uno (sempre se posso) per capire se ci sono abbastanza pezzi d'osso da conficcare nelle pareti da poter usare come scalini. grazie ^^


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA: Sera
PG: Arduino Bellingeri " Pieveloce "

Arduino si risveglia dal breve ma agitato sonno, è scoraggiato ma intenzionato a non darsi per vinto, c'è poco da stare allegri e speranzosi: le ossa che ricoprono la fossa parlano chiaro ...
Cerca quindi di mettere a frutto tutte le sue capacità e prendendo esempio da Unsen usa un tagliente frammento d'osso per tagliare i lacci, dopodiché incomincia a raccogliere i frammenti d'ossa più robusti, il suo intento è di usarli come pioli ovvero chiodi da roccia, non sapendo con che tipo di terreno, friabile o resistente, è formata la parete si affida alla sua capacità d'arrampicarsi e alla sua coordinazione. Intanto, preoccupato per il suo nuovo amico Didagus, si volta verso di lui e gli parla.
-" Avanti Didagus fatti forza e prova a liberarti, se non riesci ti aiuterò io, Dobbiamo cercare di risalire la parete. "
Spoiler: hide
Per attuare i propositi di Arduino servono dei tiri, uno per liberarsi uno per coordinazione/ arrampicata ( scusa se sono confusionario ), inoltre Arduino può liberare per sua volontà Didagus se lui lo richiede?


Nolorin ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA DEL GIORNO: Sera
PG:Didagus ap Xander


"AH!!! Dannato pozzo. Avevano detto che ci avrebbero portati dagli anziani. Non pensavo intendessero questi vecchi." Dice Didagus, indicando le ossa a terra e cercando una posizione che gli permetta di muoversi con minor fatica. "Arduino, cerca anche tu di liberarti. Ma qua però penso che dovremmo collaborare. Anche se non mi stai simpatico, sì parlo con te, Nor'Gar, dobbiamo collaborare. Messer Gnomo è abbastanza attivo da cercare di liberarsi. Ma non so quanto riuscirà ad andare avanti da solo con quella gentaglia lassù. Anche se riuscissimo ad arrivare in cima, come riusciremmo a raggiungere le armi o a fuggire? Io la mia spada non la lascio a questi bifolchi, con quella lama dovrò vendicare il sangue fatto versare dai miei nemici. E la grata? Come riusciremo a farla aprire? Messer Nano..., pardon..., Gnomo non avreste qualche sostanza da prestarci nascosta tra i vostri vestiti?" Intanto mentre parla cerca anche lui un osso abbastanza tagliente per tagliarsi i legacci che iniziano a segargli le mani. "Aspettiamo che ci sia silenzio prima di agire. Intanto liberiamoci! Arduino, nel caso ci liberassimo ti prenderò sulle spalle e tu prenderai messer Nano. E poi cercheremo di aprire la grata. Se meser Nor'Gar ci vorrà dare una mano sarà il benvenuto."


Grifone ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA DEL GIORNO: Sera
PG: Muninn

L'unico pensiero che mi passa per la testa, quando mi immobilizzano, è uno scherno che vedo bene non esprimere << La prossima volta potrei decidere di restare, invece di fuggire. E forse allora vi pentireste di avermi preso >>.
Per il viaggio non dico niente, resto in silenzio e faccio finta di dormire o di pensare. In realtà, cerco di osservare l'ambiente, le persone, e la situazione: non era la prima volta che avviavo una fuga o ero in brutte situazioni, come queste. La differenza è che davvero raramente mi facevo cogliere di sorpresa, ma è vero che raramente viaggiavo in compagnia di qualcuno. Comunque, avevo bisogno solo di aspettare il momento e la situazione giusta per tentare realmente una fuga: forse, se pensavano che corde e bavagli bastino a tenere fermo un uomo, avrebbero commesso un errore. Zammert, quando voleva che un prigioniero non fuggisse, lo faceva storpiare alle gambe, o gli tagliava addirittura un piede, e senza gambe è difficile fuggire anche dalle prigioni più semplici.

Comunque, ora mi trovo in un luogo che ha il profumo delle fogne, e a pensarci potrebbe essere davvero il pozzo nero del villaggio...
C'è un sacco di rumore la sopra, chiaramente stavano festeggiando, ma ciò aveva anche un'altra conseguenza: la gente dopo una festa è stanca morta e crolla dal sonno. E durante le feste, sono spesso troppo ubriachi per aver chiara idea di cosa succeda in un angolo buio e poco osservato del villaggio.
A meno che non volessero trucidarmi prima, uscire da li senza attirare l'attenzione sarebbe stato più facile del solito, sempre che uscissi dal buco immondo in cui stavo si intende. Ma qualcosa mi diceva che, se volevano ammazzarmi, non sarebbe stata quella notte.

Per prima cosa dovevo liberarmi le mani. Per quanto non fossi interessato ad aiuti e simili, perché nel mio caso in meno si è, meno ci si fa notare, questa situazione richiedeva per una volta tanto una eccezione.
Se gli altri non riescono a liberarsi con le ossa, forse potevo essergli utile io: sapendo borseggiare, forse riuscivo a sciogliere quei nodi senza dover vedere il lavoro delle mani: dopotutto quando rubi una chiave dalla cintura bisogna farlo senza vedere cosa stanno facendo le mani...

Dopodiché, non mi resta che vedere l'ambiente, se c'è qualcosa di utile alla fuga oltre alle ossa e sporcizia.

Spoiler: hide
Credo che si possa usare il tratto di Borseggiare per slegare la corda degli altri senza dover vedere le mani. Si tratta di una azione di coordinazione, più o meno come sfilare una chiave da una cintura senza farsi notare, dove bisogna agire con precisione senza però vedere dove si muovono le dita.
Altrimenti non saprei...


Lunastella ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA DEL GIORNO: NOTTE INOLTRATA

pg UNSEN:
Osservando le pareti della fossa e il terriccio che cade ad ogni minimo movimento, ti accorgi che tentare una scalata sarebbe quanto meno arduo. I pezzi d'osso infilati nella terra non reggerebbero mai il vostro peso e le pareti si sfalderebbero.
Tuttavia pensi che fra qualche ora sarai riuscito a recidere i legacci che ti assicurano i polsi...
Spoiler: hide
Non c'è bisogno di tirare: la situazione è palese (comunque in questo caso Agricoltura non ti sarebbe stata d'aiuto... forse sarebbe stato più utile il Tratto Natura o Arrampicarsi per valutare la solidità delle pareti).


pg ARDUINO BELLINGERI "Pieveloce":
L'espediente delle ossa come chiodi da rocciatore non funzionerebbe: questa è terra, non roccia e comunque le ossa sono
troppo piccole e fragili per poter reggere il vostro peso.
Seguendo l'esempio dello gnomo inizi a strofinarti contro le ossa più frastagliate, sperando di poterti liberare... ma non avverrà in tempi brevi.
Spoiler: hide
anche in questo caso non c'è alcun bisogno di tirare poichè la situazione è palese


pg DIDAGUS AP XANDER
Nessuno dei tuoi compagni di sventura ti risponde e d'altronde tu stesso hai chiesto a tutti di lavorare in silenzio per cercare di liberarvi. Anche tu fai la tua parte, trovando uno spezzone d'osso che ti pare affilato abbastanza e cominciando alacremente a strofinarci sopra le corde che ti legano i polsi. Forse se avrai forze sufficienti fino ad allora, domani a quest'ora potresti essere libero.
Spoiler: hide
anche per te la situazione non può avere altri sbocchi al momento e quindi risulta inutile tirare i dadi.


pg MUNINN
Osservando la fossa non noti altro che ossa e resti di escrementi e stoffa. Trovi un pezzo d'osso e anche tu cominci ad armeggiare per liberarti, dopo avere inutilmente tentato di svincolare le tue mani dai nodi strettissimi che i Nebiani hanno fatto intorno ai tuoi polsi. Forse riuscirai ad essere libero qualche ora prima dei tuoi compagni di cella, ma i rimanenti problemi sono tutti lì davanti a te, senza alcuna soluzione apparente.
Spoiler: hide
Il Tratto Borseggiare è senz'altro correlato al gioco di polso e alla scioltezza di dita, ma pertiene molto più alla rapidità
di mano che non alle tecniche necessarie a liberarsi da un legame (forse Atletica sarebbe più adatto, in quanto indice di una certa
flessibilità articolare). In ogni caso la soglia di difficoltà sarebbe proibitiva, il che rende inutile tirare i dadi


TUTTI
Lavorate alacremente e in silenzio per un tempo indefinibile, ma ancora non ci sono segni di cedimento nelle corde.


Lunastella ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA DEL GIORNO: le prime luci dell'alba
TUTTI

Il chiurlo della civetta risuona tre volte nel lugubre silenzio dell’alba.
Fuori è buio, ma l’indaco addolcisce un poco le chiome degli alberi, che tremano appena, nell’alito freddo di un’aurora cupa e densa di nuvole nere.
Naturalmente “loro” non possono vedere tutto questo, ma odono il canto della messaggera alata, che talvolta annuncia morte e talaltra notizie.
Ma ancora non è dato sapere se quello che giunge sia un giorno di morte o un giorno di notizie!
Il suono si spegne, lasciando dietro a se il dubbio sospeso degli attimi di vita, che il battito del cuore scandisce nel petto dei prigionieri.
Passi pesanti seguono quel nuovo silenzio. Poi qualcuno sposta la grata che chiude la cella e le sagome tozze di due guerrieri si stagliano ancora indistinte nel livido lucore che avanza.

“Sarà questo dunque il giorno della vostra morte, o stranieri?”
La voce che scandisce questa lugubre domanda si insinua nelle orecchie come la carezza intima di un’amante, capace di mettere a nudo i segreti più nascosti del corpo e dell’anima.
E’ una voce femminile, altera e distaccata.
La luminescenza grigiastra dell’aurora rivela forme piene ed eleganti, morbidamente fasciate da una lunga veste scura; un ovale candido e perfetto si affaccia sul bordo della fossa, incorniciato da un mantello di fulgidi capelli biondi.
Ora il suo sguardo passa in rassegna coloro che evidentemente riesce a mettere a fuoco, nonostante la scarsa illuminazione.
“Non nego che la morte di manigoldi della vostra risma potrebbe rallegrare questo mondo infame!”

Il lugubre chiurlo della civetta torna a farsi sentire, facendo eco alle parole della donna, che repentinamente si sposta al lato opposto della fossa, con un movimento agile e guizzante, che ricorda vagamente l’incedere sinuoso del serpente.
Ora il suo volto è in piena luce - una gelida luce grigia, foriera di pioggia. Gli occhi neri e vellutati che scrutano uno ad uno i prigionieri sono attenti ma privi della ferocia che anima gli sguardi torvi dei due guerrieri.

“Indubbiamente meritate la morte.. - riprende la donna con tono sbrigativo, come se stesse contrattando il prezzo di un manufatto al mercato - E la vostra esecuzione sarà un vero evento per questa cittadina in cui non accade mai niente.Gli uomini di Nebin sono famosi per la loro ferocia e le loro donne non sono da meno....”

Una risata sguaiata e gracchiante sottolinea la sonora approvazione dei guerrieri.

“Ma è uno spreco far morire chi può ancora rendersi utile da vivo. - la donna ora si rivolge ai guerrieri con tono di comando - Sapete perchè sono qui: se accettano di collaborare, non torcerete loro un capello. Oh certo: sta a loro deciderlo, ma se si mostrano ragionevoli, sono certa che riusciremo a trovare un'intesa proficua per tutti..."

I guerrieri bofonchiano qualcosa nella loro lingua gutturale e incomprensibile, mentre la donna torna a rivolgersi ai prigionieri.
"D’altronde non vedo come possiate ragionevolmente rifiutare la mia proposta: che altre possibilità avete se non la morte certa? Si... dico a voi quattro, là nella fossa, Vi propongo di fare un patto con me: voi mi fate un piccolo favore e in cambio vi prometto che avrete salva la vita!”
La dama si concede il piacere di una lunga pausa, durante la quale, serissima in volto, si prende il tempo di scrutare i suoi ignari interlocutori.
"Dimenticavo: mi chiamo Aife e appartengo all’Ordine dei Druidi. Non parlo mai a caso e potete fidarvi della mia parola: se accettate di aiutarmi, convincerò i Nebiani a farvi grazia della vita. Se non accettate, fate conto di non avermi mai vista e non interferirò in alcun modo nel destino di morte che vi attende. Parlate dunque poichè non ho tempo da perdere!”

Spoiler: hide
Aife vi sta proponendo un patto: se accetterete di farle quello che lei chiama un "piccolo favore", convincerà la gente di Nebin (che tiene in gran conto la parola dei Druidi e si fida del loro consiglio) a risparmiarvi la vita e a lasciarvi liberi, naturalmente dopo averle fatto il "piccolo favore" che ella chiede. Naturalmente sta a voi decidere se accettare o meno il patto che vi propone. Ella attende ora la vostra risposta. Volendo potete anche consultarvi tra voi prima di risponderle.
A voi la palla, cari giocatori. :mrgreen:


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA: DEL GIORNO: le prime luci dell'alba
PG: UNSEN

Nel tagliare le corde che gli stanno legando i polsi il piccolo unsen si addormentò.
Tra il rumore di un uccello e quello di una voce femminile, viene destato proprio quando la donna propone di farle un piccolo favore.
*sbadiglio*
Strizza gli occhi almeno un paio di volte.
"Un favore? mmmh..."
donodla la testa per stirare i muscoli indolensiti del collo per via della posizione scomoda.
"bhe perche' no? tanto qui non c'e' nienete di interessante, ho gia stuiato a lungo terra come questa frammista a liquami"
Torce un po' il busto a destra e sinistra.
"molto utile per l'agricoltura ma non per l'alchimia, a meno che non si voglia fare uno scherzo e preparare"
Il suo sguardo si fissa sui suoi piedi.
"una pozione di fanghiglia puzzolente, ma in questo caso non basterebbe questa fanghiglia servirebbe anche del pelo di cinghiale, olio, un paio di testicoli di ..."

Spoiler: hide
Continua a parlare di alchimia finche' non viene interrotto da qualcuno dei compagni.


Nolorin ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA: DEL GIORNO: le prime luci dell'alba
PG: Didagus ap Xander


"una pozione di fanghiglia puzzolente, ma in questo caso non basterebbe questa fanghiglia servirebbe anche del pelo di cinghiale, olio, un paio di testicoli di ..." "Basta non voglio sapere altro." dice Didagus verso quello che ormai ha soprannominato Messer Nano, la sua conoscenza del popolo basso è sempre stata carente. "Dite che meritiamo la morte. Perchè dite ciò? I colpevoli dell'uccisione del cervo sacro sono morti nella vostra cavalcata di Vendetta... Un piccolo favore dite? Che genere di favore? Certo io non voglio morire qua dentro ma nemmeno per mezzo della spada di uno dei vostri guerrieri. Mia Dama Aife, siete una druidessa, e conoscete bene la natura e i suoi principi, quindi saprete meglio di me che un uomo di qualsiasi razza del mondo in cui viviamo preferisce la vita ad una morte senza onore. Ma lasciate che conferisca con i miei compagni... Arduino? Io non vi lascio a marcire qua dentro. Mi sembra di conoscervi da più tempo rispetto a quello che abbiamo realmente passato insieme. Messer Nor'Gar... Nonostante io odi le nostre comuni origini, preferirei evitare di avervi nella coscienza. E messer Nano... Voi e le vostre pozioni maleodoranti... Non penso siano peggio di qualsiasi cosa ci sia qua dentro... o forse sì? Io acceterei la proposta di Dama Aife se questo servirà a riscattarmi da questo luogo. Per poi finire la mia missione. Compagni?"


Grifone ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA: DEL GIORNO: le prime luci dell'alba
PG: Muninn

Vedendo che c'è poco da fare, e che immagino di impiegarci una eternità con quelle ossa, preferisco lasciar perdere. Non sembra una situazione da cui per ora ne riesca ad uscirne, e bene o male mi tocca aspettare. E se poi qualcuno dei miei compagni di sventura si liberasse prima degli altri, probabilmente avrebbe liberato anche me dopo... meglio lasciarli faticare. Piuttosto pensai a cosa poteva succedere più in avanti e cosa avrei potuto fare per liberarmi, anche se l'immaginazione scarseggiava un po'. Nonostante la sera non sia stata delle migliori, non ho neppure voglia di dormire.

Il giorno dopo, ecco questo enigmatico incontro con questa druida.
Durante il suo discorso, la guardo con indifferenza e vuotezza, non solo nell'aspetto. Quelle sue parole avevano perso da un pezzo un qualche significato per me: non che non temessi di morire, ma non mi spaventava morire dopo aver passato anni a dispensare morte, e c'è una differenza tra le due.
Parlando per conto mio, ignorando i compagni, gli rispondo con un tono orgoglioso, che poteva suonare come disprezzo o arroganza ma, se davvero aveva bisogno di me, avrebbe dovuto digerire << Se avevate bisogno di me, donna, sarebbe bastato parlarmi, non chiudermi in una fossa o legarmi come una bestia. Inoltre non mi curo da lungo tempo della vita e della morte, e potrei decidere di portare con nell'oscurità della morte qualcuno di questi abitanti prima che una lama cali sulla mia testa, e non sottovalutami solo perche' sono prigioniero o legato.>> Aspetto un attimo, prima di continuare.
Mi incuriosiva che con un villaggio in cui risiedevano dei forti guerrieri, un membro della casta sacerdotale dovesse ricorrere a dei "mercenari", anche se l'offerta era solo di restare vivi. Molto insolito. Probabilmente aveva un problema da rimediare ma non poteva sporcarsi le mani di persona, lei o uno dei suoi uomini; la situazione mi era molto familiare...
<<Parli di avere guerrieri feroci e valorosi, sacerdotessa, le spade non ti mancherebbero, potresti ordinare alla tua gente di buttarsi nel fuoco se serve a una qualche forma di salvezza e loro ti obbedirebbero, eppure ti abbassi a dover trattare con degli stranieri impuri. La tua storia mi incuriosisce, donna: dimmi la tua proposta.>>


Dracodraconis ha scritto:lUOGO: Una fossa del villaggio di Nebin
ORA: Le prime luci dell'alba
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"


"E' impossibile risalire la parete, niente roccia, neanche argillosa, solo terra, in alto troveremmo la grata ... è veramente una situazione senza scampo. In quale situazione assurda sono stato gettato dal fato"

Arduino tristemente valutava la sua situazione appoggiato con la schiena alla parete, ogni tanto gettava un occhio al fondo di quel pozzo, la vista delle ossa non faceva altro che renderlo più angosciato. Volgeva lo sguardo verso i suoi compari di sventura, lo sconcertava il messer gnomo e la sua pantomima tutta a esaltare la sua persona; era dubbioso dell uomo di Norgarthen, un uomo d'arme certamente, ma il suo sguardo si posava soprattutto su Didagus e lo sorprendeva il suo atteggiamento, così protettivo nonostante le avversità, "Un cavaliere degno dei mantelli verdi del'Ordine dei Paladini".
Finché non vide quella donna e non sentì la sua strana proposta. Una donna importante, lo s'intuiva, e voleva barattare uno scambio con loro.

" Attento Arduino, perché mai questa proposta? Noi non siamo in una situazione di forza, alla sua vista non abbiamo lo stesso valore di una valente compagnia d'arme. Perché allora recede dalle intenzioni iniziali e chiede di fatto d'assoldarci?"

Si volta verso i compagni e parla loro:

-"Compagni, è ben strana questa proposta, veramente illogica a prima disamina. L'unica motivazione che la rende plausibile, e questo credo che l'abbiate capito tutti, è che ha bisogno di noi per una missione suicida, dove le possibilità di restare in vita sono poche ... nel migliore dei casi. Ma che alternative abbiamo? Se rifiutiamo è certa la nostra morte, credo che ai Druidi farebbe piacere un nostro rifiuto ... Per conto mio sono del parere di accettare, così si può paventare l'occasione di fuggire, tra l'altro. Didagus, non abbiamo alternative, inutile girare intorno alla questione, anche voi messeri dovete riconoscerlo, restare qui in attesa che ci giustizino non mi par saggio. Siamo d'accordo allora, accettiamo"

Alzando lo sguardo verso Aife risponde all'invito

"Mi sta bene signora, per conto mio accetto"


Lunastella ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA: le prime luci dell'alba
PG: TUTTI

Aife ascolta, un poco discosta dalla fossa, lasciando che i prigionieri parlino e discutano senza poterla osservare.
Soltanto le robuste spalle dei guerrieri si stagliano contro il nebbioso sfondo del cielo che lentamente si accende di una tenue luminosità opalescente.
Quando l'ultima eco delle parole di Arduino si spegne nell'aria immota, nulla accade per alcuni istanti, come se dall'altra parte della fossa non vi fosse più nessuno in ascolto.
Poi, la voce pacata della druidessa torna a farsi sentire, senza che ella si degni ancora di mostrarsi per dialogare con coloro che evidentemente ai suoi occhi valgono poco più degli escrementi che concimano il fondo.

"Non avrò risposte per voi sulla natura della missione che intendo affidarvi fintanto che non avrò un chiaro impegno da parte vostra. Il patto che vi propongo non vi da alcun diritto di contrattare o di imporre le vostre condizioni: è prendere o lasciare, vita o morte!"

Una studiata pausa di silenzio sottolinea il concetto di morte, che la druidessa lascia ben sedimentare nella consapevolezza delle sue vittime, prima di proseguire con tono tagliente come la lama di un coltello affilato.

"Tu, Umano di Nortgarthen, faresti meglio a cambiare tono, con me. Forse per te non conta vivere o morire e tuttavia la morte non ha niente di glorioso e onorevole, quando sopraggiunge al termine di un certo tipo di esperimenti scientifici, che sarò ben lieta di eseguire personalmente sul tuo corpo."

Un profumo di focacce appena sfornate raggiunge ora le narici dei prigionieri, rammentando al loro stomaco che è solo un sacco vuoto, che reclama cibo.
La mano della druidessa si protende sull'orlo della fossa, versando sulla terra delle pareti il contenuto di una brocca. Il liquido cristallino ricorda alle labbra dei prigionieri il tormento di una gola secca e piena di terra.
Il tono della druidessa assume ora il tono solenne di un rito.

"Offro alla terra l'acqua e il profumo del cibo che presto potranno avere coloro che accetteranno di servirmi. Presto saprete tutto: tu, gnomo, e voi, mezzelfi, mi sembrate ragionevoli. All'uomo di Nortgarthen tuttavia rispondo che ho bisogno di occhi attenti che osservino qualcosa, in un luogo che i guerrieri di Nebin non amano visitare. Ma in fondo tre di voi sono più che sufficienti per farmi questo piccolo favore... il quarto può servire ad altri scopi. Chissà qual'è la tua soglia di resistenza al dolore, Nor'Gar: potrebbe essere molto interessante scoprirlo insieme."

Spoiler: hide
Aife non scherza e vi ha dato un ultimatum: aspetta una definitiva risposta e un formale impegno da parte di ciascuno di voi, prima di ordinare ai guerrieri chi salvare e chi abbandonare al suo destino nella fossa. Non tollera insulti ne' toni confidenziali e non risponde ad altre domande. Esige una sola parola da ciascuno di voi: "si" oppure "no"
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: [Il Cromlech di Bran] Prima parte

Messaggioda Hashepsowe » lun 19 ott 2015, 14:19

Grifone ha scritto:LUOGO: Una fossa nel Villaggio di Nebin
ORA DEL GIORNO: le prime luci dell'alba
PG: Muninn

Nonostante avessi fame e sete, faccio lo sforzo di ignorare quello che viene buttato giù. Sarà che mi tornano in mente le frustate che il Barone mi avrebbe dato se in una situazione come questa avessi mostrato la debolezza di dare un minimo di cedimento mentale...

Quella vecchia strega mi stava stancando, non spaventando. Ero abituato a pensare ogni giorno in quante maniere potevano sgozzarmi, affogarmi, o tagliarmi le viscere se qualcosa andava storto, senza contare quelle che mi rammentavo che Zammert sapesse praticare sui suoi prigionieri per farli collaborare, e tutto senza magia. E il mio addestramento mi imponeva, se fossi finito prigioniero o sotto tortura, di morire senza dare nessun accenno di cedimento o rivelare informazioni. Il Barone non avrebbe mai tollerato di lasciare in vita un assassino che parlasse sotto "la costrinzione di un poco di dolore": piuttosto mi avrebbe strangolato prima con le sue di mani.
Non erano discorsi che mi impressionavano...
Ma quel poco che aveva accennato la druidessa mi incuriosiva: mi erano familiari quel genere di impieghi, e spesso avevano retroscena più spiacevoli di quello che si vorrebbe sapere, ma dopotutto non per niente erano quel tipo di compiti che si davano a mercenari o esterni.
Mi immaginai cosa sarebbe potuto succedere dopo però. Non pensai che la donna si sarebbe semplicemente fidata a darci una missione forzata, aveva in mano qualche carta che ci avrebbe costretto ad andare fino in fondo, probabilmente un incantesimo. L'unica maniera di uscirne da quelle situazioni era di andare fino in fondo, e aspettare la prima occasione giusta per ribaltare la situazione... sempre se si presentasse.
Ma mi mostro disinteressato alle minacce, e dico - Accetto. La tua storia mi incuriosisce, Donna, e ti prometto di portarla a compimento, se davvero sei disposta ad affidarmi un compito. Ma d'ora in poi tralascia le minaccie, le tue promesse di dolore e di morte non mi impressionano. Ho passato una vita a sopportarli entrambi, e ho visto destini più orrendi di quello che prometti. -

Tuttavia inizio a chiedermi se quella maga sapesse sul mio conto più di quanto fosse disposta ad ammettere. Avevo ammazzato maghi in passato, e avevo saputo che qualcuno di loro pare potesse prevedere il futuro. Se era vero, forse quella maga stava facendo più calcoli di quanto stessi sospettando, ma solo il tempo avrebbe mostrato i fatti.

Spoiler: hide
Caratterialmente, Muninn si fa uccidere in maniera brutale piuttosto che mostrare cedimenti sotto torture, e probabilmente il Barone ha addestrato i suoi agenti a suicidarsi anche prima di venire torturati, se necessario, affinchè non parlassero.


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Una fossa del Villaggio di Nebin
ORA: Prime luci dell'alba
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

Arduino ascolta le parole della druidessa e capisce che per il momento non vi nient'altro da fare se non accettare la sua proposta. Il destino, in futuro farà conoscere la sua volontà

-" Accetto, come già ti dissi, Druidessa. Da ora fino al termine di ciò che chiedi sono ai tuoi ordini. Spero che se sopravviverò a questa avventura, tu terrai fede alla parola dataci"

Si voltò verso Didagus, e con lo sguardo lo esortò a rispondere affermativamente


Nolorin ha scritto:LUOGO: Una fossa del Villaggio di Nebin
ORA: Prime luci dell'alba
PG: Didagus ap Xander


Sentendo l'affermazione di Arduino, Didagus sollevato dalla ragionevolezza del compagno risponde anche lui:
" Accetto il vostro incarico, Milady. Come disse il mio compagno di sventure, da ora fino alla fine dell'incarico. Anche se vorrei aver delle delucidazioni il più possibile accurate sulla natura dell'incarico. Non mi tirerò indietro, comunque. Dovessi affrontare un drago a mani nude."
"Dama Aife, accetto l'incarico"


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Una fossa del Villaggio di Nebin
ORA: Prime luci dell'alba
PG: Unsen


*sborbotta sotto voce*
poi dopo che tutti hanno finito, alza la testa verso l'uscita e dice
"uffa ma proprio vengo ignorato, e' da dieci minuti che voglio partire dato che qui non c'e' niente di interessante!"

posa l'osso con cui stava tentando di liberarsi le mani nascondendolo in una tasca e rialzando la testa dice
"insomma signora quando possiamo partire? qui mi sto veramente annoiando. Non c'e' niente da fare, poi con le mani legate non posso nemmeno fare qualche scherzetto a loro"
*sogghigna*

e aspetta. che lo tirino fuori


Lunastella ha scritto:LUOGO: Una fossa del Villaggio di Nebin
ORA: prima mattina
TEMPO ATMOSFERICO: cielo plumbeo, solcato da frequenti saette
PG: TUTTI


Avendo infine udito le parole che voleva ascoltare, Aife si ritira dalla fossa e parla concitatamente con i due guerrieri nella loro lingua gutturale e incomprensibile.
Pochi minuti più tardi viene calata nella fossa una grande cesta appesa ad una fune; all'interno di quest'ultima uno dei due guerrieri osserva i prigionieri con evidente disprezzo, turandosi il naso per i miasmi che aleggiano in quel tetro dimenticatoio. Si tratta di un omone grande e grosso, con lunghi baffi spioventi, barba ispida e rada e una lunga chioma di incolti capelli color del grano. Il turchino slavato dei suoi occhi non ha nulla di amichevole e pare piuttosto il freddo lucore di un ghiacciaio in una tersa giornata di tramontana. Le sue gambe nerborute sono fasciate da un paio di brache di ruvida stoffa a riquadri e il petto nudo e ricoperto da una fitta peluria, le spalle e le braccia tatuate con simboli di un bel colore blù elettrico... e naturalmente un lungo spadone assicurato dietro alla schiena.
Quando la cesta tocca il fondo, l'energumeno ne scende e, dopo aver sputato per terra accanto a ciascuno dei prigionieri, senza troppi complimenti solleva Unsen e Muninn e li lancia nella cesta, che lentamente risale, mentre i primi lampi rischiarano il nuovo giorno di una luce spettrale e sinistra.
Una volta raggiunta la superficie, altri due guerrieri assai simili al primo, solo con differenti colori di capelli e occhi, si accostano allo gnomo ed al Nor'Gar e li slegano. I due possono finalmente alzarsi in piedi e godere di libertà di movimento, anche se si rendono subito conto di essere costantemente sotto tiro da parte di una ventina di altri guerrieri armati di lancia che circondano la radura.
Nel frattempo la cesta viene nuovamente calata sul fondo della fossa, dove il primo guerriero ripete l'operazione con i due mezzelfi che possono finalmente ritrovare la libertà e la luce, proprio mentre il rombo del tuono lontano scandisce l'imminente arrivo di un temporale.
Anche Arduino e Didagus vengono liberati dalle funi e tenuti sotto tiro.
La cesta trasporta infine fuori anche il primo guerriero, che pare essere il comandante. L'uomo gracchia qualcosa ai suoi e fa segno ai quattro appena liberati di seguirlo lungo un'ampia strada sterrata, fiancheggiata da vetusti castagni.
Pesanti gocce di pioggia si abbattono su quella strana comitiva, che affretta il passo, fino a raggiungere una capanna un po' discosta dalle altre del villaggio. Aife attende sulla soglia e, dopo aver congedato i guerrieri, fa' sedere i prigionieri sulle morbide pelli che tappezzano il pavimento della sua dimora, davanti a stuoie ricolme di focacce ed altri cibi dal profumo invitante.

"Servitevi pure, signori e consideratevi miei ospiti per questa notte e fino alla vostra partenza. - il suo tono è ora stranamente cortese - Tra poco vi rivelerò lo scopo della vostra missione e la vostra meta, ma ora mentre vi rifocillate, volete infine rivelarmi i vostri nomi e lo scopo della vostra presenza in quella sciagurata carovana? Chiaramente posso leggere molto nel futuro... e molto altro me lo rivelano i vostri pensieri - il suo sguardo nero e vellutato indugia con una certa insistenza su Muninn - E tuttavia preferirei apprendere dalle vostre labbra quanto vorrete farmi sapere di voi."

Spoiler: hide
Dichiarate quello che volete fare (o ciò che volete dire ad uno o a tutti gli altri.. o ad Aife) e, se non ci sono azioni particolari, procederò quanto prima a mandare avanti l'avventura.


Nolorin ha scritto:LUOGO: Una fossa del Villaggio di Nebin
ORA: prima mattina
TEMPO ATMOSFERICO: cielo plumbeo, solcato da frequenti saette
PG: Didagus ap Xander

"Servitevi pure, signori e consideratevi miei ospiti per questa notte e fino alla vostra partenza. Tra poco vi rivelerò lo scopo della vostra missione e la vostra meta, ma ora mentre vi rifocillate, volete infine rivelarmi i vostri nomi e lo scopo della vostra presenza in quella sciagurata carovana? Chiaramente posso leggere molto nel futuro... e molto altro me lo rivelano i vostri pensieri E tuttavia preferirei apprendere dalle vostre labbra quanto vorrete farmi sapere di voi." dice Dama Aife... E Didagus non sa che cosa pensare... Dirle tutto? Lasciare stare? Dirle una mezza verità omettendo le ragioni del viaggio?

Seduto a gambe incrociate non prende il cibo nonostante la fame. Non è cortese parlare a bocca piena. Quando avrà finito di parlare forse prenderà qualcosa da mangiare. Si toglie i guanti e prendendo la parola dice:
"Dama Aife. Sono un mezzelfo, vivo come mercenario. Viaggio per il mondo da quando avevo pochi mesi, forse prima ancora di nascere. Mi sono unito alla carovana solo per raggiungere questo villaggio, Nebin, dove un amico di famiglia ha il suo domicilio. Un certo Reynolds. Era amico del mio maestro ultimo, che era uno di voi. Isil si chiamava, era un falconiere, anche lui un mezzelfo, come me e Arduino. Mi ha insegnato lui ad addestrare i rapaci. Mi parlava, mentre viaggiavamo per Ashura in cerca di pace e di sicurezze che vennero negate, di Nebin e della sua Foresta della dimenticanza. Sappiate però che senza la mia spada io non muoverò un dito, anzi nemmeno un capello. Ora per favore ditemi se posso trovare Reynolds prima della missione che ci affiderete. E quale sarà questa missione?" Finito di parlare, allunga la mano verso una focaccia e spezzandola con le dita si porta il pane alla bocca. "Sicuro. Tutto ciò è meglio dei vostri intrugli, nevvero Messer Nano? E sicuramente meglio ora che poco fa, che pensi, Arduino?"


Grifone ha scritto:LUOGO: Una fossa del Villaggio di Nebin
ORA: prima mattina
TEMPO ATMOSFERICO: cielo plumbeo, solcato da frequenti saette
PG: Muninn

I barbari non hanno modi gentili, che nel mio caso ora sono anche fuori luogo. Avevo promesso a Aife che avrei svolto il suo compito, ed ero almeno un uomo di parola. Con una tranquillità e mitezza che sembrano non appartenere allo stesso uomo uscito dalla fossa, seguo la donna, e il gruppo, fino alla sua capanna.

Per la prima volta il mio tono diventa cortese verso la sacerdotessa. In precedenza, stare in una fossa puzzolente, venire malmenato, insultato e minacciato, erano cose che non mi rendevano molto socievole: quando si hanno le catene ai polsi e ai piedi, il sarcasmo e la lingua tagliente erano le uniche armi di un prigioniero per non farsi sottomettere almeno nell'animo. Ma ora la situazione era da trattare con serietà.
Nonostante la fame e la stanchezza, vedo di trattenermi: c'è solo una domanda che volevo solo rivolgerle, ma non era per sapere qualcolsa di lei... ma farle conoscere qualcosa di me.
<<Immaginavo che potevate leggere nel futuro. Se è così, sono sicuro che potete conoscere anche il passato, sacerdotessa, sapere tutto ciò che serve sapere di me e quello che posso fare. E quello che posso capire, è che la vostra scelta di toglierci tutti e quattro dall'impiccagione non è stato nè un caso, ne una occasione data da circostanze fortuite: Nebin sarà un piccolo villaggio, ma dubito che non sia mai passato un qualche guerriero, o un qualche altro tipo di mercenario, a cui affidare il vostro compito. No, credo che tu debba aver scrutato il fato e intravisto la necessità della nostra presenza, o forse anche della nostra morte, in questa faccenda. C'è solo una domanda che intendo rivolgerti: sei davvero intenzionata a coinvolgermi nella tua missione? Io sono come una freccia scagliata dall'arco: una volta gettata, non può tornare indietro. Ti ho promesso che avrei concluso il tuo compito, e sono certo che sai già che lo farò senza ricorrere a costrinzioni; ciò che mi preme sapere, invece, è se la tua missione non causerà rimorso per quello che mi chiederai di fare. Una volta che mi avrai dato l'ordine, una volta affidato il compito, questo verrà eseguito e non potrai fermarmi dall'impedirmi di concluderlo. Perciò devi essere sicura della tua scelta, perchè è una conseguenza che non potrai cancellare.>>
Dopo un attimo, prima di sapere la risposta, dico rivolto a tutti <<Se avete bisogno di un nome, chiamatemi Rudolph. Se conoscete il suo significato, saprete anche che è il più adatto alla situazione in cui siamo.>>
Erano tutte parole abbastanza sincere, e la faccenda che l'aver accettato il suo compito mi avesse evitato l'esecuzione erano secondarie. Dubitavo che non fosse mai passato un qualche genere di mercenario in questo villaggio, dato che le carovane, anche se non frequenti, pare che a Nebin ogni tanto arrivassero. Eppure credevo che questa donna forse doveva aver aspettato l'arrivo di noi quattro, per le sue ragioni. Non sono il tipo che ha fede in un qualche dio, ma al fato ci credevo, e avevo l'impressione che il destino stesse tramando qualcosa, e che dovessi farne parte. Insomma, la curiosità avevano preso il sopravvento sulla paura o sulla sopravvivenza.

Dopo tutto questo, se possibile, chiedo se c'è dell'acqua per ripulirmi il vestito, dopo aver mangiato qualche boccone e ascoltato le storie degli altri ovviamente. Dopo essere stato ore la dentro, doveva essere infangato: non era tanto per l'igene... ma la puzza, nel mio lavoro, era pericolosa, avrebbero potuto scovarmi se tentavo di nascondermi in un qualche angolo buio...


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Capanna
ORA: prima mattina
TEMPO ATMOSFERICO: cielo plumbeo, solcato da frequenti saette
PG: Unsen

La camminata sotto la pioggia e' ottimale per ripulire il vestito sporco di terra e liquami.
Appena varcata la soglia della capanna unsen tira fuori dalla giacca un polverosissimo fazzoletto con il quale si asciuga il viso e le mani.

Appena viene offerto il cibo, Unsen si fionda a riempirsi la bocca, dato che era ormai due giorni che non mangiavam dato che pensava di essere ingrassao e voleva riguadagnare la forma fisica a lui piu' congeniale.

Purtroppo mentre mangia vuole anche rispondere alla donna, dimenticandosi di avere la bocca piena...

"mih mummfh mummfh muffhmm, mmh mmhhmhm fmmh mmfmfh mfmfmhff mmffmhmm ..."

Dopo qualche altro boccone deglutito contina

"...quindi e' per questo che mi sono rimesso in viaggio ed ho preso la prima carovana che partiva, dopo aver scoperto che portava qui mi sono detto"
aumentando il tono della voce
"dai Unsen sicuramente qui potrai trovare piante mai viste con proprietà molto interessanti"
ritorna al tono di voce normale
"quindi eccomi qua"
finito di parlare riporta lo sguardo sulle focaccine e rompe di nuovo l'indugio e riprende a mangiare.
Infine conclude il pasto gettandosi su di un tappeto ascoltando il resto della conversazione con gli occhi a mezz'asta


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Capanna
ORA. Prime ore del mattino
TEMPO ATMOSFERICO: Cielo plumbeo, solcato da frequenti saette
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"


Arduino volontariamente tace, prendendosi del tempo per rispondere a dama Aife ed intanto osserva i compagni.
La sua preoccupazione è quella di mantenere il vincolo di segretezza raccomandatogli dal' anziano del suo ordine, senza però risultare un mentitore, teme a ragione che la Druidessa scoprirebbe il suo inganno.
"Senza dubbio questa donna ha in se una potente magia druidica, sento il suo sguardo indagatore su di me. Ella mi scruta e mi osserva, credo di non rappresentare un enigma per lei, ma non posso fare a meno di essere riservato ... soprattutto verso i miei compagni, mi spiace per Didagus. Aife sicuramente capirà il mio agire"

-"Dama Aife, io sono un mezzoelfo dell'Ordine dei Raminghi. Su consiglio del'anziano del mio Ordine sono in viaggio per le Oasi, in modo da fare esperienze ed accrescere le mie conoscenze. Ovviamente mi è stato chiesto di raccontare le novità che a mio giudizio possono ritenersi importanti o comunque interessanti per la vita del mio Ordine. Per tale scopo ero diretto in questo villaggio. Sono sicuro che tu comprenderai benissimo ..."
Spoiler: hide
Arduino non si fida molto della misteriosa Aife, comprende che non è un caso il suo interessamento verso di loro, sospette che essa aspettava il loro arrivo. Come d'altronde ha delle riserve nei confronti dello strano gnomo e dell'uomo


Lunastella ha scritto:SCENA 2 - LA MISSIONE DI AIFE

Luogo. casa di Aife
Ora del giorno: primo pomeriggio
Tempo meteorologico: una giornata di pioggia torrenziale
Personaggi: TUTTI

Aife sorride compiaciuta, mentre ascolta i suoi “ospiti” ed osserva attentamente ogni loro gesto. E’ la prima volta che il sorriso rischiara i lineamenti perfetti del suo volto, ma vi aggiunge anche una luce inquietante, che non rassicura affatto gli animi dei quattro.
Sicuramente dalle parole di ciascuno, ha già ben compreso di che pasta siano fatti e fors’anche molto di ciò che essi hanno preferito tacere. Ma di certo a lei poco importa delle vicende del passato e men che meno dei sentimenti che muovono gli individui che ha davanti: l’unica ragione per cui sopporta la loro presenza è la missione che intende affidargli.

“Bene signori - esordisce senza ulteriori preamboli - Vi ho ascoltati e risponderò alle domande di ciascuno di voi, a suo tempo debito. Prima però desidero chiarirvi lo scopo della vostra missione. Se mai fosse necessario, vi ricordo che non avete altra scelta se non quella di assecondarmi o morire. Non amo particolarmente gli spargimenti di sangue, ma non amo neppure sprecare il mio tempo e quindi è necessario che voi comprendiate che se mi sono presa la briga di convincere gli uomini di Nebin a risparmiarvi la vita, è solo perchè mi potete essere utili. Ma ogni utilità verrebbe automaticamente a cessare, nel caso vi saltasse in mente di fingere di assecondarmi per cercare poi di fuggire.”
Il sorriso si spegne sulle labbra della druidessa, mentre il suo sguardo si fa minaccioso.
“Sappiate che sarete sempre e costantemente sorvegliati da un numero sufficiente di guerrieri e che essi hanno licenza di uccidere senza pietà chiunque accenni al minimo gesto di fuga.”
La bocca sensuale di Aife torna a distendersi in un’espressione meno arcigna.
“Ma siete intelligenti e credo non ci sia bisogno di insistere su un tale spiacevole argomento. Ecco in breve cosa mi aspetto da voi. Dovete sapere che, a Sud di Nebin, nei pressi della Vallata delle Voci Erranti, c’è un luogo sacro che è molto importante per noi druidi e per la gente del villaggio. Si tratta di un Cromlech, in cui vengono solitamente officiati rituali di divinazione, in virtù dei particolari fenomeni astronomici che vi si possono osservare. Ora da qualche tempo, accadono strani fatti: innanzi tutto le manifestazioni fenomenologiche risultano alterate, cosa che non ci permette di connetterci alle energie della terra per officiare i nostri rituali. Inoltre, dalle profondità della terra provengono misteriosi sussurri che spaventano i consultanti e spesso le torce ed i fuochi rituali si spengono all’improvviso senza nessuna spiegazione apparente. La gente di Nebin è oltremodo superstiziosa e così si è sparsa la voce che il Cromlech sia infestato da qualche demone maligno e tutti ne sono talmente terrorizzati che si rifiutano di entrarci. Noi druidi vogliamo che le cose tornino com’erano prima, ma per poter intervenire in modo mirato, abbiamo bisogno di capire cosa sta succedendo e quindi occorre che qualche ardimentoso scenda là sotto per scoprirlo: e qui entrate in gioco voi quattro! Non pretendo certo che siate voi a risolvere la situazione: tutto ciò che dovrete fare è entrare nel Cromlech, osservare tutto con attenzione e tornare a riferirmi le vostre deduzioni. A tutto il resto penseremo noi druidi.”

Aife tace, ma prima che qualcuno possa dar voce ai suoi pensieri, si affretta a soggiungere.
“Quanto a ciò che prima mi avete detto, signori, sappiate che nel caso siate intenzionati ad accettare, potrete recarvi subito al villaggio, naturalmente sotto scorta dei guerrieri che hanno il duplice incarico di proteggervi e di impedire la vostra fuga. Prima di uscire di qui, mi darete la vostra definitiva risposta.”

Lo sguardo di Aife si fissa sul volto di Didagus, mentre il suo tono assume una sfumatura sarcastica.
“A te, messer mezzelfo, che ci neghi di conoscere il tuo nome, dico che coloro di voi che accetteranno la missione a cui ho accennato, riavranno tutti i loro effetti personali prima di uscire dalla mia casa. Non ho mai sentito parlare di un tale Reynolds e neppure di Isil, ma di solito non frequento il villaggio e certamente non conosco tutti gli abitanti. C’è però una locanda, dove potrete alloggiare a mie spese prima di partire per la missione: la locandiera Wyndel conosce tutti e forse ti potrà aiutare.”

Gli occhi scuri di Aife si spostano ora su Muninn, il suo sorriso diventa più cordiale, in netto contrasto con il tono freddamente cortese.
“Oh-oh, mi compiaccio di vedere che accantoni la tua abituale... rudezza, messer Rudolph. E altrettanto lieta sono di apprendere che quando accetti un incarico vai fino in fondo: forse tutto sommato, finirai per diventare il più affidabile dei quattro. Franchezza per franchezza: me ne infischio del tuo passato, ma ho molto a cuore il tuo futuro, perchè gli uomini determinati e discreti sono merce preziosa. Naturalmente potrete tutti lavarvi e cambiarvi d’abito nella locanda del paese... credetemi avrei fatto volentieri a meno di ricevervi con gli odori che vi aleggiano intorno ma purtroppo le circostanze mi impediscono di osservare le regole dell’etichetta e delle buone maniere, per lo meno fino a che non saprò chi di voi intende collaborare e chi no.”

Con una sarcastica risata, la druidessa si volta adesso verso Unsenn, a cui rivolge la parola riprendendo il discorso da dove era stato interrotto, con tono casuale e leggero.
“Vedo che neppure tu, messer Unsenn, ti formalizzi più di tanto in fondo. E vedo che ti sei messo proprio comodo. Della tua storia ho inteso ben pocoma in fondo il tuo passato non ha per me maggiore importanza di quelleo di Rudolph e degli altri qui presenti. Stai pur certo che troverai pianticelle molto interessanti e rare all’interno del Cromlech, se avrai il coraggio di entrarci”

Infine lo sguardo della donna si fissa in quello di Arduino, a cui si rivolge con tono nuovamente serio ed altero.
“Messer Ramingo, mi appare evidente che la razza dei mezzelfi deve essere priva di nome. Ma puoi tenerti i tuoi segreti poichè non mi interessano affatto e l’unica cosa che desidero comprendere adesso è se intendi collaborare.”

Non appena Aife termina di parlare, sfiora con la mano un sonaglio appeso ad una delle pareti producendo un suono vibrante e prolungato; subito la porta si apre per lasciare entrare una vostra vecchia conoscenza: Kynon, il guerriero che vi ha condotti alla fossa il giorno prima.

Spoiler: hide
Non è ancora tempo di tirare i dadi, ma Aife ora vi ha esposto i termini della missione che intende affidarvi e prima di lasciarvi uscire dalla sua casa vuole avere una definitiva risposta da parte di ciascuno di voi: accetto o non accetto".
Potete farle altre domande, oppure seguire Kynon fuori dalla sua casa per farvi scortare da lui e dai suoi guerrieri fino al villaggio.


Nolorin ha scritto:Luogo. casa di Aife
Ora del giorno: primo pomeriggio
Tempo meteorologico: una giornata di pioggia torrenziale
PG: Didagus ap Xander


"Dama Aife. Chiedo perdono. Ho mancato di rispetto a voi, che siete una druidessa, a quanto capisco, molto influente. Chiamatemi pure Didago. O Didage. Ma non chiedetemi altro riguardo me e la mia storia. Sono per me e per me solo. Vi ringrazio per le informazioni ricevute. E accetto l'incarico." Poi guardando verso gli altri compagni aggiunge: "Signori, spero accettiate anche voi. Arduino, so che accetterete. l'avete ripetuto ben più volte. Messer Nano, so che i vostri intrugli sarebbbero utili, nonostante il loro odore pestilenziale. Quanto a voi messer Nor'Gar. Non è stato un piacere conoscervi, nè sarà mai un onore conoscere un Nor'Gar. Ma spero riusciate a venire in questa missione."
Alzandosi in piedi fa un cenno ai suoi compagni di (s)ventura e verso Aife, per dirigersi verso la porta si rivolge a Kynon:
"Guerriero. E' un onore rivedervi. Questa volta però spero non vi offenderete se userò le vostre usanze anche se vengo dal Nord. Dopotutto il mio defunto maestro era di Nebin."


Baudaffi ha scritto:Luogo. casa di Aife
Ora del giorno: primo pomeriggio
Tempo meteorologico: una giornata di pioggia torrenziale
PG: Unsen


dopo poche parole della druidessa il sonno pervade la mente di Unsen, ma la parola pianticelle rare lo riportano allo stao di veglia.

Spalanca gli occhi e fa un bel respiro profondo cercando di nascondere un tremendo sbadiglio.
Si alza di scatto e ...
"Sinceramente non so cosa sia un Nor'Gar, ma all'idea delle piante direi che ci possiamo mettere subito in marcia per non perdere tempo"

Detto questo si dirige verso l'uscita della tenda salutando ed un sorriso con un gesto della mano il capo delle guardie.


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Casa di Aife
ORA: Primo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Una giornata di pioggia intensa
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"


Arduino alza lo sguardo verso l'altera Druidessa, vorrebbe rispondergli a tono ma si trattiene, non è questo il momento migliore. Inspira più aria possibile nei polmoni e chiude per un attimo gli occhi, tutto questo gli ridona un po di calma e risponde:

-" Dama Aife, io ho certamente un nome, anche i mezzoelfi ne possiedono, in questo puoi stare tranquilla. Come hai detto tu prima, le circostanze del nostro incontro non sono state le migliori, incontro che io tra l'altro avrei evitato volentieri. Quindi scuserai il mezzoelfo presente se non ha tenuto conto dell' etichetta. In quanto ai miei supposti segreti, se ne ho, questi sono affari miei, come d'altronde hai ben specificato. A te del mio passato non può importar di meno. Per ultimo, detto per inciso, sarà la terza volta che grido il mio non volontaristico assenso. Ora lo ribadisco per l'ennesima volta"

-" Mi chiamo Arduino, accetto l'incarico e mi pongo al tuo servizio. Non dubitare, forse non è usuale per voi umani,i quali avete più parole date di foglie di un albero d'acero, ma per quanto mi riguarda non vengo meno a quella data, senza bisogno di frecce puntate alla schiena. Insomma, spettabile Druidessa, vediamo di chiarire le rispettive posizioni. A noi fai grazia della vita? Si certo, perché altrimenti dove troveresti quattro pazzi che volontariamente s'arrischierebbero di scendere in quel pozzo? Risultando chiaro questo, magari la nostra forzata conoscenza vira verso più consoni dettami"

-" Lo ribadisco alla presenza di tutti: io Arduino, Ramingo di Karen's Wood accetto l'incarico datami dalla Druidessa Aife e mi impegno a portarlo a termine a costo della mia vita. Grazie Dama Aife di darci la possibilità di toglierci il lordume di dosso"

Guardando con un lieve e triste sorriso la Druidessa, Arduino terminò di parlare e chinò il capo in attesa.


Grifone ha scritto:LUOGO: Casa di Aife
ORA: Primo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Una giornata di pioggia intensa
PG: Muninn

Mi sembrava tutto troppo semplice. Quell'incarico era uno scherzo! Perché non chiedere ad un Ramingo di passaggio (e credevo che nella zona non mancassero, anche di quelli non troppo religiosi ne superstiziosi) di dare un'occhiata al posto, anziché sforzarsi di risparmiare dalla forca quattro "individui indegni" dal loro punto di vista? I mercenari, come ogni soldato, sono pagati apposta per sopportare l'idea di essere pur sempre individui sacrificabili. Che siano prigionieri o meno non cambiava molto le cose.
C'è qualcosa che Aife non diceva, e avevo l'impressione che era inutile chiedere quello che non aveva intenzione di dire. Scommettevo che avrei dovuto scoprirlo da solo...
Ma in ogni caso, forse era questo mistero ad incuriosirmi nel compito, e la recitazione della donna, con le alternanze di piccole minacce e parole gentili, non faceva che stuzzicare la mia curiosità: desiderava risolvere la faccenda, ma forse voleva che certi segreti restassero tali. Chissà se il fato avrebbe mantenuto il silenzio sui suoi misteri durante questa storia.
Ma in ogni caso, i miei affari mi forzavano a dover svolgere quel compito: avevo bisogno di compiere delle ricerche a Nebin e dovevo poter essere "accettabile" agli abitanti del villaggio, non avevo fatto un lungo viaggio per tornarmene indietro a mani vuote. Se quello stupido che mi aveva cacciato in questa situazione non fosse già morto, forse sarei andato a ucciderlo io stesso... o perlomeno, gli avrei rotto le gambe come segno del mio disappunto.

- Hai già avuto la mia risposta, Aife - rispondo con semplicità - e le mie intenzioni non sono cambiate. Non ci rivedremo se non alla conclusione di tutto questo. -
Non avevo l'aspettativa di avere una risposta esaudiente, ma chiesi ad Aife - Di preciso, che tipo di rituali vengono svolti nel... Cromlech? A quale scopo è stato costruito? E se hai detto che dobbiamo entrarci... esattamente come sono fatti all'interno? Sono come catacombe? -
Nessuna pretesa di capirci qualcosa dei loro rituali o del loro credo, ma meglio che non saperne niente. Una cosa che avevo imparato un po' ad avere a che fare con i maghi e con la magia, certi fatti non vengono mai a caso: forse il posto aveva un qualche interesse per qualche forza maligna o qualche entità sovrannaturale, che cercava qualcosa di particolare dal luogo.

E poi, ovviamente, finisco di mangiare. Con calma... difficilmente qualcuno mi avrebbe convinto a smuovermi dal cibo, visto che era da un pezzo che non mangiavo e che non c'era più un bel niente da "dimostrare". Non si combatte a stomaco vuoto, dopotutto.

Faccio una valutazione di quelli che avrebbero dovuto essere i miei compagni di avventura. Che desolazione.
Per i due mezz'elfi avevo dei dubbi, e non perché avevano disprezzo di me.
I guerrieri tornavano utili, se non erano maniaci del valore o dell'onore. Io toglievo di mezzo i nemici colpendoli di nascosto sfruttando la discrezione, mentre i guerrieri desiderosi di menar le mani in genere entrano in una stanza facendo lo stesso rumore di un gregge di pecore. E spesso, proprio per questo, disprezzano chi preferisce agire dalle ombre.
Per l'altro mezz'elfo, era l'unico elemento del gruppo che mi sembrava davvero utile in questa situazione, con tutti questi boschi e ambienti selvaggi in cui ci saremmo mossi: non ero pratico di foreste, ma solo di città in malta e mattoni. Ma mi chiesi se non avesse provato a... imboscarsi (termine quanto mai appropriato nel suo caso) alla prima occasione che si sarebbe presentata: difficile dire se fosse un opportunista o meno, ma non mi sembrava sentirsi vincolato a questa faccenda nonostante le minacce a cui eravamo sottoposti.
In quanto allo Gnomo... sperai solo che almeno di magia ci capisse qualcosa. Sembrava un beato incosciente felice di non sapere se è rivolto a Est o a Ovest, o qual'è l'ora del giorno. Ma non era affar mio, purché non mi fosse d'intralcio: la zavorra spesso e volentieri la si abbandona per strada, lasciata al suo destino.
Avrebbero dovuto guardarsi le spalle da soli... non gli avrei fatto da guardia del corpo.


Lunastella ha scritto:LUOGO: Casa di Aife
ORA: pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Una giornata di pioggia intensa
PG: Muninn

Aife osserva per alcuni istanti Muninn che termina il suo pasto, senza più curarsi degli altri.
"D'accordo messer Rudolph. Ti sei conquistato il diritto ad avere qualche risposta. Termina pure con calma di mangiare: raggiungerai gli altri tra poco, perchè comunque non ho molto da aggiungere a quanto già detto. Kynon: per cortesia, porta gli altri nostri ospiti alla capanna in cui sono stati riposti i loro effetti personali, cosicchè possano rientrarne in possesso. Sii gentile e prendi tu stesso quelli di Messer Rudolph. Quando tornerete qui sarà anche lui pronto a seguirti al villaggio."

LUOGO: Capanna
ORA: pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Una giornata di pioggia intensa
PG: Didagus, Arduino e Unsenn

Kynon e i suoi guerrieri vi scortano fino ad una capanna poco distante da quella della druidessa, dove rientrate in possesso di tutti i vostri averi. Siete lieti di ritrovare tutto intatto.
Una decina di minuti più tardi vi ritrovate nuovamente fuori dalla capanna di Aife, dove Muninn vi attende accanto alla druidessa, che evidentemente non lo ha mai perso di vista.

TUTTI
Kynon consegna a Muninn i suoi averi e vi guida verso il villaggio. Aife vi augura buona cerca e vi saluta con un breve cenno del capo, dopodichè rientra nella sua casa richiudendo dietro a se l'uscio.

Spoiler: hide
MUNIN: hai la risposta di Aife in pvt
TUTTI: aspettate un post di Kronall-kynon prima di postare ancora
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: [Il Cromlech di Bran] Prima parte

Messaggioda Hashepsowe » lun 19 ott 2015, 14:28

Nolorin ha scritto:LUOGO: Villaggio
ORA: pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Una giornata di pioggia intensa
PG: Didagus ap Xander


"Bene. Guerriero, sapete dove posso trovare Reynold di Nebin?" Dice Didagus a Kynon mentre li sta guidando al villaggio.
"E soprattutto sapete dov'è il Cromlech? Penso che avremo bisogno di una guida del posto... Compagni? Io direi di racimolare informazioni in giro per il villaggio. Anche da Aife stessa. Ma prima alla locanda sarò felice di offrirvi una pinta di birra, se quella di qua è buona quanto quella dei Giardini d'Argento..."


Kronall ha scritto:LUOGO: Nebin
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Le vostre richieste vengono presto soddisfatte: Kynon vi conduce all'interno di quell'edificio basso e dal tetto piatto che avete notato non appena siete giunti a Nebin, e che una volta entrati riconoscete come una specie caserma. Una tinozza di legno dall'aspetto rustico (ma solido) vi attende in una saletta appartata.
Uno a uno, vi viene fatto cenno di spogliarvi e lavarvi.
I guerrieri non vi perdono di vista nemmeno un momento; uno di loro si prende addirittura l'incarico di versarvi acqua bollente nella tinozza, ma non c'è bisogno di un indovino per intuire che lo sta facendo di malavoglia: l'atmosfera è tesa e si taglia con il coltello... questa gente preferirebbe di gran lunga vedere le vostre teste infisse ad un palo piuttosto che scambiare una sola occhiata con voi, anche di sfuggita.
I vostri vestiti e i vostri averi (armi comprese) vi vengono prontamente restituiti. Date una rapida occhiata al vostro equipaggiamento e notate che non manca nulla.
Nel frattempo, il cielo inizia a schiarirsi e quando mettete piede fuori dalla caserma la pioggia è cessata. Un forte odore di muschio e terra umida assale le vostre narici...
Kynon si avvicina per darvi le ultime raccomandazioni. Nonostante le sue parole siano rivolte a tutti, il suo sguardo è principalmente rivolto a Didagus e Arduino.

KYNON: Siete liberi di girare per il villaggio. Se avete bisogno di equipaggiamento o viveri, la locanda della Vecchia Via è quel che fa per voi... è l'unica taverna che abbiamo, e si trova proprio in fondo a questa stradina. Seguitela e vi ritroverete nella piazza del villaggio.
Se avete bisogno di armi invece, rivolgetevi direttamente a me. Non aspettatevi che io disponga di chissà quali articoli, comunque... di solito produciamo soltanto le armi di cui necessitiamo, niente di più, niente di meno. Posso procurarvi giustacuori di cuoio, scudi in legno, lance, archi e spade in un batter d'occhio; per le armature di metallo invece dovrete attendere qualche settimana. Se avete bisogno di erbe, infusi o cure, potete rivolgervi al vecchio Drystan, che con un pò di fortuna troverete alla Vecchia Via... vive fuori città ma alloggia spesso nella locanda per assistere gli ammalati.
Ricordate che nonostante l'intervento della Druida, non siete i benvenuti qui, quindi fate attenzione a come vi rivolgete alla gente del luogo... parlo soprattutto con te, Nor'Gar, tieni a freno le mani e la lingua o i miei uomini provvederanno ad amputarti le une e l'altra. Fate quel che dovete e poi partiremo alla volta del Cromlech... io e gli altri 3 della scorta vi attenderemo qui.
In quanto a te Didagus, non ho idea di chi tu stia parlando... non conosco nessuno nel villaggio con quel nome, e se anche ci fosse, non penso che sia nativo del luogo. La vecchia Wyndel della Vecchia Via senz'altro saprà dirti di più: quella donna conosce vita, morte e miracoli di chiunque... delle volte penso che sappia persino delle cose di persone che devono ancora nascere ! Con lei non uscirai a mani vuote, mezzelfo.


Eccovi dunque a Nebin, meta originaria del vostro viaggio: non tutto è andato come previsto, ma almeno siete liberi di girare e chiedere informazioni...
Non sapete però quanto possa durare questa vostra 'libertà'... dal tono e dall'espressione di Aife e della gente del villaggio, sembra quasi che non vedano l'ora di gettarvi di nuovo in quella lurida fossa al minimo cenno di infrazione.


Spoiler: hide
PREMIO OBIETTIVO SECONDARIO (Guadagnare la libertà): 20 Punti Abilità ciascuno
Avete accettato l'incarico di Aife e quindi compiuto il primo passo verso la riconquista della libertà, quindi ottenete 20 Punti Abilità ciascuno come premio. Procedete ad aggiungerli al totale di Punti Abilità nella scheda del Personaggio che avete postato sul forum (Nolorin, manca ancora la tua...).

Piccola nota sull'Avanzamento dei Personaggi: in questo gioco è possibile migliorare le qualità dei vostri Pg in tre modi: al raggiungimento di un nuovo Livello di Abilità, tramite Esperienza Diretta oppure tramite supervisione di un Tutore.
Le regole dettagliate si trovano qui e le vedremo un poco per volta durante il gioco... per ora vi basti tenere a mente che l'accumulo di Punti Abilità è necessario a permettervi di raggiungere il Livello d'Abilità successivo, che comporta un aumento del totale di Punti Salute (divenite più resistenti grazie all'esperienza) e di Riserva Magica (la vostra energia spirituale aumenta). Raggiunto un certo ammontare di Punti Abilità, il vostro Livello generale aumenta. Da notare che ad un Livello di Abilità superiore non corrisponde necessariamente un Livello di Tratti superiore: i Tratti infatti miglioreranno indipendentemente dal Livello di Abilità generale del personaggio, come spiego brevemente sotto. Quest'ultimo però indica la vostra resistenza generale alle ferite e la quantità di incantesimi che potete lanciare nell'arco di una giornata, quindi è da non sottovalutare.
I Punti Abilità si ottengono al conseguimento degli obiettivi di Missione, sconfiggendo mostri e anche interpretando brillantemente il proprio Personaggio.
I Tratti invece migliorano tramite i Punti Addestramento, che si guadagnano semplicemente facendo uso del Tratto in questione (una piccola somma si guadagna anche al raggiungimento di un nuovo Livello d'Abilità). Nel miglioramento dei Tratti i Pg dotati di maggior Intelletto saranno avvantaggiati (poi vedrete come). Quando i Punti Addestramento raggiungono una certa soglia, il Tratto sale di un Livello con tutti i benefici che ciò comporta.

Chiusa questa parentesi, sta a voi decidere come si muoveranno ora i vostri Personaggi. Potete anche dividervi se lo ritenete opportuno.


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Nebin
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Unsen

Appena messo d'innanzi alla, per lui, vasca ricolma d'acqua calda, si spoglia in men che non si dica e si getta dentro schizzando chiunque si trovasse nelle vicinanze.
Dopo pochissimo tempo passato tra strofinamenti e risate si riveste ancora fradicio e ascolta Kynon.

Appena finisce di parlare, gli chiede.
"Dove posso trovare la zona vecchia della citta'? mi piacerebbe andare a vedere se il vostro Drystan mi puo' far vedere qualche cosa di particolare diquesto posto . . . o magari di utile o . . . divertente"
Conclude la frase nascondendo una risatina con la mano

Dopo aver ricevuto le informazioni si avvia ridacchiando sotto voce con lo scopo di cercare il vecchio Drystan.

Spoiler: hide
Presumo che le indicazioni mi vengano date.


Nolorin ha scritto:LUOGO: Nebin
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Didagus ap Xander

Mentre lo gnomo si sta avviando verso la bottega dell'erborista Drystan, Didagus lo ferma. Anche se si rivolge per primo a Kynon.
"Kynon, mi potete procurare qualche ascia da lancio, in cambio del mio arco? Poi penso che ci dirigeremo alla locanda...
Messer Nano, venite con noi? Un po' di luppolo filtrato per voi che amate le erbe non sarà male. Quanto a te, Arduino sono curioso di conoscere meglio la vostra storia. So che diventeremo amici... Messer Nor'Gar? Voi che farete? Io prima di partire vorrei riposare un po'..."


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Nebin
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"


"Una tinozza d'acqua calda, non vedevo l'ora di togliermi di dosso la sporcizia,che sollievo ma ... cosa fa quello gnomo, sguazza dentro la vasca, sembra un giovane papero. Che tipo incredibile, riesce a trovare il modo di divertirsi anche in questo frangente "
Arduino viene poi preso dai propri pensieri, è arrivato a Nebin, certo, ma la situazione non è buona, come fare a cercare notizie ... "Forse una birra... magari due chiacchiere con qualche viandante o un nativo non rancoroso, chissà"

Sente intanto il discorso di Kyanon e cerca di approfittarne,non chiede notizie, non vuole creare malintesi, ma un arma si:

-"Kyanon, potrei avere una daga al posto del mio coltello? Inoltre credo che mi potrà servire un giustacuori"

Guarda la compagnia, sente per Diadagus una certa affinità e decide ch'è meglio non dividersi ... anzi " E' meglio non dividersi fra noi tutti, ognuno di noi sarà utile alla compagnia"

-"Messer Didagus, verrò volentieri a bere un buon boccale di birra con voi ... ammesso che la facciano buona. Desidero vedere com'è la gente qui e scambiare due parole. Non riesco a credere che sia abitato solamente da gente infida. Messer Unsen, si unisca noi,la prego"

Tratto un po in disparte Didagus, Arduino gli parlò sottovoce:

-"Didagus, credo fermamente che Aife non abbia raccontato che una piccolissima parte di storia, così piccola da risultare non vera. Se il loro problema era soltanto quello, perché non l'hanno risolto da soli, con tutti i Druidi e gli incantatori che ci sono da queste parti? E poi, cosa abbiamo di speciale noi, perché Aife, che ci disprezza, vuole assegnarci questo compito? Non ci sono maghi potenti o incantatori fra noi, a parte lo gnomo, e per questo lavoro a che servono guerrieri? I boschi, pensavo fra me prima,
sono la mia casa, però di questo bosco che porta al Cromlech non mi fido, sento un qualcosa dentro me che mi avverte di stare attento ... un sentore di entità malvagia, non mi piace questo bosco anche se ancora non lo conosco. Ripeto messer Didagus, stiamo attenti"


Grifone ha scritto:LUOGO: Nebin
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Muninn

Non so come interpretare realmente il comportamento della donna. L'atteggiamento cordiale che aveva tenuto durante le discussioni poteva essere solo educazione, ma non era necessario tenerla nel nostro caso. Da un lato mi sembrava irritata della mia presenza e quella degli altri tre, ma da un lato sembrava anche felice. Oppure sotto c'era un briciolo di paura, nascosto in mezzo alla cortesia e disprezzo... scossi la testa, indeciso come valutare le cose. Non solo Aife stava tacendo su alcune cose riguardo all'incarico, ma mi dava l'impressione che stesse nascondendo anche qualcosa riguardo a sè stessa. Tra tutti gli individui che aveva trovato, quella donna aveva l'atteggiamento più strano di tutti.
E anche questo non faceva altro che aumentare la mia curiosità su quella faccenda.

Ignorando l'ostilità di Kynon, quando torna con i miei effetti personali gli rivolgo una domanda che, probabilmente, intuivo che ricadeva tra le cose che Aife riteneva dovessi "scoprire da solo". - Mi è stato detto che ci sono dei strani fenomeni a questo Cromlech, Kynon, ma ciò che non mi è stato detto è: quando avvengono di preciso? Ad un'ora del giorno, durante la notte, solamente quando si celebra un rituale, o in quali altri condizioni? Sarebbe ideale avvicinarsi in un momento dove la situazione è tranquilla, se possibile. Non sono superstizioso, ma dubito che la vostra sacerdotessa si sarebbe sprecata per me se non ritenesse che esista un pericolo concreto in quel luogo, perciò non ci facciamo notare nell'avvicinarci meglio è. -
Non che me la prendessi per l'ostilità di Kynon, se ancora me ne dimostra. Il sentimento era reciproco. Non mi piacevano i mezz'elfi. Dopotutto non mi piaceva neppure trattare con la mia stessa razza, figurarsi le altre.

Per ultimo, anch'io mi faccio un bagno, e mi prendo cura dei vestiti. Dovevo togliermi l'odore di dosso, e lo faccio con molta cura, e qualcuno potrebbe trovare ridicolo il mio improvviso interessamento verso l'igiene corporea...
Infine mi aggrego anche ai compagni che si dirigono verso la locanda. La mia intenzione sarebbe stata quella di partire il prima possibile, ma se davvero la locandiera sapeva tutto di tutti, come avevano colto le mie orecchie, dovevo sfruttare l'occasione per portare avanti i miei interessi all'interno di questa storia.
Fin'ora non ho scambiato ancora neppure una parola con loro, e probabilmente sarebbe stato così ancora per un pezzo.


Kronall ha scritto:LUOGO: Nebin
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

UNSEN
Le labbra del guerriero si contorcono lievemente, come se fosse sul punto di sorridere, per poi trattenersi all'ultimo momento.

KYNON: Non sei stato molto attento alle mie parole, Mastro Gnomo... Drystan alloggia alla locanda 'La Vecchia Via', che puoi trovare nella piazza del villaggio in fondo a questo sentiero.
In quanto alla possibilità che ti possa risultare 'utile' o 'divertente' beh... me lo auguro per te. Buona fortuna.

DIDAGUS E ARDUINO
Kynon annuisce in risposta alle vostre richieste.
Dispone di 10 Asce da Lancio e può vendervele al prezzo di 2 Drims Oro l'una. Non ha alcun bisogno di un Arco e preferisce essere pagato in denaro, in quanto Nebin è spesso meta di mercanti itineranti che accettano soltanto monete come merce di scambio.
Dispone di 4 Spade Corte (Daghe) e può vendervele al costo di 7 Drims l'una ; si separa dai Giustacuori di Cuoio (Armatura Leggera) per non meno di 10 Drims al pezzo.

Spoiler: hide
Kynon non fa credito, ma in caso di impellente necessità è disposto a prestarvi dell'equipaggiamento, vista l'importanza (per lui e la sua gente) della missione che state per intraprendere. Una volta tornati dal Cromlech dovrete restituirglielo.


MUNINN

Grifone ha scritto:
- Mi è stato detto che ci sono dei strani fenomeni a questo Cromlech, Kynon, ma ciò che non mi è stato detto è: quando avvengono di preciso? Ad un'ora del giorno, durante la notte, solamente quando si celebra un rituale, o in quali altri condizioni? Sarebbe ideale avvicinarsi in un momento dove la situazione è tranquilla, se possibile. Non sono superstizioso, ma dubito che la vostra sacerdotessa si sarebbe sprecata per me se non ritenesse che esista un pericolo concreto in quel luogo, perciò non ci facciamo notare nell'avvicinarci meglio è. -



Kynon evita di guardarti negli occhi mentre ti risponde; il suo tono è freddo e sbrigativo.

KYNON: Se la Druida non te l'ha detto, avrà i suoi buoni motivi.
Una situazione tranquilla dici? Quel posto non è mai tranquillo. Per cui, mettiti l'anima in pace... né tu né io possiamo prevedere ciò che accadrà quando metteremo piede in quel luogo maledetto. Vediamo se il tuo debole cuore di Settentrionale resisterà...

Detto ciò Kynon rivolge la parola ai suoi uomini, ignorandoti del tutto.

Spoiler: hide
Ci spostiamo in Locanda... se qualcuno ha qualcos'altro da chiedere a Kynon potrà ovviamente farlo subito o in seguito.

LUOGO: Locanda 'La Vecchia Via'
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Seguite le indicazioni di Kynon e procedete lungo il sentiero che taglia in due il villaggio; incrociate numerosi taglialegna e cacciatori che, esausti dopo una giornata di lavoro intenso, si accingono a dirigersi verso la locanda...
Durante tutto il tragitto le occhiate torve dei guerrieri non vi abbandonano mai. La gente di Nebin preferisce invece ignorarvi del tutto e non sapete dire con esattezza quale dei due atteggiamenti sia più preoccupante.
Raggiunto un piccolo spiazzo circolare, riuscite ad individuare immediatamente la locanda: è un edificio di due piani in mattoni, con tetto in legno e stalla annessa. Dal comignolo esce fumo copioso, e il chiarore del fuoco che si intravede dalle finestre è molto intenso; urla e risate sguaiate si odono fin da cento passi di distanza.
L'insegna in legno, che cigola rumorosamente sopra la porta, reca soltanto una scritta nel linguaggio del Vecchio Popolo: "La Vecchia Via". Non ci sono immagini o simboli di sorta.
Non appena entrate il calore e il frastuono del luogo vi avvolgono come una bolla di sapone. La locanda non è ancora piena di avventori , ma quei pochi che ci sono fanno rumore per cento. Sono troppo ubriachi per accorgersi della vostra presenza e si limitano a guardarvi di sottecchi per poi tornare alle loro faccende. Notate anche molte donne, la qual cosa vi lascia un pò interdetti: dai luoghi dove provenite voi le donne non frequentano spesso le locande...
La maggior parte degli avventori si accontenta di passare il tempo in compagnia di un boccale di birra scura, ma c'è anche chi canta a squarciagola canzoni sconce, chi narra i dettagli dell'ultima impresa di caccia (naturalmente ad alta voce...) e chi danza al ritmo della musica prodotta da un suonatore di zufolo improvvisato.
Vi fate largo tra rozzi tavoli sostenuti da robusti ceppi di legno e raggiungete il centro della sala, sgombro di mobilia, dove 4 cani sonnecchiano beatamente: non appena vi avvicinate però i cani scattano come molle e iniziano a saltellarvi attorno facendovi le feste e abbaiando; allora una voce di donna prorompe dai meandri della sala, con un esasperato tono acuto.

VOCE DI DONNA: Lepre, Dardo, buoni ! Per le tette di Epona, non vi basta quel che vi dò da mangiare ?

Adesso comprendete il motivo dell'interesse dei cani verso di voi: si accucciano ai vostri piedi e vi osservano, probabilmente in attesa di ricevere qualcosa da mettere sotto i denti.
Poi, all'improvviso, quello bianco con le orecchie lunghe (probabilmente Lepre...) scatta all'indietro e gli altri lo seguono. Seguendo con lo sguardo i cani, notate una donnona dall'incedere caracollante, ma al tempo stesso sicuro, farsi largo tra un gruppetto di avventori fermo accanto al bancone: le bestiole le si radunano attorno e iniziano a saltellare come pazze, parzialmente oscurate dall'ombra dello sproporzionato seno della donna.
Il suo faccione rubizzo mostra i segni dell'età, ma dai lineamenti traspare ancora un pò di quella bellezza che sicuramente lo contraddistingueva qualche decennio fa. La donna si asciuga le mani con uno straccio e vi sorride... la qual cosa non vi sfugge, in quanto è la prima volta da quando siete giunti in questo luogo che accade una cosa simile (se escludiamo i sorrisi di Aife, più gelidi delle tundre nordoccidentali).

DONNA: Benvenuti... (poi, rivolta ai cani) Giù , giù! Andate a dare la caccia a qualche micio o qualche scoiattolo! Comportatevi come cani normali, una volta tanto !

Allontanate le bestiole, la donna torna a rivolgere il suo sguardo verso di voi; gli occhi azzurro cielo sono quasi interamente sommersi dal grasso ma restano comunque vispi e allegri.

DONNA: Dicevo... benvenuti, io sono Wyndel e questa è la mia bettola! Se cercate un posto dove riempirvi lo stomaco, l'avete trovato. Perchè non vi sedete da qualche parte intanto? Ho da fare ancora per qualche minuto, poi sarò subito da voi!


Nolorin ha scritto:LUOGO: Locanda 'La Vecchia Via'
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Didagus ap Xander


Cordialità. Tanto tempo che Didagus non vedeva questa cordialità. Facendo un cenno ai suoi compagni si avvicina a un tavolo libero e toltosi la spada e lo zaino salle spalle li appoggia al tavolo senza perderli mai di vista. Intanto facendo cenno ai suoi compagni inizia a portare avanti un discorso sul Cromlech e su cosa potrebbero trovare là dentro.
"Bene signori. Penso che qui potremo toglierci di dosso questa curiosità di sapere. Spero solo non succeda nulla nel frattempo. Rudolph. So che tra noi non c'è buon sangue. Ma credo che faremo meglio a seppellire le armi tra noi. Tanto vale collaborare. cosa pensate? Quando entreremo in quel luogo maledetto che cosa troveremo? Cosa consigliate di fare? Io non proporrei di andare alla carica senza conoscere il nostro nemico. Arduino cosa pensate? E voi, Messer Nano? Riuscireste a creare qualche sostanza anche infiammabile? Qualcosa come del fuoco greco? Potremmo usare tali espedienti per salvrci la pelle... Insomma... Parliamo un poco per conoscerci meglio e vedere la strategia migliore da usare in questo frangente."


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Locanda 'La Vecchia Via'
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Unsen

mentre Didagus parla "E voi, Messer Nano? Riuscireste a creare qualche sostanza anche infiammabile? Qualcosa come del fuoco greco? Potremmo usare tali espedienti per salvrci la pelle... Insomma... Parliamo un poco per conoscerci meglio e vedere la strategia migliore da usare in questo frangente."...

Le orecchie di Unsen vennero raggiunte da questo suono mentre con scatto felino abbandona il gruppo e inizia a girare tra i tavoli in cerca del vecchio. Purtroppo le parole del compagno anche se arrivano all'orecchio non vengono considerate.

Dopo un primo giro di riconizione non e' convinto dell'effettiva presenza del vecchio curatore, quindi decide di usare il cervello...

Va al bancone, monta su uno sgabello in piedi per farsi vedere e urla alla donna che si e' appena presentata:
"Ehi! signora Wyyyyndeeeeeeel! dove lo trovo il vecchio? Sai quello che cura gli altri, devo chiedergli una cosa... signora Wyyyyndeeeeeeel! signora Wyyyyndeeeeeeel!"

Dopo l'ulro si gira verso i compagni e sorride, cercando di far capire ai compagni che ha la situazione sottocontrollo.

Spoiler: hide
Inoltre osservo le reazioni degli altri astanti cercando di capire se tra i presenti c'e' il vecchio o no


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Locanda "La vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

Arduino procede cautamente nella locanda, la sua naturale diffidenza lo porta ad agire con circospezione. Non si fida, teme che un nonnulla lo riporti dentro quella fossa e al capestro. L'esuberanza della taverniera d'altronde lo fa ben sperare, "E' l'unica che in questo posto di persone malevoli e ubriache mi può aiutare ... come procedere per guadagnarmi la sua fiducia? Cosa chiedere e come?"
E' preso da questi pensieri quando sente Didagus parlare, pondera le parole sentite, ne apprezza la saggezza che le ispira, anche se capisce che il suo compagno non deve aver prestato a quanto già gli aveva detto per via,

-"Messer Didagus, mentre c'incamminavamo vi ho fatto conoscere il mio pensiero, a favore degli altri lo posso riassumere così: io non credo a quanto sentito da Aife, ovvero ci ha detto così poco e in maniera così criptica da risultare alla stregua di una bugia. Non mi capacito come possa aver bisogno di noi, due guerrieri, un ramingo inesperto e uno gnomo che si definisce incantatore. Contro chi dovremo usare le spade o l'arco? Contro gli spiriti? Suvvia messeri, non facciamo gli ingenui. Se poi servivano esploratori, ve ne sono di più esperti, Druidi compresi. Secondariamente, solo in ordine d'esposizione, messeri voi credete veramente che se dalle sue informazioni ( ripeto: se l'è tenute per se ) Aife non ritenesse che comunque avremmo perso la vita, ci avrebbe tolti dalle mani degli aguzzini? No, se vi è riuscita è perché ha detto loro che moriremo ugualmente, solo in modo più vantaggioso per loro. In ultimo, come vi avevo accennato, ho dei presentimenti riguardo il bosco che dovremo attraversare, è malvagio. Voi sapete che io sono un silvano, e fra i boschi e le foreste son di casa, li amo. Eppure di questo non mi fido, dico: attenzione"

-"E voi messere di Nor'gar, sicuramente siete uomo d'armi esperto, cosa ne pensate?"

Mentre stava parlando vide lo gnomo saltar sui banchi e gridare a squarciagola sorridendo verso di loro

-"Ma cosa fa? Quel tipo è veramente incredibile. Non perde occasione per mettersi a giocare. Spero che almeno sia veramente esperto di pozioni"

Spoiler: hide
La più grande preoccupazione per Arduino è riuscire a conquistare la fiducia della taverniera per avere risposte. Ha comunque poca fiducia di ritornare vivo da questa missione. La sua acuta percezione lo "avvisa" che fa parte di un imbroglio ben congegnato da parte di Aife


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda 'La Vecchia Via'
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Rispondo alla scortesia di Kynon con il mio classico tono pungente <<Allora mi auguro che i tuoi uomini abbiano il passo leggero, altrimenti potrebbe essere il loro ultimo viaggio.>> e sorrido cupamente.

Arrivati alla locanda, provo ad accarezzare la testa dei cani che mi fanno le feste: ecco, se non sopportavo le persone, gli animali si. Almeno erano creature sincere: non avevano bisogno di fare macchinazioni o intrighi per fare qualcosa.
Mi siedo al tavolo assieme ai miei compagni di sventura e mi levo il cappuccio.
Mi rivolgo per primo a Dingus <<Messere Dingus, a me non interessa quello che pensate di me, come a me non interessa fare amicizia con voi. Ma dato che siano coinvolti a nostro malgrado in questa faccenda, mi basterà che riusciate a svolgere il vostro compito, restando intero possibilmente: un guerriero senza mano o senza gambe serve a poco, e io non sono addestrato a riattaccare membra. Ma se vuole sapere cosa fare, sarà meglio sfruttare i nostri aguzzini e lasciarli scoperi ai pericoli se durante il viaggio nel bosco ci capiterà qualche brutta situazione: sono decisamente sacrificabili, per quel che mi riguarda. Per quel Cromlech c'è poco da fare: tutto quello che ne so che è l'ambiente interno è fatto da piccole stanze, e a quanto pare il luogo è perennemente infestato da qualcosa. Credo anche che sia quel tipo di posti che hanno un'unico ingresso, ma qui tiro ad indovinare. Il resto lo si dovrà valutare raggiunti sul posto: sarà meglio osservare il luogo dall'esterno a lungo prima di metterci piede.>>
Poi rivolgendomi ad Arduino << Volete sapere cosa ne penso? Sicuramente la druida ha taciuto su troppe cose, e ha il classico atteggiamento da cospiratrice della gente del suo stampo, ma non credo che il suo scopo sia diretto alla nostra morte, nonostante potrebbe anche accadere... >> incrocio le mani << ... a me è sembrata come preoccupata di qualcosa che potrebbe succedere, anche se è disposta a sopportarne i rischi. Se davvero la donna sta tendendo una trappola, messer Arduino, dovrebbe prendere in considerazione che noi potremmo non essere le vittime, bensì l'esca. Il che forse questo è peggio di essere lo scopo della suddetta trappola, perchè ci stringe ancora di più in questa storia più di quello che vorremmo. Ma è ancora troppo presto per fare constatazioni.>>
Alla fine aspetto che arrivi la taverniera...

Spoiler: hide
Ricordo che il mio PG ha fornito un altro nome da usare, Rudolph, non ha usato il suo "vero".


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda 'La Vecchia Via'
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Rispondo alla scortesia di Kynon con il mio classico tono pungente <<Allora mi auguro che i tuoi uomini abbiano il passo leggero, altrimenti potrebbe essere il loro ultimo viaggio.>> e sorrido cupamente.

Arrivati alla locanda, provo ad accarezzare la testa dei cani che mi fanno le feste: ecco, se non sopportavo le persone, gli animali si. Almeno erano creature sincere: non avevano bisogno di fare macchinazioni o intrighi per fare qualcosa.
Mi siedo al tavolo assieme ai miei compagni di sventura e mi levo il cappuccio.
Mi rivolgo per primo a Dingus <<Messere Dingus, a me non interessa quello che pensate di me, come a me non interessa fare amicizia con voi. Ma dato che siano coinvolti a nostro malgrado in questa faccenda, mi basterà che riusciate a svolgere il vostro compito, restando intero possibilmente: un guerriero senza mano o senza gambe serve a poco, e io non sono addestrato a riattaccare membra. Ma se vuole sapere cosa fare, sarà meglio sfruttare i nostri aguzzini e lasciarli scoperi ai pericoli se durante il viaggio nel bosco ci capiterà qualche brutta situazione: sono decisamente sacrificabili, per quel che mi riguarda. Per quel Cromlech c'è poco da fare: tutto quello che ne so che è l'ambiente interno è fatto da piccole stanze, e a quanto pare il luogo è perennemente infestato da qualcosa. Credo anche che sia quel tipo di posti che hanno un'unico ingresso, ma qui tiro ad indovinare. Il resto lo si dovrà valutare raggiunti sul posto: sarà meglio osservare il luogo dall'esterno a lungo prima di metterci piede.>>
Poi rivolgendomi ad Arduino << Volete sapere cosa ne penso? Sicuramente la druida ha taciuto su troppe cose, e ha il classico atteggiamento da cospiratrice della gente del suo stampo, ma non credo che il suo scopo sia diretto alla nostra morte, nonostante potrebbe anche accadere... >> incrocio le mani << ... a me è sembrata come preoccupata di qualcosa che potrebbe succedere, anche se è disposta a sopportarne i rischi. Se davvero la donna sta tendendo una trappola, messer Arduino, dovrebbe prendere in considerazione che noi potremmo non essere le vittime, bensì l'esca. Il che forse questo è peggio di essere lo scopo della suddetta trappola, perchè ci stringe ancora di più in questa storia più di quello che vorremmo. Ma è ancora troppo presto per fare constatazioni.>>
Alla fine aspetto che arrivi la taverniera...

Spoiler: hide
Ricordo che il mio PG ha fornito un altro nome da usare, Rudolph, non ha usato il suo "vero".


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Locanda 'La Vecchia Via'
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Unsen

Dopo la risposta della taverniera il piccolo gnomo salta dal trespolo e corre come un pazzo su per le scale cercando la prima stanza a destra.

Arrivato all'uscio, apre delicatamente la porta e entra timidamente, cercando di fare meno rumore possibile.

Con lo sguardo cerca velocemente il vecchio curatore e appena lo vede si avvicina misurando benei passi.

Quando si trova ad una distanza di un paio di passi umani si presenta.

"Salve sono Unsen un famoso alchimista, posso esserle utile in qualche maniera?"

Lo osserva molto attentamente aspettando la sua risposta.

Spoiler: hide
Ehm non ho mai scritto di essere un incantatore,ma solo un alchimista... fate attenzione.


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

Arduino arrossisce visibilmente alle affermazioni della donna, le sue orecchie a punta diventano così rosse da brillare nella penombra, potrebbero essere usate come lampade. Egli è timido di natura, soprattutto riguardo l'altro sesso. In vita sua ha vissuto fiammate amorose ( solo da parte sua) e sporadiche "amicizie". Nessuna fidanzata lo aspetta bramante a casa.

-" Ecco ... sgrunt!, cof!, (gli va di traverso la saliva!), ecco ... dicevo, si, sposarmi ... non ci avevo pensato. Beh!, prima dovrei trovare qualcuna che mi vuole (adesso si gratta la testa e pensa "che tipo questa qui, è simpatica però"), io sono un Ramingo, non è facile, sono un po penalizzato. Sono magro è vero, cammino tanto, forse è per questo, ma se mi porta del cinghiale ... ecco ... lomangereivolentieri"

Lo dice così, tutto attaccato e abbassando la voce in un sussurro. Non aveva mai conosciuto donne come quella taverniera e lo intimidisce più di Aife. Gli viene in mente qualcosa, sospira e continua

-"Avete una bella locanda, molto frequentata, chissà quante avventure e quante storie sono passate di qui. Stranieri, avventurieri, mercanti. Peccato esserci conosciuti in un tal frangente, mi sarebbe piaciuto conversare un po con la gente del posto con una bella birra in mano ... grazie di tutto comunque"


Spoiler: hide
Il pensiero di Arduino è sempre lo stesso: adempiere alla sua missione originaria. Quello che gli è capitato in questi giorni è solo una gran seccatura da portare a termine.
PS scusami Baudaffi, non l'ho fatto apposta, chissà come mi è venuto in mente. Starò più attento in futuro


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Muninn

<< Milady, io gradirei una delle vostre birre. >> chiedo alla locandiera, con un atteggiamento più garbato e galante che conosco <<E soprattutto, mi è stato riferito che lei è gli occhi e le orecchie di questo piccolo paese, e c'è giusto una persona che sto cercando: conoscete se qui abita un certo messer Reynold? E' un amico di un mio vecchio amico, e ho fatto un lungo viaggio per poterlo incontrare.>>
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: [Il Cromlech di Bran] Prima parte

Messaggioda Hashepsowe » lun 19 ott 2015, 14:35

Nolorin ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Didagus ap Xander

<<E soprattutto, mi è stato riferito che lei è gli occhi e le orecchie di questo piccolo paese, e c'è giusto una persona che sto cercando: conoscete se qui abita un certo messer Reynold? E' un amico di un mio vecchio amico, e ho fatto un lungo viaggio per poterlo incontrare.>>



Appena sente ciò Didagus, rimane un po' sorpreso...
"Non pensavo stessimo cercando la stessa persona Messer Rudolph... Cercate di capire Signora... Anche io, Dama Wyndel, sono sulle tracce di un certo Reynold di Nebin. Era amico del mio Maestro, Isil, anche lui era uno di qui. Magari lo conoscevate... Che il suo spirito abbia pace..." Una singola lacrima solca il viso del cavaliere, ripensando al so vecchio maestro, mentre altri ricordi riaffiorano alla sua mente, sepolti troppo a lungo nel suo cuore. Ma è pur sempre un cavaliere e ricacciando indietro le lacrime, e mantendo un po' di cortesia, chiede:
"Ho sentito la parola cinghiale poco fa... E penso che la birra che proponete non sia per niente male. Me ne potreste portare un boccale? E un piatto di cinghiale appunto sarebbe non poco gradito. Si ragiona meglio a stomaco pieno."
Poi estraendo dallo zaino un foglio di carta con penna e calamaio, inizia a scrivere una poesia. Mens sana in corpore sano, dopotutto.


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
PG: Unsen


un rombo come se una mandria di mufloni stesse per raggiungere la stanza principale della locanda, purtroppo il rumore deriva solo da un unico essere... un essere di statura ridotta... che corre e si fionda verso un tavolo ben preciso...
Arrivato alla panca salta su e cerca come un cane da caccia la sua preda...

"Mi avete lasciato qualcosa da mangiare o da bere?"
Gira frettolosamente la testa in cerca di un piatto con del cibo
"Su dai non fate i taccagni tirate fuori qualcosa da mangiare"
Nel mentre lo dice prova ad afferrare il boccale di Rudolph nel tentativo di bere il contenuto

Spoiler: hide
La scelta del pg da cui bere e' avvenuta in maniera puramente casuale :P


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
PG: Muninn

Tiro un pugno allo gnomo che tenta di mettere le mani sulla mia birra.
Io ODIO chi prova a sfilarmi i boccali di birra dalla mano...

<< Paura del buio, signori? Invece la notte è un comodo manto che protegge chi sa muoversi in esso. Non bisognerebbe avere paura di qualcosa che può proteggerci. >>
Non ho particolari preferenze sulla partenza. E nel frattempo, dovevo escogitare qualche stratagemma per trovare la camera che mi serviva. Mi guardo attorno alla locanda per vedere se c'è qualcosa che possa usare per trovare la camera di Reynold... per esempio una rastrelliera al muro dove tengono le chiavi, o le missive da recapitare nelle camere.

Spoiler: hide
Si, Muninn gli tira un bel caXX*, e non gli importa se gli rompe qualcosa allo gnometto :lol:
Posso anche inventarmi qualcosa per beccare la stanza, ma mi serve sapere se c'è qualcosa che si può sfruttare :P


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

Arduino rimane meditabondo sulle parole di Wyndel, con le sue parole sembrava spronarlo a provarci a tentare d’ intavolare quattro chiacchiere con qualche avventore e allo stesso gli raccomandava prudenza, se non addirittura lo sconsigliava. “ Credo che la taverniera abbia compreso di più sulle mie intenzioni di quanto lasci credere. E’ una donna furba e intelligente, sa come barcamenarsi nelle situazioni”.
Volge poi l’attenzione verso Didagus e l’uomo Nor’gar e chiede le loro intenzioni

-”Messeri, qual è il vostro pensiero? Affittiamo una camera o incominciamo subito a prendere la via per il Cromlech? Per conto mio preferisco muovermi con le prime luci del mattino, partire con l’avvento delle tenebre non mi pare opportuno”

Sentita la risposta di Rudolph, Arduino esprime un suo pensiero:

-“Messer Nor’gar, le tenebre possono rendere invisibile un viaggiatore, ma non sono favorevoli, soprattutto quando non si conosce il territorio e chi o cosa vi abiti o lo … possegga. Scusi la franchezza messere, ma la vostra risposta mi sembra alquanta sciocca e priva di saggezza”

Dopodiché, senza aspettare alcuna risposta, si alza dal tavolo e s’avvia a gironzolare fra i tavoli, la sua speranza è quella di trovare qualcuno con cui attaccar bottone, magari un avventore solitario e straniero come lui. Un mercante forse, o un esploratore, che conosca la zona e ciò che vi avviene. Un nativo è difficile, in quanto ancora malevoli verso di loro. “Spero di trovare qualcuno, che la sorte mi assista …”


Nolorin ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG:Didagus ap Xander

"Rudolph... Se è vero che cerchiamo la stessa persona, non penso che sarà un male fidarci l'uno dell'altro. Io non sono un ladro, nè approvo tale comportamento, ma se voi riusciste ad intrufolarvi nella stanza del nostro comune contatto senza farvi notare potrei considerarvi in maniera differente. Lo so, non ve ne potrà importare nulla, ma dopotutto, siamo solo ombre effimere in questo mondo..." dice Didagus all'orecchio del suo compagno prima che questo con un pugno stendesse il povero Gnomo... Se l'era cercata davvero. Ma è un compagno anche lui. "Messer Nano, prendete pure del cinghiale dal mio piatto. E' davvero ottimo." Poi continua verso Arduino:
"Io partirei comunque il prima possibile cioè domattina. Ho altro da compiere che disinfestare cromlech in disuso. Prima ci caviamo d'impaccio meglio è. Ma è anche vero che non voglio andarmene senza aver avuto notizie precise riguardo a Reynold."
Spoiler: hide
Il piatto di Didagus è pieno ancora a metà. Insomma non sono avanzi mangiucchiati :lol: :lol: ...


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Non appena la piccola e callosa mano dello Gnomo si poggia sul boccale del Nor'Gar, questi sferra un poderoso gancio che centra in pieno il povero alchimista (vedi spoiler per dettagli: Muninn ha ottenuto un Successo Critico e arricchirò la descrizione in un secondo momento, in base agli Effetti Critici che Grifone sceglierà).
Dai tavoli adiacenti si levano alte risate e incitamenti:

"Vai così ! Dagli di gusto al PellediLegno!"
"Finalmente una bella rissa..."
"Io scommetto sullo Gnomo, ma solo perché non sopporto il Nor'Gar !"

Nel frattempo il giovane Arduino si aggira tra i tavoli in cerca di qualcuno con cui parlare... e si accorge ben presto che non c'è molto tra cui scegliere: matrone dai lunghi capelli grigi che scherzano coi loro mariti, ubriachi (del tipo 'allegro'), ubriachi (del tipo 'catalessi') e ubriachi (del tipo 'aggressivo'); giocatori di Hnefatafl (un gioco tipico della cultura del Vecchio Popolo, simile alla dama) e suonatori di flauto ; guerrieri, il cui solo sguardo è più che sufficiente a far capire al mezzelfo che non sono molto inclini alla conversazione...
Proprio mentre il Ramingo sta per perdere le speranze, avverte un tocco leggero sul suo braccio. E' una delle assistenti di Wyndel, la fanciulla dai lunghi capelli neri e dalle forme generose...
Sembra quasi timorosa di avvicinare il mezzelfo, probabilmente per via dell'incidente occorso nella foresta. I suoi occhi del colore dei germogli appena sbocciati fissano intensamente quelli di Arduino, come se volessero leggergli nell'anima (ma con il solo effetto evidente di farlo sentire a disagio).

INSERVIENTE: Serve qualcosa, mio signore ? Wyndel è indaffarata altrove, ma potete chiedere a me se necessitate di altro vino o pane.

Spoiler: hide
Per prima cosa bisogna stabilire se il colpo di Muninn centra il bersaglio. Si procede con un Test di Lotta a Mani Nude: il Risultato dovrà essere pari o superiore al Valore Difesa dello Gnomo. Il VD è sempre pari a 6 + eventuali Tratti applicabili, in questo caso 'Lotta a Mani Nude' (lo Gnomo ha 1 Livello in questo Tratto, come tutti)... ma visto che Unsen non si aspettava certo un attacco da parte di Muninn (o almeno questo è quello che mi dice il mio buon senso) non considero il bonus derivante dal Tratto e lascio il VD del bersaglio a 6.
Muninn ha 3 Livelli nel Tratto e d8 di Coordinazione, quindi lancio 3d8 e considero il risultato più alto, che dovrà essere uguale o superiore a 6:

Scena II, Locanda 'La Vecchia Via': Test di Lotta a Mani Nude per Muninn (obiettivo: colpire Unsen) (1d8=7, 1d8=8, 1d8=5)

Muninn ha ottenuto il massimo (8 su un dado a otto facce), quindi ritiro e aggiungo il nuovo risultato al precedente :

Scena II, Locanda 'La Vecchia Via': Test di Lotta a Mani Nude per Muninn (obiettivo: colpire Unsen), Tiro Aperto (1d8=6)

Il totale è quindi 14, che è più del doppio di 6: quando un Pg ottiene un risultato doppio, triplo, quadruplo e via dicendo (in qualsiasi Test, anche non relativo al combattimento) questo è da considerarsi un Successo Critico di Primo, Secondo, Terzo Livello e così via.

Ottenere un Critico significa aver svolto l'azione particolarmente bene, a tal punto che il Pg può beneficiare di alcuni vantaggi correlati al compito che si stava svolgendo. Nel caso di Azioni non correlate al combattimento il Master semplicemente decide cosa succede: se il Pg stava costruendo qualcosa e ottiene un Critico, il prodotto finale finale potrebbe rivelarsi più resistente, più efficace oppure più bello (ad esempio una spada di fattura superiore) ; altrimenti, il pg porta a termine il compito in metà tempo (o un terzo, o un quarto a seconda del Livello di Successo Critico ottenuto).

Nel caso del combattimento invece il Pg che ottiene un Successo Critico deve selezionare uno o più Effetti Critici da una tabella (che trovate qui).
La lista comprende gli effetti disponibili e il costo in Livelli: in questo caso Grifone può selezionare un totale di 2 Livelli di Effetti Critici, visto che il suo Pg ha ottenuto un Successo Critico di 2° Livello; se avesse ottenuto un Successo Critico di Terzo Livello avrebbe potuto selezionare Effetti Critici per un totale di 3 Livelli. Scegliete tenendo conto delle vostre preferenze, della personalità del Pg e delle vostre strategie.

Da notare che il Giocatore dovrà comunque tener conto della situazione specifica... in questo caso l'effetto 'Colpo agli Arti Inferiori' non sarebbe da ritenersi valido, perché Unsen è basso e per giunta Muninn l'ha colpito da seduto (l'umano non può vedere le gambe dello Gnomo che per quanto sia in piedi su una sedia resta coperto dal tavolo per metà), quindi è impossibile che il colpo centri le gambe.

Dopo aver stabilito l'entità del colpo critico si passa al calcolo dei danni subiti, che vanno detratti dal totale di Punti Salute: quando questo ammontare scende a zero il vostro Pg è in serio pericolo di vita (per maggiori dettagli leggete questo paragrafo).

In questo caso il colpo di Muninn (essendo portato a mani nude) infligge soltanto un numero di danni pari al risultato del lancio di un dado a 4 facce, + 1 punto bonus per via del Tratto 'Forza':

Scena II, Locanda 'La Vecchia Via': Calcolo dei Danni per Muninn (1d4+1=3)

Unsen subisce 3 Danni, che portano il suo ammontare di Punti Salute a 3. Si tratta di 'danni da stordimento' , perchè non provocati da un'arma potenzialmente letale: lo Gnomo potrà recuperarli nel giro di qualche ora.

Da notare che un Pg ottiene Punti Addestramento quando utilizza un Tratto con successo ; ma in questo caso, l'azione non era correlata agli obiettivi di missione... se Unsen fosse stato una spia inviata da Aife per sorvegliare i Pg o per indurli a commettere qualche errore, allora Muninn avrebbe ottenuto un premio in PA per averlo colpito.


Dracodraconis ha scritto:LUOGO:Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
tEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

Quando Arduino vide che lo guardava intensamente e che gli parlava con quella bella voce dolce, rimase di sasso, poteva dirsi in perfetto stato catatonico se non fosse che il suo viso incominciò a colorirsi di tutte le tonalità del rosso. Da un intenso rosso arancio passò al classico color vermiglio, quindi ad un bel rosso rubino (sembrava che emanasse luminescenza), infine ad un rosso porpora intenso. Al rosso porpora intenso le sue sinapsi cominciarono ad andare in tilt con la conseguenza tragica della fuoriuscita dalla sua bocca di incomprensibili balbettii e sentì il cuore fare un sospetto e doloroso crac. Gli s’inumidirono gli occhi per la stizza che gli prese verso se stesso, ma riuscì a recuperare un po di dignitosa calma e portamento. Inspirò profondamente e con fare neutrale, così almeno l’ingenuo sperava, in realtà i tumultuosi sentimenti della sua anima si vedevano benissimo, rispose alla graziosa cameriera.

-“Madama, se dessi retta al mio cuore, per prima cosa le chiederei il suo nome”. Glie lo disse tutto d’un fiato con gli occhi che brillavano, prendendo delicatamente la sua mano fra le sue, portandosela alle labbra.

-“In verità cercavo qualcuno con cui scambiare informazioni”. Vedendo la curiosità affiorare nella cameriera, precisò:

-“Sto viaggiando fra le Oasi del Continente su consiglio dell’anziano del mio ordine, il quale essendo molto in la con gli anni, non si sposta più dal suo villaggio. Mi chiese di riportargli tutte le novità e “cosa si dice in giro”. Purtroppo non mi sono fatto una bella nomea qui, mio malgrado, in più sono tendenzialmente riservato. Uff! … la sto certamente annoiando con i miei discorsi, e lei è così presa dal suo lavoro. Madamigella, se lei acconsentisse di sedersi ad un tavolo con me, a bere qualcosa, quando lo riterrà opportuno mi renderebbe l’uomo, anzi, il mezzo elfo, più felice al mondo …”

Spoiler: hide
Arduino spera di poter fare amicizia con la bella cameriera per due motivi, un motivo è evidente ... L'altro è riuscire a scoprire qualcosa. A te Master


Nolorin ha scritto:LUOGO:Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
tEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Didagus ap Xander


Vedendo il suo compare in dolce compagnia, Didagus si compiace di come la timidezza a volte non sia proprio un impaccio... Anche se ricordi assai scuri lo iniziano a pervadere, non può non sorridere davanti all'avventatezza dei suoi compagni. Tuttavia non sopporta il troppo caos. Quindi si alza e si sposta in un tavolo un po' meno affollato e senza troppi occhi puntati su di lui... Portandosi dietro birra e carta. Quindi seduto e lontano da occhi indiscreti scrive...


Baudaffi ha scritto:LUOGO:Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Unsen

Rialsatosi un po' a fatica scuote la testa per il bel pugno ben assestato che ha prontamente fermato con la testa.
Ritorna al tavolo e mentre porta alla bocca i resti della cena di Didagus dice a chi ha mosso il braccio contro di lui
"Cavolo che forza! sei la persona piu' forte che abbia mai conosciuto! finalmente conosco un rissaiolo come si deve!"
prova a ridacchiare ma la mandibola fa ancora male

Afferra il piatto, inizia a infilare in bocca il cibo e si dirige a ringraziare Didagus.

"Graffie Per il fibo, mi fi voeva fofio"
Sputacchiando qua e la'

Dopo altre due masticate continua
"Fe fai fivenvo? ua veffea amoe fe affo meffeffo?"

e nell'attesa della risposta continua il suo misero banchetto.


Spoiler: hide
Unsen non si mette a sedere al tavolo, ma rimane a almeno un suo passo di distanza per non disturbarlo troppo


Grifone ha scritto:LUOGO:Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Muninn

Allontano il mezz'elfo spingendolo con la mano, quel bisbigliare nell'orecchio mi infastidiva. O forse mi infastidiva l'idea di avermelo appresso mentre avessi cercato di penetrare in una stanza: in due c'erano più probabilità di essere sorpresi, e la prospettiva non mi piaceva. Già la gente di questo villaggio si tratteneva dal metterci le mani addosso, e se ci sorprendevano avevano un'altra scusa per farlo.
Tuttavia, dato che non sapevo scassinare le serrature, dovevo trovare un altro modo per entrare diverso dalle porte.
Per ora sto ad osservare quello che fanno gli altri membri del gruppo, ma avevo già in mente uno stratagemma. Prima che Didagus se ne andasse, lo fermo un attimo e gli domando - A proposito, messer Didagus, non ha un pezzo di carta? Dopotutto non credo che neppure lei sappia quale sia la stanza che desidera guardare... -.
Dopodichè, dovevo aspettare che la figlia della locandiera finisse di parlare con Arduino.

Spoiler: hide
Come effetto va bene "buttare a terra", anche se questo non è un combattimento vero e perciò non ha molta importanza...


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Mentre il povero gnomo si ricompone alla bell'e meglio e si concentra sul cinghiale arrostito, Didagus da sfogo alla sua vena poetica e Muninn / Rudolph riflette sui suoi loschi propositi... Arduino è alle prese con una delle assistenti di Wyndel.

La ragazza osserva per qualche minuto il volto del mezzelfo, con espressione dapprima perplessa, poi preoccupata... forse teme che gli occhi del suo interlocutore possano da un momento all'altro schizzare via dalle orbite per l'emozione.
Per fortuna però il giovane ramingo riesce a riguadagnare la compostezza che lo contraddistingue e dopo un complimento galante (che le orecchie della donna non devono essere abituate ad udire spesso, da queste parti...) porta delicatamente la mano di lei verso la propria bocca.
La ragazza abbassa lo sguardo e ritira la mano dopo qualche secondo, poi risponde in tono mesto:

INSERVIENTE: Mi dispiace mio signore, ma non mi è concesso parlare con voi... non finché non dimostrerete la vostra innocenza. Se le mie amiche mi vedono insieme a voi mi denigreranno e penseranno che anche io sia una sacrilega... vi prego, se non avete altro da chiedermi, lasciate che io mi occupi delle mie faccende.

Spoiler: hide
DRACO: non ho effettuato alcun tiro di dado perché Arduino non possiede alcun Tratto 'sociale'. E' possibile ovviamente utilizzare alcuni Tratti anche se non si possiede alcun Livello in essi (vale solo per quelli non accademici), ma con serie penalità sul risultato finale...


Nolorin ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Didagus ap Xander


Scrive e cancella. Nulla gli viene in maniera composta. Non riesce a trovare l'equilibrio del verso. Non è ispirato. Non bada al piccolo Gnomo che è lì con frasi di sfottò... Anche se vorrebbe proprio dirgliene 4...

"Fe fai fivenvo? ua veffea amoe fe affo meffeffo?"


Questo è troppo... Prorompendo in una risata fragorosa Didagus piega il foglio più volte e così costruisce un oggetto che sembra poter volare... Pasticciato solo da un lato sarà utile a Rudolph. Glielo lancia contro. Che farà lo gnomo?


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Locanda "La vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"


Alle parole della giovane cameriera Arduino divenne pallido come un cero. Mantenne la compostezza dovuta anche se il suo cuore sembrava non battere più, conseguenza questa dovuta alla sua giovane età: facili a infiammarsi all’improvviso per amori (perché di questo ovviamente si trattava) e altrettanto facili a deprimersi. Il suo presente divenne all’istante grigio e brutto, come un’uggiosa giornata autunnale. I pericoli appena scampati e il futuro incerto poco gl’importavano ora. Dolorosamente dovette ammettere a se stesso la validità e la saggezza delle parole ricevute, al contempo un lampo improvviso attraversò la sua mente.

-“Mia dolce damigella, tristi sono le sue parole al mio cuore ma invero sagge. Infine scopro una speranza e un motivo per andare avanti. Vi giuro damigella dal nome ignoto che ritornerò qui, al suo cospetto, col nome lavato da ogni onta e rinnoverò la mia richiesta. O scagionato da ogni accusa e riabilitato o morto”

Detto ciò s’inchinò per l’ultima volta e senza più guardarla negli occhi (non trovava il coraggio) s’avvio verso il nuovo amico, Didagus, intanto pensava fra se:
“Inutile insistere oltre, qui non troverò risposte alle mie domande, ne riuscirò a far cambiare opinione alla giovane. Tutto è rimandato al termine della missione … salvo buon fine. Che triste sorte mi è sopraggiunta”

-“Messer Didagus, la vedo intento a scrivere, vuole condividere con me un ultima birra? Mi sento un po triste. Piuttosto cosa diceva prima quello strano gnomo. Non ho capito niente”


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Muninn

Afferro quel foglietto rapidamente, lo risistemo presentabile e lo piego come un foglio da infilare in una busta. Se la avessi avuta a portata di mano, avrei messo anche la ceralacca... volevo simulare una lettera, e casualmente gli scarabocchi dall'altro lato del foglio tornavano utili proprio a questo. Non sapevo se avesse funzionato, ma valeva provarci.
Mi alzo e con una espressione preoccupata mi avvicino alla figlia della locandiera.
- Signorina, ho bisogno del suo aiuto... - inizio - ... io sono il messaggero di un ricco mercante di Dorthaven, in affari con messer Reynold, ma che per vari motivi, sopratutto la sicurezza e la discrezione, ha deciso di inviare un messaggero al suo posto: io. Ho questo messaggio... - e mostro il foglio di carta piegato in modo che non si veda il lato scritto da Didagus - ... che dovevo consegnare a Reynold in persona. Ebbene, il problema è che... la missione affidatami è davvero pericolosa, non so se tornerò, e il mio padrone ha davvero la necessità che il suddetto messaggio vada nelle mani di Reynold. E purtroppo mi è stato anche tassativamente proibito di affidare il compito ad altri, e sospetto che il foglio sia stato anche stregato per impedire che altri, a parte il destinatario e me, possano prendenrlo. Perciò capisce signorina... sono in un bel problema. Non posso aspettare il ritorno di Reynold, non ho idea se sarò ancora qui quando tornerà, e non posso dare il compito ad altri, e sfortunatamente le mie condizioni finanziarie sono disastrose, a causa di un nero periodo di sfortuna se non completo questo compito si prospetta una vita di miseria. - Faccio una faccia mesta, e poi avanzo una proposta - Ma stavo pensando ad una soluzione... se Reynold deve tornare qui, come ha detto vostra madre, e la sua stanza non deve passare ad altri, potrei risolvere tutti i miei problemi se, molto semplicemente, infilassi sotto la porta questo messaggio... mi dovrebbe solo mostrare la stanza, e poi mi basterà infilare il foglio sotto la porta, così Messer Reynold, quando tornerà, troverà la sua missiva nella sua camera anche nel caso che io non sia presente... ed eviterei a lei e a sua madre gli eventuali pericoli che ci possono essere nella stregonieria su questo foglietto. Mi basta che mi portiate alla sua camera, sarebbe una questione di un secondo... -

Spoiler: hide
Forse può servire il tratto di raggirare o persuadere, ma non saprei... da un lato, anche se è una pura invenzione, è una storia che vale come un'altra, a meno di non andare alla suddetta città non c'è modo di sapere davvero se Muninn mente o no, e non si aspetta di forzare una decisione da parte del PNG. Comunque ora non mi viene in mente altro per sapere quale stanza cercare (sempre se abbia inteso giusto che si possa "visitare" comunque, non vorrei star faticando sullo stratagemma per niente :P). Peccato che mi manca lo scassinaggio però...


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Locanda "La vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Unsen


Unsen osserva l'oggetto volteggiare e lo sguardo continua sul distacco della cameriera e del compagno, chevedendolo avvicinare deglutisce l'ultimo boccone lo aspetta arrivare.

Quando e' abbastanza vicino inizia a sorridere e gli chiede
"Hai trovato una possibile moglie?"
osservando per un istante anche la cameriera poi ristorna sul compagno
"Mi sembra ben messa, un bel seno e ottimi fianchi robusti! ottima scelta! Peccato che dobbiamo partire"
Attimo di silenzio pensieroso poi si riprende rivolto verso icompagni
"Ah! ma quando partiamo?"
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: [Il Cromlech di Bran] Prima parte

Messaggioda Hashepsowe » lun 19 ott 2015, 14:44

Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Arduino non ha modo di osservare la reazione della ragazza alle sue ultime parole: egli infatti è già rivolto verso il compare Didagus e si avvia verso il suo tavolo con passo lento... non appena il mezzelfo raggiunge il cavaliere, però, Muninn si avvicina alla donna e tenta di raggirarla con una storiella ben congegnata.
La ragazza ascolta attentamente mordendosi un labbro, ma non sembra particolarmente impressionata. Al termine del discorsetto la sua espressione si fa seria e ribatte:

INSERVIENTE: Mi dispiace mio signore, ma non mi fido di voi... chi mi assicura che non vogliate coinvolgermi in qualche losco affare ?
Inoltre l'accesso al piano superiore è riservato soltanto a chi ha prenotato una stanza, quindi se non l'avete già fatto, non potete andarci.
E poi... beh io non ricordo il tipo di cui parlate e non so nemmeno in quale camera alloggiasse... le mie mansioni sono limitate alla sala principale, non mi occupo della pulizia delle camere. Per quello dovete parlare con Lilian, la tizia bionda che vedete accanto al bancone. Se volete scusarmi ora, avrei da fare...

Senza attendere che tu risponda la giovane donna si allontana verso i tavoli in fondo alla sala.

Gli altri membri del gruppo, sbirciando tra le imposte, si accorgono che è passata quasi un'ora da quando hanno messo piede nella Locanda...

Spoiler: hide
Scena II, Locanda 'La Vecchia Via': Test Raggirare di Muninn; bersaglio: inserviente (1d8-2=6)
Scena II, Locanda 'La Vecchia Via': Test Raggirare di Muninn; bersaglio: inserviente, Tiro Aperto (1d8=4)

Il totale è quindi 10, un bel risultato, ma in questo caso non equivale a successo completo data la reputazione che vi precede (la ragazza è troppo diffidente)... però vista l'entità del risultato, Muninn è riuscito comunque a farsi dare informazioni utili al raggiungimento del suo obiettivo. Per la cronaca è il secondo tirpo Aperto che Grifone ottiene in successione, complimenti per la fortuna :wink:
Visto l'impegno profuso da Muninn per inventare una storia, visto che l'azione tentata è correlata all'obiettivo da raggiungere e visto il risultato ottenuto, lo premio con 9 Punti Addestramento, come risultato di un tiro doppio di Intelletto.
In teoria l'aumento sarebbe pari ad un solo Tiro di Intelletto ma vista la natura del PBF, il quale procede lentamente, ho preferito aumentare un pò il ritmo di avanzamento, altrimenti i Personaggi non miglioreranno mai.

Scena II: Premio in Punti Addestramento per uso di Tratto Raggirare (1d8=8, 1d8=1)

Più il vostro Pg è intelligente, più in fretta migliorerà i Tratti che usa.
Il numero di Punti Addestramento che è necessario accumulare per far si che il Tratto aumenti di un Livello è pari al Livello da raggiungere moltiplicato per 100: per portare un Tratto da Livello 2 a Livello 3 sono necessari 300 Punti Addestramento (3 x 100). Una volta raggiunto quel totale, la quantità di Punti Addestramento torna a zero e scatta l’aumento di 1 Livello.
Nel caso di Muninn, avendo egli zero Livelli in Raggirare, dovrà ottenerne 100 prima di portare il Tratto a Livello 1.

Segnate i Punti Addestramento accanto al Livello del Tratto separati da una virgola: nel caso di Muninn , visto che Raggirare è a livello 0, si dovrà segnare 0,9 accanto al Tratto.


Nolorin ha scritto:LUOGO: Locanda "La vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Didagus ap Xander


"Io direi di partire domani mattina. Vorrei riposare un po' prima di andare a combattere contro gli spiriti dei morti o qualsiasi cosa che infesti il luogo sacro a questi uomini. Chiediamo se possiamo affittare una camera... E poi vedremo che si riuscirà a fare. Andiamo a letto e domani al sorgere del sole partiremo."
Dice Didagus alzandosi in piedi e raccogliendo tutte le sue cose. Non aspetta una risposta degli altri compagni, e si dirige verso il bancone. Pensa che l'esperienza del pozzo abbia già fatto loro capire che cosa possono aspettarsi nel cromlech la notte. Ma poi si gira... "E se partissimo subito?"

Spoiler: hide
Se si parte subito Didagus è pronto anche se un po' di riposo potrebbe solo fargli bene. Agli altri la scelta...


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Locanda "La vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Unsen

Alla domanda il giovane gnomo si mette a frugare nella sua borsa, come se potesse scomparici dentro.
Dopo qualche istante riemerge e risponde al compagno
"Per me non c'e' problema, anzi inizio ad annoiarmi qui."
Rinifila la testa nella borsa per altri istanti e poi se ne riemerge fuori con un falcetto.
"Beh se non volete partire ora ditemelo subito che faccio un giro qui fuori e poi mi procuro un giaciglio"
e con l'utilizzo di una pietra si mette ad affilare la lama, aspettando le risposte degli altri.


Spoiler: hide
Ovviamente fa finta di affilare la lama, dato che il falcetto e' praticamente nuovo. Ma cerca di sembrare serio facendo cosi'


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

Arduino alle parole di Didagus rimase un po contrariato: non gradiva molto le tenebre, regno notoriamente di esseri non sempre benevoli. Attraversare boschi e giungere in luoghi la cui fama era triste il tutto viaggiando di notte non gli sembrava opportuno. Eppure aveva cercato di avvisare sia il compare mezzoelfo che l'uomo di Nor'gar.
L'uomo di Nor'gar, quel tipo era misterioso, in più aveva "attaccato bottone " con la "sua" cameriera. Non si fidava completamente di quel tipo. I suoi sensi l'avvertivano che c'era qualcosa di non chiaro in lui. Poi questa insistenza a partire così di corsa.
Si avvicinò al bancone e volgendo il capo prima verso Didagus, poi al resto della compagnia espresse la propria opinione.

-"Messeri, io ho già espresso più volte la mia opinione in merito. Non vedo la necessità d' iniziare questa avventura nel peggiore dei modi, stanchi e provati, in più in viaggio verso infidi luoghi di notte. Come ho già detto, non mi fido di quel bosco. Ora, chi vuole farmi compagnia per un ultima birra?

"Veramente non mi fido neanche di te Nor'gar" Avrebbe volentieri aggiunto Arduino, ma questo pensiero lo tenne per se.


Spoiler: hide
Arduino non ama la notte, quindi vorrebbe partire di giorno. Rudolph/Munin gli è un po antipatico per via della ... "cameriera". Roba passeggera. In più lo trova misterioso


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Muninn

Come mi è stato svelato, vado al balcone e cerco questa donna di nome Lilian. Se è occupata, attendo che abbia un secondo libero per cercare di attirare la sua attenzione...


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Mentre i due mezzelfi e lo gnomo discutono sul da farsi, Rudolph / Muninn si reca al bancone; la superficie è un arabesco di graffi, macchie, impronte di dita.
Una ragazza piacente (anche se ben lungi dal definirsi 'bella' ) sta discutendo animatamente con un tipo sulla trentina, barba incolta e volto paonazzo per il troppo bere... o forse per la stizza.
Lei ha i capelli ricci color delle spighe mature, che ricadono selvaggi sulle spalle e in parte sulla fronte alta; i suoi occhi sono scuri, anche se da questa distanza il Nor'Gar non può stabilire con precisione il colore.
Nonostante il volto dai lineamenti delicati e teneri, la ragazza sembra avere un pessimo carattere... come Munin può comprendere dai framenti di dialogo che riesce ad afferrare:

TIZIO BARBUTO: ... un'arpia, ecco cosa sei !
RAGAZZA: Piantala ! Ti avevo già detto che non sono quella che credi tu...
TIZIO BARBUTO: Però con Tor...
RAGAZZA: Vado con chi mi pare ! Se vuoi una serva fedele che ti scondinzoli intorno, perché non ci provi con uno dei cani di Wyndel?
TIZIO BARBUTO: Questo è troppo Lilian... nessuno ha mai trattato così un MacMathor !
RAGAZZA: C'è sempre una prima volta. Ora vattene, o dirò a Wyndel di darti in pasto alle sue bestiole.

L'uomo sferra un violento pugno sul bancone, che fa trasalire visibilmente la ragazza; poi si allontana facendosi largo a spintoni.
La ragazza si ricompone, con un sospiro, poi si rivolge al Nor'Gar, visibilmente seccata.

LILIAN: Beh che hai da guardare? Sei venuto per un motivo preciso o hai intenzione di startene lì impalato a fissarmi per tutto il tempo ?


Nolorin ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Didagus ap Xander

"Compagni dato che sembra siamo d'accordo sul da farsi, affittiamo una camera. Messer Rudolph tace e quindi acconsente.
Arduino compredno i vostri dubbi e le vostre paure. E non credo che voi siate un codardo." Dice Didagus parlando allo Gnomo e al mezzelfo. Poi posando una mano sulla spalla di Arduino aggiunge: "Sento che posso contare su di te... E anche su di voi Messer Nano... Tuttavia non posso parlare in questo luogo del frangente in cui mi trovo, e del motivo io stia cercando la stessa persona che "Rudolph" sta cercando. Spero solo che il suo coltello non cali su di noi alle spalle." Detto questo si dirige verso il bancone per aspettare una ragazza di Wyndel o Wyndel stessa per affittare una stanza.


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA. Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

-"Messer Didagus, anch'io sento di poter contare sul vostro aiuto, in più noto con favore che fra noi si sta stabilendo una buona intesa, conto che prima del finire della nostra assurda missione si trasformi in una salda amicizia.
Anche di te, messer Gnomo, sento di poter contare. Mi risulti un po strambo ed eccentrico, ma sotto quella maschera (io credo da te creata ad arte) percepisco un animo leale.
Per quanto riguarda Rudolph, non credo ci piazzerebbe un coltello alla schiena, ma abbandonarci al nostro destino, quale che fosse, pur il più nefasto, questo si, lo farebbe senza indugio, almeno ho questa sensazione. Spero che mi sbagli"

Arduino abbassa gli occhi e si mette a giocare con la schiuma della birra, pensieroso. Poi a voce leggermente calata, aggiunse:

-" Tutti noi siamo qui per un nostro scopo. Abbiamo intrapreso i nostri viaggi per avere delle risposte. Chissà, forse il conoscerci potrà aiutarci a trovarle. Ora dobbiamo risolvere questa assurda situazione e tornare vivi"

Volgendo lo sguardo verso la bella e prosperosa cameriera del suo cuore, con occhi diventati, suo malgrado, languidi, finì il discorso.

-"Io, poi, aspetto un'altra di risposta, non meno importante"

E con queste parole tracannò la sua seconda birra


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
Personaggio: Muninn

Guardo andarsene quel pessimo individuo con atteggiamento falsamente indifferente.
"... si, ho bisogno di un aiuto" rispondo alla donna con tono distaccato mentre torno a guardarla. "Ho il bisogno urgente di contattare un certo Messer Reynold, e mi hanno detto che alloggia in questa locanda. Sfortunatamente sono stato coinvolto in una questione che potrebbe impedirmi di incontrarlo nuovamente quando sarò di ritorno, ed era mia intenzione dargli almeno un avviso. Mi basterebbe passare questo foglietto sotto la sua porta, almeno così quando tornerà in camera sua potrà trovarlo. Tuttavia preferirei non dare il messaggio a terzi, lavoro per conto di un mercante che ha molto a cuore la sua riservatezza, e devo essere assolutamente sicuro che finisca nelle mani di Raynold. Mi potrebbe dare una mano? ".

Spoiler: hide
Mancherebbe solo sapere dove stanno le chiavi dato che Muninn non ha lo scasso, o quali modi si può entrare per la stanza, ma non sapendo come sono abituati da queste parti non saprei come trovare la maniera per ottenerle.


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
Personaggio: Unsen

Lo gnomo annoiandosi nella locanda in maniera molto evidente, si congeda dai due compagni con un cenno della mano
"Allora ci ritroviamo qui domani mattina poco dopo il sorgere del sole, vado a sgranchire le gambe"
ed esce fuori dalla locanda, con lo scopo di fare un giretto.

Spoiler: hide
Non vado in cerca di pericoli o quant'altro, solo un giro per impegnare il tempo, magari cercando due o tre erbette selvatiche, neanche a dirlo che i tiri li fai te mio caro Kronall :P


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Il piccolo Unsen abbandona rapidamente la Locanda mentre Didagus si reca al bancone per prenotare una camera, e Arduino si gode le ultime sorsate della birra densa e scura tipica del posto.

Giunto nei pressi del malandato bancone il mezzelfo scorge Rudolph impegnato a discorrere con una ragazza dai capelli biondi ; si guarda intorno, nell'intento di localizzare la figura preposta all'assegnazione delle camere, quando la sagoma ingombrante di Wyndel fa capolino da dietro il bancone.
La locandiera, con un sorriso amabile, mette al corrente Didagus del costo delle camere: 3 Drims Oro a notte per le camere singole, 4 per quelle con doppio letto (ma al momento soltanto una di queste è libera).

Nel frattempo Rudolph / Muninn continua il suo discorsetto con la ragazza delle pulizie, la quale non sembra proprio nata ieri: ascoltate le richieste del Nor'Gar Lilian si china verso di lui con un'espressione da faina, i suoi morbidi seni schiacciati sul bancone...

LILIAN: Certo che potrei... ma dipende da quanto puoi offrirmi, Nor'Gar: sono una ragazza povera, che ha delle esigenze...

Spoiler: hide
Baudaffi, con te continuo in pvt.


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
Personaggio: Muninn

Mi piace la gente furba. A meno che non cercassero di imbrogliare me.
Rispondo alla ragazza - Io credo che tu sia una ragazza con qualche problema, più che povera. Come il tizio che è appena uscito per esempio... è il preludio delle tipiche persecuzioni che inseguono le donne. Potrei anche darti dell'oro, ma a volte i servigi di una persona valgono più di quello porta nelle tasche.- .


Nolorin ha scritto:Spoiler: hide
Sicuramente non è molto ortodosso ma Didagus spera che Wyndel gli mostri la camera, o quantomeno gliela indichi. Quanto alle stanze ora può anche permettersele :D


Dracodraconis ha scritto:-"Accetto molto volentieri, messer Didagus. Incontrare un consanguineo e di tale valore come voi è sicuramente una gratificazione della sorte. Come già espresso, conto che prima della fine di questa sventurata avventura potessimo diventare amici fraterni e magari riuscire, per quanto le rispettive esigenze lo permettano, ad aiutarci nelle nostre missioni.

Quindi si rivolge all'ostessa e gli parla:

-Venerabile Wyndel, fatemi la cortesia di segnare metà affitto della camera doppia a mio carico. Avrei anche un'altra richiesta

Qui, Arduino, attira Wyndel più a se e gli parla sottovoce:

-"Madonna Wyndel, le sarei grato se al mio ritorno sapesse dirmi tutte le novità portate dagli avventori di passaggio e riferirimi cosa pensa di me la sua aiutante, lei sa quale. Le sarei debitore per sempre

Rivolgendosi a Didagus esclama sorridendo:

-"Bene messere, credo sia ora di salire, così potremo conversare tranquillamente e riposarci come conviene. Chissà quando avremo ancora questa possibilità


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Lilian aggrotta la fronte e sbarra gli occhi, incuriosita e sorpresa al tempo stesso:

LILIAN: Servigi? Spiegati meglio, straniero... ho la vaga impressione di aver compreso dove vuoi andare a parare, ma preferirei sentirlo chiaramente dalle tue labbra.


Frattanto, Wyndel accetta i denari di Didagus con un sorriso , ma poi la sua espressione si intristisce non appena il mezzelfo le chiede di indicargli la stanza di Reynold:

WYNDEL: Oh, sono davvero spiacente mio caro, non posso proprio accontentarvi... l'unica cosa che posso fare per voi è riferire di persona al vostro amico quello che avete intenzione di dirgli, quando tornerà, o infilare io stessa la lettera sotto la porta.

Poi la grassa locandiera esplode in una acutissima risata, quando Arduino allude al suo interesse verso la sua assistente.

WYNDEL: Lo sapevo che avresti fatto perdere la testa a qualcuno, caro ! Tia è una brava ragazza, forse un pò ingenua ... è proprio questo il suo peggior difetto, e il motivo per cui Lilian e le altre si prendono gioco di lei ! Ma, detto fra noi, Lilian è un pò invidiosa di Tia perché non è altrettanto bella... son cose che succedono tra fanciulle. Seguitemi, vi mostro le vostre camere se non avete null'altro da fare !

Spoiler: hide
Le camere sono state assegnate, ricordatevi di scalare i Drim dal vostro ammontare: Didagus paga 5 Drims (una singola intera, più metà di una doppia), Arduino 2 (metà di una doppia).
Se non intendete fare altro e volete soltanto riposare, concludo il dialogo di Muninn e poi faccio passare la nottata ; se avete altri progetti fatemi sapere :wink:
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: [Il Cromlech di Bran] Prima parte

Messaggioda Hashepsowe » lun 19 ott 2015, 14:53

Nolorin ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Didagus ap Xander

"Datemi un secondo che gliela scrivo subito, la lettera a Reynold."
Riprendendo carta, penna e calamaio scrive su un foglio nuovo nella sua più bella calligrafia:
"Messer Reynold,
Sp che conoscevate il mio maestro Isil, un mezzelfo che da poco, ahinoi, si è ricongiunto alla madre di tutti gli esseri viventi. Ho bisogno al più presto di informazioni riguardo ciò per cui il mio maestro ed io siamo stati costretti a viaggiare per più di cinque anni. Spero di sopravvivere alla mia prossima avventura, cosa che scoprirò presto, ma spero ancora di più di finire le mie più antiche missioni.
Servo vostro.

Didagus "

Dopo aver disegnato subito sotto alla sua firma una fiamma sovrapposta ad una foglia d'edera, simbolo della sua famiglia, Didagus, chiude il calamaio, mette via la penna, piega il foglio e si rivolge sorridendo ad Arduino:
" Bene, penso possiamo salire."
Poi di nuovo rivolto verso dama Wyndel aggiunge:
"Questa è la lettera che vorrei fosse recapitata a Reynold, vi prego di non farla leggere a nessuno all'infuori di lui. Ora per piacere ci può far strada verso il nostro alloggio? Grazie Infinite."


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Muninn

Il mio lavoro non era uno di quelli che se ne dovesse parlare apertamente...
- Mi limito a dire che il mio lavoro è di risolvere i problemi di persone che, per svariati motivi, non possono o non vogliono farlo di persona. Non serve che dica altro, a parte che spesso i suddetti problemi spariscono dalla circolazione e non si fanno più vedere in giro per lunghi periodi di tempo, o non si fanno vedere mai più. Piuttosto mi dica lei, Lilian, se c'è qualche problema che non è in condizione di risolvere... e in che maniera volete che ve lo risolva. Sono anche in grado sistemare le cose in maniera... per così dire definitiva, quando necessario. -


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Unsen


Un entrata quanto meno che normale, e' quella che fa il piccolo Unsen nella locanda.
Lo sguardo ancora piu' annoiato di quando era riuscito si dirige verso il bancone cercando la locandiera o una delle sueinservienti alla ricerca di un posto dove dormire.

Per raggiungere il suo scopo dal terzo passo all'interno della locanda la sua voce si espande
"Siiiignoraa looocaaandieeeraaaaaa . . . vorrei una camera per dormireeeeeeeeeeee"

ripete un altro paio di volte e aspetta che qualcuno lo consideri.

Spoiler: hide
Non aspetta per forza la locandiera ma si accontenta anche di una delle ragazze


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

LILIAN: mI dispiace, straniero, ma temo di non aver ancora bisogno dei tuoi 'servigi'... - risponde la ragazza, con una risatina che non promette nulla di buono - Mathos MacMathor è soltanto uno spaccone ... crede che io sia come tutte le altre, ma si sbaglia. Per adesso sono in grado di tenerlo a bada da sola, ma qualora se ne presentasse la necessità, sarei ben lieta se qualcuno gli desse la lezione che merita. E comunque preferirei essere pagata in denaro ... del tipo che luccica e tintinna, non so se mi spiego. Quanto sei disposto ad offrirmi ?

Frattanto, Didagus, Arduino e Unsen raggiungono le rispettive camere (lo Gnomo si accomoda in una stanza singola, mentre i due mezzelfi occupano una stanza doppia).

Spoiler: hide
Baudaffi, ricorda di scalare 3 Drims Oro dall'ammontare di Unsen.


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Muninn

- Sono molte le donne che dicono la stessa cosa, e poi si pentono di averci creduto davvero. Ma è un suo problema, e se non afferra la mia offerta ora, non la avrà di nuovo. Comunque, signorina Lilian, dovrà accontentarsi di cinque misere monete, non ho altro in tasca. -

Spoiler: hide
Vorrà dire che passerà la serata all'aperto... ma non è la prima volta che si sarà trovato costretto a farlo.


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

La ragazza ti osserva con un'espressione incredula, frammista ad un pò di sdegno.

LILIAN: Questo è tutto ciò che sei disposto ad offrirmi? Mi dispiace, ma proprio non va straniero... rischio il licenziamento per questa cosa, e non lo farò per meno di 10 Drims Oro. Nel caso tu riuscissi a mettere insieme quella somma, fammelo sapere... sai dove trovarmi. Ora però me ne vado, il mio turno è finito.

La donna conclude la frase armeggiando coi lacci del camice sporco, mentre si dirige verso l'uscita.
Guardandoti attorno, ti accorgi che i tuoi 'compari' non sono più nella sala: li avevi notati mentre parlavano con Wyndel poco fa, e non ti ci vuole molto a capire che a quest'ora probabilmente se ne staranno già rintanati nelle loro camere.


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Muninn

Do le spalle al balcone e sbadiglio, e penso - Se eri intelligente, mi avresti chiesto almeno 30 monete... ma immagino che dovrai tenerti i tuoi problemi.-
In ogni caso, dubitavo che Reynold mi sarebbe sfuggito, presto o tardi lo avrei rintracciato in un modo o nell'altro. Dovevo prima sbarazzarmi della faccenda in cui mi avevano invischiato.
Dunque chiamo una locandiera e chiedo una stanza singola, e inizio ad attaccar bottone con chi mi porta alla stanza...

Spoiler: hide
Ciò che viene detto lo vedo dopo, a seconda di chi è che mostra la stanza.


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

E' la stessa Wyndel ad accorrere quando chiedi una stanza : la donna accetta le tue monete sorridendo e informandoti del fatto che i tuoi compagni sono già nelle loro rispettive camere.
Mentre salite le scale che portano al piano di sopra , la locandiera inizia a vomitare il solito fiume di parole... passando da un argomento all'altro senza nessuna connessione logica apparente.
Sai bene che con lei sarebbe inutile qualsiasi tentativo di corruzione e/o persuasione (come già hai potuto notare nella sala principale, quando avete tentato di farvi rivelare l'ubicazione della stanza di Reynold).

Spoiler: hide
Ricorda di scalare 3 Drims dal tuo ammontare.


Nolorin ha scritto:poiler: hide
Non è vero, ho gia pagato la sua stanza. sono io che ho 7 drims in meno


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Muninn

Annuisco e provo a seguire i discorsi della locandiera, ma non ne sento nulla che sia davvero utile e sono troppo frammentari per destarmi interesse... tra una parola e l'altra provo ad inserire una "innocente" domanda - Madama Wyndel, perdonatemi la domanda, ma chi erano le persone che riceveva così spesso Messer Reynold? Vengo per conto di un uomo d'affari dal Nord indicandomi che possiede qualcosa che sta cercando il mio committente, ma non mi è stato detto nulla sul conto di quell'individuo. Non sono sicuro con che genere di persona rischio di imbattermi, e da quel che ne avete accennato, non doveva essere nulla di buono. Esattamente chi riceveva quell'uomo nella sua stanza? -

Spoiler: hide
Nessuna persuasione, solo al massimo saperne di più su che traffici era coinvolto quell'individuo.


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto

Non appena Muninn menziona Reynold, il volto paffuto della locandiera viene attraversato da un'ombra funesta. La sua voce si fa aspra e carica di disprezzo. Prima di risponderti si assicura che non ci sia nessuno sul pianerottolo a parte voi.

WYNDEL: Te l'ho detto, caro. Gente senza scrupoli, tipi dall'aspetto losco... gente del Nord, per la maggior parte. Molti erano ben vestiti e agghindati, eccome se lo erano ! Ma Wyndel non si fa ingannare dall'abbigliamento, nossignore.
Quelli puzzavano di guai lontano un miglio, te lo dico io !
Si incontravano con lui, si sedevano per un pò ad uno dei miei tavoli. Parlavano, ma non sono mai riuscita ad afferrare nemmeno un frammento di conversazione: quel diavolo si tappava la bocca non appena mi vedeva arrivare!
Beh, se mi chiedi cosa facessero di così deprecabile... niente. Parlavano.
Una volta ho visto uno di quei tizi porgergli un sacchetto al termine della conversazione... dal suono che faceva, giuro sulla tetta sinistra di Epona che si trattava di denaro !
Saranno stati duecento o trecento Drims, e quel demonio li ha intascati senza batter ciglio !

Giunti davanti alla tua stanza, Wyndel fa sfoggio del suo sorriso migliore prima di prendere commiato:

WYNDEL: Eccoci qui caro. La colazione é all'alba, ma immagino che voi vi alzerete prima. Fatti un bel sonnellino... domani sarà una giornata dura per te e i tuoi compagni !

Spoiler: hide
Ovviamente Nolorin aveva ragione sulla questione delle monete, ero convinto che la stanza fosse stata pagata a Unsen :wink:
Non aggiornare la scheda.


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
ORA: Tardo pomeriggio
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo coperto
PG: Muninn

Balbetto - Du...duecento monete?- mi volto dall'altra parte e finisco - ... deve essere davvero molto richiesto questo Reynold se riceve tra le mani così tanto denaro. -
In ogni caso, mi sistemo nella mia stanza e mi metto rapidamente a dormire. Concludo la serata pensando ad una constatazione - Se la locandiera ha ragione, è difficile che quell'uomo riceva così tanto denaro lavorando da solo, anche per il semplice fatto che troppo denaro non passa mai inosservato. Deve avere dei complici o aggregato a qualche genere di banda o gruppo, e questo renderebbe le cose più difficili. Dovrò cercare di saperne di più appena posso. -


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
GIORNO E ORA: 12 Karandol, 1350 DA ; Alba
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido

Venite svegliati dai primi, deboli, raggi del sole mattutino che si fanno strada tra le imponenti chiome degli alberi secolari. Una volta scesi, notate che Kynon e tre guerrieri, armati di tutto punto, vi attendono già nella sala principale, che ospita solo pochi avventori ; il mezzelfo non proferisce parola, e si limita ad osservarvi mentre vi riempite lo stomaco di pane caldo e formaggio pastoso tipico della zona. I vostri sorveglianti, a differenza della prima volta in cui li avete incontrati, indossano lunghe brache di stoffa imbottita e giustacuori in cuoio rinforzato.
Ora che locanda non è invasa dallo stuolo di avventori della sera prima , e nella sala il silenzio regna incontrastato, le ragazze di Wyndel si prendono tutto il tempo di osservarvi di sottecchi , lanciandovi sguardi silenziosi , ma carichi di tensione: sanno ciò che siete in procinto di affrontare, e sanno che questa potrebbe essere l'ultima volta che vi vedono seduti a quel tavolo.
Il lavatoio è all'esterno della locanda, e siete così costretti a rinfrescarvi nella fredda brezza mattutina ; Karandol è il mese autunnale per eccellenza, e il freddo inizia a far capolino come una cara vecchia conoscenza...

Mentre vi dirigete verso la grande arcata che costituisce sia l'entrata che l'uscita del villaggio, Kynon vi fornisce le ultime raccomandazioni:

KYNON: raggiungeremo il Cromlech in una giornata di cammino , tempo permettendo. Noi vi faremo da guide e da sorveglianti, fino a che saremo giunti a destinazione; entrerete da soli nel Cromlech. Noi vi aspetteremo fuori.
Alcuni di voi mi hanno fatto una buona impressione, ma non crediate che ciò mi impedisca di fare ciò che devo ... se tentate di fuggire , ho l'ordine di uccidervi. Siete avvisati.
Io e Pwyll apriremo la fila ; Erec e Hafgan alla retroguardia. Voi nel mezzo...
Domande ?


Nolorin ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
GIORNO E ORA: 12 Karandol, 1350 DA ; Alba
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Didagus ap Xander


Didagus impugna la lancia, assicura la spada alla cintura, controlla di aver tutto, prende le asce da lancio e se le assicura a portata di mano. Imbraccia lo zaino e rivolto a Kynon dice: "Assolutamente no, Kynon. Sono pronto. Andiamo!"


Baudaffi ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
GIORNO E ORA: 12 Karandol, 1350 DA ; Alba
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Unsen

Dopo aver indossato il secondo mantello, questo di colore verde chiaro, scende lescale. Osserva la scena che gli si pone davanti.
Ascolta le parole di Kynon mentre butta giu' nella gola la colazione e annuisce.

Dopo aver finito di mangiare si rivolge a Kynon con espressione imbronciata
"Scusami perche' non posso andare io in cima alla fila? Anche voi siete i soliti razzisti che siccome sono uno gnomo devo stare nel mezzo?"

incrociando le piccole braccia al petto conclude con
"Uffa! volgio guidare io la scampagniata!"
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: [Il Cromlech di Bran] Prima parte

Messaggioda Hashepsowe » lun 19 ott 2015, 15:02

Dracodraconis ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
GIORNO E ORA: 12 Kerandol, Alba
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo Limpido
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"


Arduino, seduto al tavolo, non presta molta attenzione a Kynon, tanto ha già compreso la solfa e l'ormai tedioso ... spartito.
Ovviamente la sua attenzione è rivolta alla dolce cameriera, cerca il suo sguardo e rimane triste nel vedere nei suoi occhi la consapevolezza che potrà essere l'ultima volta che si vedono.
°°°No, perdinci, ritornerò da lei, alla faccia di tutti i demoni e spiriti maligni. Che si suicidino°°

Si alza lasciando la colazione a metà, lo stomaco era occluso dai tristi presagi. Si accomoda il mantello e l'arco alle spalle, quando è pronto si avvicina al "suo cuore" e si accomiata:

-"Mia dolce dama, qualunque cosa dovrò affrontare, qualunque pericolo dovrò superare, io ritornerò da te, fosse l'ultima cosa che faccio in questa esistenza. Lo giuro sul mio onore. Messer Didagus mi è testimone"


Grifone ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
GIORNO E ORA: 12 Kerandol, Alba
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo Limpido
PG: Muninn

Mi preparo regolarmente, e poi scendo dalla stanza.

Rispondo, sarcastico come sempre "Si, vedete di non farvi uccidere".
Mi accodo al gruppo e li seguo. E finché fossero stati loro a stare davanti mi sarebbe andato bene...


Kronall ha scritto:LUOGO: Locanda "La Vecchia Via"
GIORNO E ORA: 12 Kerandol, Alba
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo Limpido

Nell'udire l'accorata dichiarazione di Arduino, Tia (la ragazza addetta a servire i tavoli, dalla lunga chioma corvina) arrossisce visibilmente e distoglie lo sguardo, sorpresa dall'ardore del mezzelfo ; ma Lilian, la tizia delle pulizie, è lesta a rovinare l'atmosfera di intimità appena creatasi con una risata stridula:

LILIAN: Non potevi sperare in un pretendente migliore, mia cara Tia... forse faresti meglio ad approfittare subito della sua presenza, perché anche se dovesse tornare indietro vivo, ci penseranno gli abitanti del villaggio a smembrarlo pezzo per pezzo ! Eh già, la sorte è stata particolarmente buona con te... il tuo primo corteggiatore é un sacrilego !

Le altre ragazze scoppiano a ridere di rimando, ma Wyndel interviene, con il volto che sembra quello di un mastino da guerra a cui hanno appena tolto l'osso di bocca. La corpulenta locandiera si porta dinanzi alla sfacciata inserviente e la fronteggia minacciosamente, mani sui fianchi.

WYNDEL: Stavolta hai superato te stessa, Lilian! Perché tutto questo astio nei confronti di Tia ? E lascia che sia il Consiglio a giudicare le azioni di questi forestieri, non la gente di Nebin !

Il rimbrotto sembra aver sortito l'effetto voluto, visto che le risate si interrompono bruscamente e Lilian si allontana per compiere le proprie faccende, con una smorfia di disprezzo dipinta sul bel volto e rivolta all'indirizzo di Wyndel ; ma è giunto troppo tardi , in quanto la fragile Tia , gli occhi gonfi di pianto , era già corsa via di gran carriera su per le scale che portano al secondo piano.

I guerrieri non commentano e Kynon si rivolge a Unsen:

KYNON: Vorresti aprire tu la fila, Mastro gnomo? E magari svignartela alla prima occasione ? Non dimenticare che siete ancora nostri prigionieri... non lasciarti ingannare dal fatto che le tue mani e i tuoi piedi siano liberi da legami.
Il vostro destino è ancora incerto.


Detto ciò, il mezzelfo vi fa cenno di prendere posizione e insieme al resto della piccola compagnia vi dirigete verso le porte del villaggio.

-------------------------------------------------

PARTE PRIMA, SCENA III

Vi lasciate alle spalle il sentiero che avevate percorso per giungere al villaggio e ripiegate verso sud , inoltrandovi nel profondo bosco. Le chiome degli alberi iniziano a tingersi di rosso ; l'autunno è alle porte.
La foresta è un tripudio di di rumori, canti di uccelli (la metà dei quali non avete mai sentito prima) , ronzio di insetti e il fruscio delle fronde scosse dal vento. Qualche scoiattolo vi osserva dall'alto dei rami di un faggio , per poi correre a nascondersi nel folto della chioma.
Il paesaggio non varia molto per buona parte del viaggio , ma verso il primo pomeriggio , notate che la vegetazione si è fatta decisamente più rada e i fusti degli alberi sembrano più contorti e nodosi. I guerrieri non parlano, ma dall'espressione corrucciata di Kynon comprendete che c'è qualcosa che li turba.
Il mezzelfo non vi permette nemmeno di fermarvi per mangiare, e vi costringe a consumare un pò di pane e formaggio durante la marcia ; non sembra che lo faccia per cattiveria, ma piuttosto spinto da una cupa determinazione nel raggiungere l'obiettivo il prima possibile.
Al tramonto, siete giunti ormai ad un punto della foresta in cui un sottobosco marcio e malato ha preso il posto degli alti e vigorosi alberi ; masse di rovi spinosi crescono ai lati del sentiero come capelli aggrovigliati sul capo di una vecchia strega ; i pochi alberi che incontrate sul vostro cammino presentano una corteccia sbiadita, quasi diafana.
La scarsa presenza di alta vegetazione vi permette però di scorgere una sottile linea di fumo levarsi a qualche centinaio di metri distanza dalla vostra posizione attuale.
Kynon vi fa cenno di parlare il più silenziosamente possibile.
Uno dei guerrieri si rivolge a lui sussurrando:

PWYLL: Orchetti ?
KYNON: (scuotendo la testa) Siamo troppo vicini a Soveliss... lo escluderei. Ma questo tratto di foresta è peggiorato rispetto a qualche mese fa, quindi possiamo aspettarci di tutto. Uno di noi andrà in avanscoperta.

Erec, il più giovane (e impetuoso) dei 4 si fa allora avanti , arco in spalla e spada in pugno , afferrando la spalla di Kynon:

EREC: Vado io !

Kynon lo osserva per un momento, come se stesse rimuginando tra sé e sé... poi scuote la testa.

KYNON: No, andrò io.

Poi passa in rassegna i volti di ciasuno di voi con lo sguardo, prima di soffermarsi su quello di Muninn.
E aggiunge, con sommo sbalordimento di tutti i suoi sottoposti:

KYNON: E tu, Nor'Gar... tu verrai con me.

L'unico rumore udibile per qualche minuto è il sibilo di stizza di Erec.

Spoiler: hide
Se qualcuno di voi possiede il Tratto 'Natura' può usarlo per raccogliere erbe durante il tragitto compiuto fino a qui.
Da specificare però che senza il Tratto 'Medicina' non potete realizzare infusi e altri preparati medicamentosi con le erbe che avete raccolto ; potrete però venderle o incaricare qualcun'altro di preparare l'infuso al posto vostro (naturalmente pagando).
Altrimenti, Unsen può preparare pozioni magiche con le erbe, ma il procedimento è molto più dispendioso e lungo rispetto a quello previsto per un semplice preparato naturale... ma ovviamente il prodotto finale sarà ben più potente !
Per verificare se riuscite a trovare erbe c'è bisogno di un semplice tiro percentuale , ossia (per chi non lo sapesse) data una probabilità di base (che dipende dalla rarità dell'erba) si lanciano due dadi a 10 facce leggendo il risultato del primo come decine e il secondo come unità: se la cifra così ottenuta è inferiore alla probabilità di base, la ricerca ha dato i suoi frutti.
In questo caso, non avete tempo per cercare erbe con cura (Kynon non vi lascerà farlo) quindi la probabilità è dimezzata.
Notate che non ho parlato di Test: non c'è bisogno di alcuna capacità particolare per cercare erbe, è più una questione di fortuna che di altro... ma solo chi possiede il Tratto 'Natura' può riconoscere le varietà più rare e soprattutto distinguere quelle medicamentose da quelle potenzialmente letali. Ulteriori dettagli qui.
Fatemi sapere se intendete cercare erbe.


Dracodraconis ha scritto:LUOGO:Locanda "La Vecchia Via"
GIORNO E ORA:12 Kerandol, Alba
TEMPO METEOROLOGICO:Cielo coperto

Arduino rimane sconvolto vedendo Tia correre piangente, silenziosamente, volge una piccola prece alla dea del luogo perché la protegga e consenta al lui di ritornare.
°°Dopo sarà quel che il Fato ha deciso. Spero che tengano conto di ogni cosa°°
Dopodiché si volge verso Lilian e inchinandosi la saluta sarcasticamente

-" Lilian, ti saluto, sperandoti di rivederti in forma come oggi. Raccomando gli dei che ti trattino con la stessa clemenza e umanità che tu usi con il tuo prossimo"

Quindi si aggrega al resto della compagnia.
___________________________________________________________________________________________________________
PARTE PRIMA, SCENA III

In viaggio Arduino, per mantenere la mente tranquilla, osserva la flora circostante e si accorge della presenza di erbe officinali interessanti e, in prospettiva futura molto utili.
°°°Credo che approfitterò di raccoglierne un po, se mi riesce°°
Mentre era intento in questi pensieri, i suoi sensi allenati raccolgono la conversazione sottovoce di Kynon con il suo armigero. Una conversazione, a lui e per i suoi scopi, molto interessante
°°°Orchetti ... vicinanza Soveliss, natura circostante cambiata in peggio ... chissà°°

-"Capitano Kynon, perdoni la mia intromissione. Dato che richiede la presenza di uno di noi, vorrei poter venire io o anche io, se non vi sono problemi. La presenza reale o meno di orchetti è per me importante"


Spoiler: hide
Tento il tiro fortuna per le erbe. Arduino ha 2 come Natura. In più tento il tiro fortuna (se esiste, per la risposta affermativa di KYnon). Kronall, ti avviso che non trovo più la scheda "ufficiale" di Arduino che mi avevi postato in e-mail. Ho solo quella mia. Mi serve per scalare il conto albergo e per chiedere a qualcuno di prepararmi decotti.


Grifone ha scritto:LUOGO:Locanda "La Vecchia Via"
GIORNO E ORA:12 Kerandol, Alba
TEMPO METEOROLOGICO:Cielo coperto
Personaggio: Muninn

Sbadiglio, un po' per i resti del sonno e un po' per la noia.
- Yawn... e ti preoccupi per degli orchetti, tutto qui'? Credevo che voi elfi foste più duri. - Mi metto in marcia in buon passo, passando oltre Kynon senza neppure aspettarlo che mi seguisse, ma sono io che lo incito - Muoviti, andiamo, non farmi perdere tempo! E vedi di non far rumore, sennò sarò io ad ucciderti prima di quello che ci potrebbe essere la. -

Non che sappia un gran che di questi orchetti, ma il posto non mi sembrava degenerato a causa del maltrattamento di qualche bestia barbara. Piuttosto mi sembrava che fosse corroso da una qualche malattia che lo stesse uccidendo da dentro... forse era avvelenato dalla stregoneria. Il che se era così era una pessima cosa, perché i maghi sono bravi ad imbrogliare coloro che cercano di ucciderli. In ogni caso, c'era un solo modo per saperlo.

Dopo qualche passo che mi sono discostato dal gruppo, tento di confondermi nell'ambiente, e a seconda di cosa potrei maneggiare meglio nell'ambiente senza impigliarla o far rumore, estraggo il pugnale o la spada corta. Cammino piano e controllo meticolosamente cosa calpestano i miei piedi, fermandomi spesso ad osservare l'ambiente. Per quanto fosse alieno, potevo scorgere qualcosa.

Se kynon mi segue, e fa il minimo rumore, lo rimprovero facendo il segno col dito che passa sul collo. Non mi andava a genio di dovermi muovere con qualcuno appresso, quantomeno che fosse proprio quest'altro a farmi scoprire...

Spoiler: hide
Uso i tratti della furtività per muovermi di nascosto ed esplorare la zona. Nel caso che abbia dubbi se ci sia un pericolo o meno, non ingaggio nessun combattimento, ma tento di nascondermi meglio (in mezzo agli arbusti o appiattendomi al terreno). Questo anche nel caso che qualche personaggio ingaggi un combattimento.


Baudaffi ha scritto:LUOGO:Locanda "La Vecchia Via"
GIORNO E ORA:12 Kerandol, Alba
TEMPO METEOROLOGICO:Cielo coperto
Personaggio: Unsen

Durante la prima parte del viaggio si appiccica dietro al capo delle guardie, alternando fischiettii e masticamenti di carne secca che tira fuori dallo zaino.

Quando la vegetazione inizia drasticamente a cambiare smette di fichiettare.

Durante la pausa, dove Kynon e Muninn si inviano per la ricognizione, unsen si siede e pensa profondamente, dopo poco siinterrompe
"Che brutta cera che ha la foresta in questo punto... sembrerebbe malata..."

Spoiler: hide
Cerco di capire se puo' avere un origine magica o cosa.


Nolorin ha scritto:LUOGO: La via per il Cromlech
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO:Cielo coperto
PG: Didagus ap Xander


"Orchetti? Non può essere nulla di buono se ci siamo fermati così..." Didagus è inquieto... E' abbastanza teso per quello che dovrà affrontare al Cromlech. Questa fermata obbligata lo preoccupa di più. Impugnando saldamente la lancia si avvicina a Kynon che ha appena chiamato Rudolph:
"Problemi? Ci sarà bisogno di combattere? Posso aiutare?" Poi sentendo le parole di Arduino aggiunge:" Fratello mio, se tu andrai, verrò anche io."


Kronall ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido

Kynon scuote lentamente la testa , parlando con tono grave:

KYNON: No... in troppi correremo il rischio di farci udire. Inoltre voi due non sembrate i più adatti al compito. Restate qui, invece, e preparatevi al peggio nel caso gli Orchetti ci scoprissero e passassero all'attacco ; se mai dovesse accadere , li porteremo dritti dritti tra le vostre braccia.


EREC interviene di nuovo, con espressione stizzita: "Perché proprio lui?"
Ma Kynon si limita ad apostrofarlo duramente, e il ragazzo torna al proprio posto, stringendo ancora più forte l'arco e lanciando sguardi carichi di odio all'indirizzo di Muninn, il quale nel frattempo è stato inghiottito dal fogliame spinoso che circonda il sentiero.

Nel frattempo, Unsen tenta di percepire il tipo e il genere di radiazioni magiche attive nella zona; lo gnomo chiude gli occhi e avverte infatti la presenza di un forte influsso magico che permea completamente questa parte della foresta, penetrando tra gli steli d'erba, fin nel profondo della terra stessa e corrompendola ; in realtà si tratta di due presenze ben distinte, entrambe molto forti.
La prima é ancestrale... forse si tratta di una divinità, un essere supremo che é esistito fin dall'alba delle Ere ; l'altra invece è decisamente più 'giovane', ma altrettanto potente. La sua forza però deriva dall'odio e dal rancore: il piccolo gnomo può percepire questa seconda energia mentre invade il suo intero corpo e infonde nel suo cuore sentimenti di vendetta e violenza.
Comprendendo che ciò potrebbe comportare qualche problema per la sua incolumità, Unsen abbandona lo stato di trance e recide il contatto con l'entità. Le radiazioni magiche hanno origine a sud, il luogo ove il gruppetto è diretto...


MUNINN e KYNON
Muninn avanza tra la vegetazione spinosa, facendosi largo a colpi di spada corta ; Kynon lo segue a breve distanza, senza proferire parola.
Percorsi un centinaio di metri, i due si imbattono in una radura, circondata da un gruppetto di alberi malandati e malati; nel bel mezzo di questa, un gruppo di 4 Orchetti , con altrettanti lupi al seguito , stanno cuocendo della selvaggina. Indossano stracci e corazze di cuoio rovinate, probabilmente rubate agli umani che hanno razziato.
Le spregevoli creature hanno la fronte alta, gli occhi sporgenti, flosce orecchie a punta coperte da escrescenze di vario tipo e il viso schiacciato. Non parlano, limitandosi a fissare il loro pasto con sguardo carico d'avidità.
Sembrano armati alla leggera : daghe arrugginite e qualche ascia da lancio.
Proprio in quel mentre, Muninn perde l'equilibrio, mettendo un piede in fallo e finisce per crollare addosso ad uno degli alberi dietro il quale si era nascosto. L'albero viene scosso leggermente, ma il rumore è percepibile: gli Orchetti però, distratti dal cibo, non vi prestano attenzione.
I lupi però, probabilmente attirati dall'odore dei 'nuovi arrivati' si rizzano sulle zampe e dopo aver ringhiato sommessamente per qualche secondo si scagliano verso il punto in cui i due esploratori si nascondono, allarmando ovviamente anche gli Orchetti, i quali impugnano le spade e si apprestano a seguirli.

Frattanto, il resto del gruppo rimasto indietro avverte il forte ringhiare e l'ululato dei lupi, oltre ad alcune urla gutturali che di umano hanno ben poco...
Unsen, il quale ha avuto a che fare in passato con queste creature, riconosce immediatamente alcune tipiche espressioni Orchesche... i suoi compagni sono stati individuati !


Spoiler: hide
Parte I, Scena III: Test per trovare Erbe, Arduino. (1d100=89, 1d100=3, 1d100=19, 1d100=12, 1d100=74)

Arduino trova un pò di Felce Nera, un mazzetto di Medicamenta e uno di Regina d'Argento (per gli effetti di queste erbe vedi qui).

Anche se non è un Test vero e proprio, l'esperienza senz'altro frutta al buon Arduino un pò di Punti Addestramento:
Parte I, Scena III: Tiro Esperienza per Arduino (1d8=8)

Sei stato fortunato (a differenza di Baudaffi... vedi sotto ehehe).
32 Punti Addestramento da assegnare a 'Natura' per via del fatto che il Tratto è sotto Intelletto, che rientra nei Reami Primari di Arduino.

Parte I, Scena III: Test 'Occulto' per Unsen (1d10=10, 1d10=5, 1d10=8)
Parte I, Scena III: Test 'Occulto' per Unsen, Tiro Aperto (1d10=6)

Il Totale è uno straordinario 16...
La SD era 6, quindi l'azione è riuscita brillantemente (Successo Critico di II Livello, ossia pari a due volte la SD). Infatti ti ho dato molte più info del previsto.

Tiro Esperienza Diretta per Unsen. (1d10=2)

Equivalente a 4, visto che avevo deciso di velocizzare un pò la cosa; raddoppiato a 8 per Successo Critico di II Livello, raddoppiato ancora perché Spirito è il Reame Primario di Unsen.
Totale: 16 Punti Addestramento da assegnare ad Occulto.

Parte I, Scena III: Test 'Furtività' Muninn. (1d8=1)

Ahi ahi ahi... ma per tua fortuna gli Orchetti non hanno udito niente (fallito il loro Test Percezione). Kynon ha superato il Test con un ottimo 7.
I Lupi hanno semplicemente annusato l'aria...

Al momento , i Lupi e gli Orchetti si trovano a circa 12 metri da Kynon e Muninn e a circa 100 dal resto del gruppo.
Ci sono 4 Lupi e 4 Orchetti. Gli Orchetti non cavalcano i Lupi.
Per ora credo non ci sia bisogno di di postare una mappa dello scontro... quando designate il bersaglio da attaccare assegnategli un numero (es: Orchetto 1, Orchetto 2, Lupo 1, Lupo 2, ecc ecc.) cosicché io possa tenere traccia delle ferite subite.

I risultati del Test di Prontezza (in ordine) :

Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 1, Test Prontezza Lupi (1d8=3, 1d8=8, 1d8=3)
Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 1, Test Prontezza Lupi, Tiro Aperto (1d8=8)
Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 1, Test Prontezza Lupi, Tiro Aperto II (1d8=5) (Totale 21, 3 Azioni per i fortunatissimi Lupi, che agiranno per primi)

Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 1, Test Prontezza Didagus (1d10=6, 1d10=6) Didagus ottiene un buon risultato grazie al suo Addestramento da Cavaliere: agisce per secondo, ha a disposizione però una sola azione; avendo ottenuto un 6 ha diritto ad un premio in Punti Addestramento , 8, sul Tratto Prontezza.

Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 1, Test Prontezza Kynon e Guerrieri (1d8=5, 1d8=2)
Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 1, Test Prontezza Orchetti (1d8=5) (Orchetti, Kynon e Guerrieri agiranno contemporaneamente per terzi e avranno a disposizione un sola Azione)


Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 1, Test Prontezza Unsen (1d6=4) (a dispetto della sua scarsa Coordinazione Unsen è stato fortunato: agirà per quarto, con una sola Azione)


Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 1, Test Prontezza Arduino (1d10=3) (Arduino poteva ottenere di più, ma la sorte gli è stata avversa. Agisce per quinto, una sola azione a disposizione)

Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 1, Test Prontezza Muninn (1d8=2) (idem con patate... il povero Muninn agisce per ultimo e dovrà fronteggiare l'assalto dei lupi !!)

Lunastella interpreterà i nemici in questo scontro.

Ricapitolando, ecco l'ordine in cui posterete le vostre Azioni (in grassetto i PG):

1. Lupi (Lunastella) (3 Azioni)
2. Didagus (1 Azione)
3. Orchetti (Lunastella) , Kynon & Guerrieri (Master) (1 Azione)
4. Unsen (1 Azione)
5. Arduino (1 Azione)
6. Muninn (1 Azione)

Rispettate l'ordine di giocata (ossia , non postate prima che lo abbia fatto colui che vi precede) per evitare confusione... e in bocca al lupo :lol:
Per conoscere il tipo di azioni che è possibile svolgere durante un combattimento leggete questa sezione.
Il gruppo rimasto indietro ode i rumori e intuisce la natura del pericolo ma è ancora troppo lontano per poter vedere la posizione degli attaccanti.
E non dimenticate di annotare gli eventuali Punti Addestramento guadagnati.


Lunastella ha scritto:Sono un branco piuttosto anomalo, i quattro lupi che il destino ha accomunato sotto al giogo di padroni crudeli, sempre pronti a lesinare il cibo e dispensare colpi di sferza.
Catturati ancor cuccioli, o risparmiati dopo l'uccisione della madre, sono stati educati a servire gli orchi fin da piccoli, in cambio di una dose inferiore di botte e di qualche osso da spolpare.
Non c'è disciplina in un branco costretto alla cattività, ma ognuno agisce secondo il proprio istinto... e il sapore della carne ancora calda da sola basta a compensare qualunque sforzo fatto per raggiungerla ed abbatterla. Gli orchi lo sanno e per questo continuano ad aizzarli, privandoli del cibo e bastonandoli spesso. Si muovono per uccidere perchè quella della sopravvivenza è l'unica legge che conoscano. Lo fanno senza cattiveria e senza malizia: non è una colpa essere nato lupo ed amare il sapore del sangue caldo e della carne dilaniata.

Il giovane Shakh è il primo a muoversi, fiutando l'aria in cerca delle tracce invisibili che il suo istinto lo rende capace di percepire. Il guizzo candido del suo manto saetta guizzante tra i tronchi verdastri, mentre insegue gli intrusi in mezzo all'intrico contorto di rami e radici, tra la melma marcescente della decomposizione organica. In breve è in grado di imprimere un'ulteriore accelerata al movimento e di portarsi a ridosso dell'uomo. Presto, molto presto potrà bere il suo sangue!

Più cauto, dietro a lui si muove Wolfang, la cui mole enorme incute timore prima ancora che egli spalanchi le fauci per mostrare le sue zanne gialle e acuminate come rasoi, prima ancora che il poderoso colpo dei suoi artigli tragga fontane di sangue dalle carni dilaniate. Il fiuto gli rivela qualcosa e il grosso bigio si ferma ad annusare l'aria, cercando di individuare la fonte di quella sensazione di pericolo incombente.

Rashka e Carcaroth infine si muovono all'unisono, affiatati e fedeli l'uno all'altra, si distaccano dagli altri due lupi per aggirare le prede e prenderle in trappola attaccandole sul fianco. Si muovono rapidi e silenziosi, anch'essi fiutando l'aria, con movimenti che scandiscono il ritmo inesorabile del fluire del tempo e con esso l'appressarsi della Morte.

Spoiler: hide
AZIONE 1: Shakh scatta all'inseguimento di Muninn e Kynon, affidandosi al fiuto e al proprio istinto ferale.
Wolfang fiuta a lungo l'aria prima di muoversi
Carcaroth e Rashkha si muovono rapidi e silenziosi, cercando di aggirare gli intrusi visibili con l'intento di attaccarli in un secondo tempo ai fianchi

AZIONE 2: Shakh imprime un'accelerazione al movimento e si porta su Muninn.
Wolfang parte a sua volta, portandosi alla retroguardia di Shakh
Carcaroth e Rashka portandosi in favore di vento percepiscono l'odore degli altri del gruppo e tentano di individuare con esattezza dove si trovino prima di attaccarli

AZIONE 3: Shakh spicca un balzo con l'intento di prendere alla gola il Nor'gar.
Wolfang si porta su Kynon e lo controlla digrignando i denti
Carcaroth e Rashka si portano alle spalle del gruppo in attesa e insieme si slanciano su colui che in quel momento si trova più discosto dagli altri, attaccandolo congiuntamente, lei mirando al collo e lui alle gambe della vittima designata


N.B. l'esito delle azioni dei lupi verrà stabilito dal Master, che effettuerà gli opportuni test di riuscita quando starà a lui parlare. Inoltre, non potendo sapere a priori l'esito della prima azione, intraprendo la seconda e la terza, presumendo di aver concluso l'azione precedente. Inoltre, non sapendo, quando Rashka e Carcaroth raggiungono il gruppo, sempre SE lo raggiungono dopo averlo aggirato, CHI si troverà in quel momento nel punto più isolato rispetto agli altri, mi sono limitata a descrivere l'azione senza dare un nome al pg (o png) che subisce l'attacco congiunto dei due lupi.


Nolorin ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Didagus ap Xander


GUAI GUAI E GUAI con la G e tutte le altre lettere maiuscole...
Didagus prende dalla bandoliera un'ascia da lancio mentre con l'altra tiene salda la lancia e inizia a correre verso la direzione dove i suoi compagni sono spariti, urlando ad Arduino e ai componenti del gruppo:" Arduino! seguimi e cerca di coprirmi con le tue frecce! Unsen, rimani al sicuro e prepara qualcosa che ci possa aiutare a rimetterci in sesto più tardi, Uomini di Nebin, Aiutiamo i nostri compagni. Per Nebin e Ashura. RIAMBROTH!!!"
Spoiler: hide
Azione1: parire alla carica incitando i compagni e sguainando le asce che aveva sottomano(sembrano tante ma in realtà si possono fare tutte e tre contemporaneamente, penso)


Lunastella ha scritto:Gli orchetti, prima che i lupi partissero alla carica erano intenti a spartirsi il bottino depredato ad un povero mercante che era diretto a Nebin e che ormai giace da qualche parte a nutrire i vermi e i corvi. Naturalmente, come sono soliti fare i rappresentanti di tale razza, sono pronti a darsi battaglia l'un l'altro per far valere l'unica legge che gli orchi riconoscono: quella del più forte.
Vedendo scattare i lupi, comprendono immediatamente di non essere più soli nella radura e sperando in un nuovo lauto bottino cessano immediatamente le ostilità tra di loro e si apprestano a fare la festa ai nuovi malcapitati.
Sono tutti già armati e altro non debbono fare se non mettersi in posizione di attacco ed attendere che i lupi spingano verso di loro le vittime, tenendosi pronti a finirle.

Il più grosso dei quattro - evidentemente il capobanda - è un gigantesco orco con il corpo interamente ricoperto di peli neri e ispidi, di nome URUZ. Scatta immediatamente in avanti, brandendo una mazza ferrata e portandosi sulla scia dei lupi, ma mentre si muove impartisce agli altri l'ordine di tenersi in retroguardia.

URUZ: Voi tre stringetevi a semicerchio alle mie spalle e aspettate che vi vengano a tiro... io vado a stanarli.

Ciò detto, l'orco raggiunge il punto in cui avviene lo scontro tra Shakh e Muninn e vedendo che Wolfang controlla Kynon, cerca du portarsi rapidamente su quest'ultimo, con l'intento di dare manforte al lupo.

Gli altri tre obbediscono all'ordine ricevuto e si dispongono a semicerchio all'imboccatura della radura in cui erano accampati, con le armi spianate e pronti ad accogliere le loro vittime.
Il primo - che si chiama MORGH - afferra una picca e si dispone sul lato sinistro, seminascosto da un albero, brandisce l'arma e si prepara a colpire tenendo l'eventuale avversario a distanza strategica per non essere colpito.

MORGH: Per Thorok e Amoriak... di qui non passeranno!

Il secondo - che si chiama SCRUM - brandisce la sua ascia bipenne e si dispone sul lato destro, anch'egli seminascosto da un albero.

SCRUM: Per Lathanya... berremo il loro sangue!

Il terzo - che si ghiama GRONK - afferra uno spadone a due mani e si dispone al centro dello schieramento, in modo da essere l'unico visibile del terzetto, pronto ad invitare i nemici ad affrontarlo, per permettere ai compari di colpirlo a tradimento da destra e da manca.

GRONK: Sono pronto a riceverli!

Spoiler: hide
I quattro orchi si coordinano prima di svolgere la loro azione. Dopodichè usano la loro unica azione per disporsi ad armi spianate: URUZ cerca di raggiungere Kynon per dare manforte a Wolfang, brandendo una mazza ferrata; MORGH si nasconde dietro a un albero al limitare sinistro della radura, tenendo pronta la sua picca; SCRUM si nasconde dietro a un albero sul lato destro e si tiene pronto ad agire brandendo un'ascia bipenne che intende conficcare alle spalle di chiunque si presenti ad affrontare il terzo orco GRONK che con il suo spadone a due mani farà da esca, invitando gli avversari ad affrontarlo: si posiziona infatti ben visibile al centro del passaggio, con lo spadone già spianato, in attesa di un avversario.


Baudaffi ha scritto:Spoiler: hide
Errore mio


Kronall ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido

KYNON stringe più forte la lancia, e anche se la tentazione di restare a combattere è forte, comprende che non avrebbe scampo qui, da solo, contro tutti quegli avversari; si volta e corre verso il punto da cui era venuto, sperando così di attirare i Lupi proprio nel bel mezzo del suo gruppo (come si era ripromesso di fare prima di partire in avanscoperta).
Mentre corre nel folto del bosco invita Muninn a seguirlo.

Nel frattempo, i guerrieri di Nebin rimangono sbigottiti nel vedere Didagus lanciarsi a testa china verso il pericolo: non erano questi i piani.

PWYLL: Aspetta, straniero ! Kynon ci aveva raccomandato di mantenere la posizione !

Ma ormai è troppo tardi, il mezzelfo è già partito alla carica...
Pwyll non si perde d'animo e impartisce gli ordini:

PWYLL: Erec , raggiungilo, e cercate di capire quanto è grave la situazione laggiù: poi, tornate indietro
Poi, rivolto all'altro guerriero di Nebin , e ad Arduino: Noi resteremo qui, pronti a ricevere l'assalto nemico. Se disponete di armi a distanza impugnatele ora... forse riusciremo a fermarne qualcuno prima che possano ingaggiarci in corpo a corpo. Che Wengelot ci protegga...
I due guerrieri impugnano gli archi e incoccano le frecce, lo sguardo deciso fisso verso il punto in cui Didagus e Pwyll sono diretti.

Spoiler: hide
Baudaffi, il tuo post non è valido: devi rispettare l'ordine di Azione in combattimento, e il tuo Turno viene dopo quello di Kynon / guerrieri e di Lunastella...
Ad ogni modo se non vuoi modificare la tua Azione (nemmeno dopo l'avvertimento di Pwyll) considero che tu abbia già agito.
Restano Arduino e Muninn.

Una piccola precisazione in merito ai post di Lunastella: le varie informazioni sul trattamento ricevuto dai lupi per mano dei loro padroni e dell'agguato subito dal mercante, nauralmente, sono soltanto descrittive e i vostri Personaggi non ne saranno a conoscenza fin quando non troveranno prove o indizi che possano portarli a dedurre tutto ciò.
Le parole pronunciate dagli Orchetti sono udibili ovviamente sia da Kynon che da Muninn, ma nessuno di loro riesce a capirne il significato (in quanto privi del Tratto Lingue Moderne: Orchesco); quindi vi prego di far agire i vostri Personaggi coerentemente (ossia, non tenendo conto di quanto gli Orchetti si dicono).
Riepilogando, i prossimi ad agire saranno (in ordine):

Arduino (1 Azione)
Muninn (1 Azione)


Baudaffi ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Unsen

Esegue gli ordini arretrando di un paio di passi.
Impugna il suo pugnale da lancio.
Gli occhi si socchiudoo cercando di concentrarsi nel cercare di capire il momento e il bersaglio giusto.


Spoiler: hide
Scusate del mio errore. Rettifico anche le mie azioni :P


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: A Sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo Limpido
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

Arduino si posiziona affianco a Pwyll, con gesti lenti ma decisi pianta alcune frecce nel terreno, gli serviranno in seguito,quindi porta il suo lungo arco alla spalla e lo arma di una freccia. Inspira ed espira più volta, senza fretta, espandendo al massimo i polmoni, l'iperventilazione è importante per mantenere la calma e la concentrazione in questi momenti cruciali. Lo sa. lo ha già vissuto in un tempo recente nella sua Oasi. Ha già combattuto contro gli orrendi orchetti, ora il destino ripresenta la stessa situazione.
°°°E' un racconto già vissuto, gli stessi immondi piedi che hanno portato morte nella mia dolce Karen's Wood, ora profanano questi luoghi. Madre, Druso, intercedete per tutti noi presso gli dei°°

Spoiler: hide
Caro Kronall, credo che nel tuo intervento ci sia una contraddizione, in quanto è Erec che corre dietro a Didagus e non Pwyll
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: [Il Cromlech di Bran] Prima parte

Messaggioda Hashepsowe » lun 19 ott 2015, 15:10

Grifone ha scritto:LUOGO: A Sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo Limpido
PG: Muninn

Cozzo la testa contro l'albero.
<< AHIA!!!>> è l'unico pensiero che mi rimbomba nella testa.
Dannati rovi, mi si è impigliato un piede dentro di essi e mi hanno fatto perdere l'equilibrio!

Il dolore mi confonde i sensi per qualche secondo, nei quali ho un vuoto totale, non capisco più dove sono o cosa succede attorno a me. Appena torno lucido, però, mi accorgo che la situazione è... pericolosamente degenerata.

A seconda di cosa ho tempo, il mio istinto è di estrarre la spada corta per rimpiazzare il pugnale. Se ho tempo, mi ritiro correndo verso Kynon, ma se mi accorgo che i lupi sono troppo veloci da seminare e una fuga mi lascerebbe indifeso, posso solo mettermi in posizione di difesa e provare ad abbattere la prima bestia che mi si avventa contro.
Forse avevo più possibilità nel provare a respingerli che a scappare, se erano troppo vicini per sfuggirgli.

Spoiler: hide
Muninn sfodera la spada corta, e a seconda della distanza dei nemici fugge, oppure combatte in maniera difensiva se sono troppo vicini e la fuga darebbe ai nemici una opportunità di colpirlo senza lasciargli possibilità di reagire.


Kronall ha scritto:LUOGO: A Sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo Limpido

(Leggete prima lo spoiler per la parte statistica)

Inesorabili, i primi 2 lupi si scagliano contro Muninn e Kynon come segugi che hanno appena varcato i cancelli dell'inferno.
Il Nor'Gar capisce l'antifona e mantiene il terreno: agita con perizia la sua daga, respingendo gli attacchi dei lupi grazie ad un abile gioco di schivate.
Le mascelle dei due lupi si serrano sul vuoto, ma Muninn sa bene che la sorte prima o poi gli volterà le spalle...

Il gigantesco Orchetto Uruz solleva la mazza e parte in carica contro il Nor'Gar, ma è troppo lento per poterlo raggiungere vista la mole ; i suoi compari si dispongono ai 4 lati della radura, due di loro nascosti dietro i contorti fusti degli alberi , l'ultimo invece si piazza al centro dell'area, spadone alla mano.

Nel frattempo inutile è la fuga di Kynon, nel disperato (quanto eroico) tentativo di attirare i nemici tra i ranghi dei suoi compagni: i due lupi che lo inseguono sono rapidissimi , e addestrati a non avere pietà di chicchessia.
Il mezzelfo viene dapprima morso al polpaccio ma i suoi gambali lo proteggono ; successivamente però, la creatura spicca un poderoso balzo atterrando sul fuggitivo con tutto il proprio peso, costringendolo a terra e mordendolo successivamente alla base del collo.
Kynon emette un grido strozzato, mentre il sangue zampilla copioso dalla sua gola; l'altro lupo lo raggiunge immantinente e affonda i denti sul suo braccio sinistro.
L'impavido condottiero della milizia di Nebin ha pagato caro il suo eroismo, e ora gli resta poco da vivere...

Frattanto, Erec e Didagus si fanno largo tra la vegetazione marcescente e odono le urla di strazio di Kynon, ma ancora non riescono a scorgerlo oltre la massa di rovi che occlude il loro cammino.

Arduino prepara le frecce , Unsen cerca invano di individuare la presenza di chicchessia oltre l'intrico di rovi e fogliame che li circonda...
L'attesa è snervante, poi il grido strozzato di Kynon squarcia il silenzio.
Pwyll perde la calma, e si rivolge ai compari con tono deciso:

PWYLL: E' ovvio che qualcosa è andato storto. Al diavolo piani e strategie, non lascerò che quei maledetti lo smembrino pezzo per pezzo !


Spoiler: hide
Parto dal presupposto che i vostri Personaggi abbiano avuto il tempo di sguainare le armi prima che il combattimento avesse inizio, quando vi siete resi conto della presenza degli Orchetti ; Grifone aveva dichiarato (mentre Muninn era in avanscoperta con Kynon) di utilizzare il pugnale o la spada corta a seconda dello spazio di manovra che l'ambiente in cui si stava muovendo gli avrebbe permesso, quindi ha già in pugno la seconda senza dover impiegare un' Azione ; gli altri impugnano le armi che hanno menzionato nel loro intervento (Arduino arco , Didagus ascia da lancio , Unsen pugnale).
Ricordate che una volta in combattimento però cambiare arma costa un'Azione, quindi siate giudiziosi nella scelta del vostro armamentario.

La distanza tra Muninn/Kynon e i Lupi è di 12 metri e , ahimé , il Valore Movimento di queste creature è proprio 12: ergo , il Lupo 1 (Shakh) riesce a raggiungere Muninn in una sola Azione e ad ingaggiarlo in corpo a corpo. Se Muninn si voltasse per fuggire sarebbe bersaglio di un attacco gratuito (Attacco di Opportunità per chi ha giocato a D&D Terza) , quindi , se bene ho interpretato le indicazioni di Grifone , il Nor'Gar resta a combattere adottando una Strategia Difensiva.
Dato che il Lupo 1 dispone di 3 Azioni , e ha impiegato la prima per avvicinarsi al Nor'Gar , effettua nei suoi confronti ben 2 attacchi col morso.

Stessa situazione per Kynon, raggiunto dal Lupo 2 (Wolfgang) e dall'Orchetto 1 (URUZ), il quale però non riesce ad avvicinarsi abbastanza da ingaggiarlo in combattimento (il Valore Movimento di un Orchetto è solo 10, insufficiente a coprire la distanza) : il mezzelfo opta per la fuga, subendo un attacco gratuito dal Lupo 2.

Gli Orchetti 2, 3 e 4 optano per una tattica attendista, posizionandosi in vari punti strategici nella radura.

i Lupi 3 e 4 , in un primo momento, convergono verso Muninn e Kynon ma non attaccano , limitandosi a controllarli: notando la fuga di Kynon però, il Lupo 2 lo insegue, seguito a ruota dal Lupo 3 (Carcaroth) mentre il Lupo 4 (Rashka) resta accanto a Muninn e lo attacca 2 volte.
Ricapitolando , Kynon subisce un attacco gratuito dal Lupo 2 e dal Lupo 3 ; successivamente, subisce un ulteriore attacco da ambo i Lupi quando questi lo raggiungono.
Muninn subisce 4 attacchi , 2 dal Lupo 1 e 2 dal Lupo 4 , ma perlomeno può beneficiare di un sostanzioso bonus dovuto alla strategia difensiva: la sua situazione è precaria, comunque, visto che non solo i 2 Lupi, ma anche tutti e 4 gli Orchetti sono a breve distanza da lui.

Nel frattempo Didagus e Erec (ho corretto il mio post, grazie Draco :wink: ) percorrono 10 metri in direzione di Kynon e Muninn ma non riescono a farsi largo abbastanza tra la fitta vegetazione per scorgere il mezzelfo in difficoltà.
Ovviamente il ringhiare dei Lupi e le urla degli Orchetti sono sufficienti a far capire ai due che la direzione è quella giusta e che i loro compari si trovano in una situazione di estremo pericolo...

Il resto del gruppo (Arduino, Unsen, Pwyll e Fargh) rimane in attesa, armi alla mano.

Passiamo ai tiri: Attacchi diretti contro Muninn

Parte I, Scena III, Turno I: Primo Attacco , Lupo 1, bersaglio Muninn. (1d8=1, 1d8=7)
Parte I, Scena III, Turno I: Secondo Attacco , Lupo 1, bersaglio Muninn. (1d8=2, 1d8=5)
Parte I, Scena III, Turno I: Primo Attacco , Lupo 4, bersaglio Muninn. (1d8=2, 1d8=7)
Parte I, Scena III, Turno I: Secondoo Attacco , Lupo 4, bersaglio Muninn. (1d8=7, 1d8=2)

Nessuno degli attacchi va a segno. Il Valore Difesa di Muninn in questo caso è 11: 6 di base, + 2 per il suo Tratto 'Armi da Mischia' , + 3 per aver adottato una Strategia Difensiva.
Il Lupo 4 ottiene un bonus di + 2 sui suoi tiri per via della superiorità numerica , ma non è sufficiente. In questo caso Grifone ha fatto benissimo ad optare per la Strategia Difensiva (anche se nel farlo ha rinunciato ad attaccare egli stesso), altrimenti sarebbe stato colpito da entrambi gli attacchi del secondo Lupo.
E' chiaro però che non potrà dirgli sempre bene...

Attacchi diretti contro Kynon
Parte I, Scena III, Turno I : Primo Attacco (gratuito) , Lupo 2 , bersaglio Kynon. (1d8=3, 1d8=4) (colpito, grazie al bonus +2 per attacco da retro)
Parte I, Scena III, Turno I : Secondo Attacco (regolare) , Lupo 2 , bersaglio Kynon (1d8=7, 1d8=8)
Parte I, Scena III, Turno I : Tiro Aperto per Lupo 2 (1d8=8)
Parte I, Scena III, Turno I : Secondo Tiro Aperto per Lupo 2 (1d8=4) (colpito criticamente, per un totale di 20, equivalente ad un critico di II Livello)
Parte I, Scena III, Turno I : Primo Attacco (gratuito) , Lupo 3 , bersaglio Kynon. (1d8=8, 1d8=5)
Parte I, Scena III, Turno I : Tiro Aperto per Lupo 3 (1d8=2) (totale 10, colpito)
Parte I, Scena III, Turno I : Secondo Attacco (regolare) , Lupo 3 , bersaglio Kynon. (1d8=8, 1d8=4)
Parte I, Scena III, Turno I : Tiro Aperto , Lupo 3 (1d8=3) (totale 13, considerando il bonus +2 per superiorità numerica, colpito)

Tiri per i Danni (Kynon):
Parte I, Scena III, Turno I : Danno Primo attacco Lupo 2 (bersaglio Kynon) (1d6=1) (il danno viene assorbito dalla corazza di cuoio di Kynon)
Parte I, Scena III, Turno I : Danno Secondo attacco Lupo 2 (bersaglio Kynon) (1d6=6) (come Effetti Critici il Lupo sceglie 'Gettare a Terra' e 'Perforare Armatura': Kynon subisce interamente i 6 danni)
Parte I, Scena III, Turno I : Danno Primo attacco Lupo 3 (bersaglio Kynon) (1d6=5) (2 danni vengono assorbiti dalla corazza di Kynon, quindi il mezzelfo subisce 3 danni)
Parte I, Scena III, Turno I : Danno Secondo attacco Lupo 3 (bersaglio Kynon) (1d6=2) (assorbiti interamente dall'armatura).

-------------------------------------------------------------

ORDINE DI GIOCATA PER IL SECONDO TURNO

1. Lupi (2 Azioni)
2. Didagus (1 Azione)
3. Guerrieri & Kynon (1 Azione)
4. Arduino (1 Azione)
5. Muninn (1 Azione)
6. Orchetti(1 Azione)
7. Unsen (1 Azione)


Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 2, Test Prontezza Orchetti (1d8=1)
Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 2, Test Prontezza Lupi (1d8=8, 1d8=7, 1d8=7)
Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 2, Test Prontezza Lupi , Tiro Aperto (1d8=5) (totale 13)
Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 2, Test Prontezza Guerrieri e Kynon (1d8=7, 1d8=7)
Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 2, Test Prontezza Arduino (1d10=6)
Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 2, Test Prontezza Unsen (1d6=1)
Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 2, Test Prontezza Didagus (1d10=8, 1d10=6)
Parte I, Scena III: Scontro con gli Orchetti, Turno 2, Test Prontezza Muninn (1d8=4)


Lunastella ha scritto:Frustrato dall'insuccesso dei suoi attacchi, Shakh prende la rincorsa e si slancia ancora una volta su Muninn e attaccandolo contemporaneamente con gli artigli e con le zanne snudate.

Dopo aver assaporato il gusto acre del sangue di Kynon, Wolfang realizza che il nemico è ormai inerme e non può più difendersi, quindi se ne discosta per controllare la situazione.

Rashka nel frattempo annusa l'aria e percepisce che ci sono altri individui nelle retrovie. Un agghiacciante ululato prorompe dalla sua ugola. A quel segnale, Carcaroth cessa di abbeverarsi del sangue fresco di Kynon e con uno scatto formidabile si slancia insieme alla sua compagna verso i nuovi intrusi da lei percepiti. Wolfang si pone di guardia nella radura, pronto a dare manforte a Shakh ed Uruz all'occorrenza, senza più infierire su Kynon, ma limitandosi a sorvegliarne gli eventuali movimenti.

Rashka e Carcaroth raggiungono il più isolato degli altri e si slanciano insieme su di lui, Rashka cerca di azzannargli un polpaccio, mentre Carcaroth cerca di azzannarlo alla gola.

Spoiler: hide
SHAKH:
Azione 1: attacco a Muninn con gli artigli che mirano al ventre
Azione 2: attacco a Muninn con le zanne che mirano alla gola

WOLFANG:
Azione 1: si sposta per controllare la situazione

RASHKA:
Azione 1: annusa l'aria e percepisce che ci sono altri individui, lanciando un ululato di allarme e lanciandosi di corsa nella direzione da cui proviene l'odore che avverte

CARCAROTH:
Azione 1: smette di infierire su Kynon e si affretta a seguire Rashka sulla pista dei nuovi arrivati

WOLFANG:
azione 2: rimane nella radura a controllare la situazione, pronto ad agire per dare manforte a Shakh

CARCAROTH E RASHKA:
azione 2: attaccano il più isolato del gruppo e lo attaccano insieme, lei azzannansdolo al polpaccio e lui alla gola... o per lo meno ci provano e quello e' il loro intento


Nolorin ha scritto:LUOGO: A Sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo Limpido
PG: Didagus ap Xander

Procedendo nella boscaglia abaastanza velocemente Didagus inizia a sentire i rumori che la lotta sta continuando a produrre.
"Dannati orchi" pensa. Ma un brivido di terrore gli solca la schiena quando sente l'ululato agghiacciante del lupo che deve aver fiutato qualcosa. Si getta con le spalle verso un tronco d'albero abbastanza grande da nasconderlo e si ferma un secondo cercando di capire se gli altri lo hanno seguito. Grande è il suo disappunto quando vede che solo uno di loro lo ha seguito. Almeno sarà un onore morire in battaglia... "Ah bifolchi senza un minino di istruzione militare!" urla nella sua mente.
"Tu, guerriero, dove sono gli altri? Dovevo immaginarlo. Siete un branco di bifolchi. Non c'è più tempo però per le ramanzine. cerchiamo di aggirare il roveto. Arriveremo da qualche parte, e spero di riuscire a salvare uno dei nostri compagni almeno. Tienti pronto guerriero di Nebin. Potrebbe essere la nostra ultima battaglia, dovremo andare avanti schiena contro schiena. I lupi sono bravissimi ad attaccare alle spalle per non dire in cerchio. Proteggimi le spalle. Io proteggerò le tue." detto questo riprende la lancia dopo aver reinfoderato l'ascia da lancio nella bandoliera e sidirige verso il luogo da dove ha sentito arrivare l'ululato facendo molta attenzione.


Kronall ha scritto:LUOGO: A Sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo Limpido

Kynon, in fin di vita ma ancora cosciente, capisce di non aver scampo e resta immobile, fingendo di essere svenuto (e sperando che gli Orchetti ci caschino) con l'intento di aiutare i compagni non appena questi lo raggiungeranno.

Erec non ribatte alle parole di Didagus; si limita a seguirlo come il mezzelfo gli ha ordinato.

Frattanto , Pwyll e Fargh (i due guerrieri rimasti indietro con Arduino e Unsen) si lanciano nella boscaglia urlando: il loro scopo non è prendere i nemici di sorpresa, ma bensì attirare la loro attenzione, sperando che lascino in pace il loro comandante.


Spoiler: hide
Devono agire ancora, in ordine:

Arduino (1 Azione)
Muninn (1 Azione)
Orchetti(1 Azione)
Unsen (1 Azione)


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

Arduino è preoccupato ed all'erta per le grida di Kynon, con l'arco già armato e posto all'altezza della spalla segue a pochi passi di distanza la corsa di Pwyll e Fargh concentrando ogni suo senso percettivo ai pericoli provenienti dalla boscaglia. Anche la mente è sgombra da pensieri divenendo in perfetta sintonia con i sensi percettivi e i nervi tesi allo spasimo. L'ora del sangue si avvicina.



Spoiler: hide
Caro Kronall, giudica tu se Arduino ha rispettato l'imposizione di una azione. In pratica ciò che fa è compiere un passo appresso i due guerrieri.


Grifone ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Muninn

Resto sulla difensiva, vedendo se c'è modo di colpire le bestie che mi attaccano.


Lunastella ha scritto:Vedendo scattare i due lupi, Uruz comprende che vi sono altri nemici in arrivo, così si porta accanto a Wolfang, tenendosi pronto ad accogliere i nuovi venuti con la sua mazza ferrata, lasciando che il solo Shakh se la veda con Muninn.

Mentre si muove per farsi incontro agli avversari, grida qualcosa nella sua lingua gutturale, agli altri tre orchi alla retroguardia.

URUZ: Abbiamo compagnia... fatevi sotto non appena si presentano... mettetevi in posizione.

Gronk scatta a sua volta in avanti, portandosi appena alle spalle di Uruz, tenendo pronto all'attacco il suo spadone a due mani.

Morgh e Scrum invece avanzano di pochi metri nel folto della boscaglia, mantenendosi nascosti ai due lati del campo di battaglia, aspettando che gli avversari prendano posizione per poi scegliere con cura il bersaglio da assalire al fianco o alle spalle.

Spoiler: hide
Azione URUZ: si porta al fianco di Wolfang e si appresta ad ingaggiar battaglia con i primi che si presentano. Parla con gli altri orchi, ma parlare non costituisce azione.

Azione GRONK: corre in avanti e si posiziona alle spalle di Uruz, tenendosi pronto a dargli manforte.

Azione MORGH: continuando a mantenersi nascosto nel folto del bosco sul lato sinistro del fronte, cerca di portarsi in posizione leggermente avanzata rispetto al punto in cui si trovano URUZ e WOLFANG e tiene pronta la sua picca, riservandosi di intervenire quando tutti i nemici saranno ingaggiati in combattimento.

Azione SCRUM: continuando a mantenersi nascosto nel folto del bosco sul lato destro del fronte, cerca di portarsi in posizione leggermente avanzata rispetto al punto in cui si trovano URUZ e WOLFANG e tiene pronta la sua ascia bipenne, riservandosi di attaccare alle spalle il primo nemico che sarà ingaggiato in combattimento dalla sua parte.


Baudaffi ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Unsen

Vede che tutti si stanno addentrando, cercando di mantenere la concentrazione li segue, sperando che non si tratti di un folto numero di avversari.
Ma la sua speranza viene infranta appena sente l'urlo, cosi' al a quel punto sente la paura dentro di se e frammista alla percezione di prima la sua concentrazione inizia a vacilare. Scuote la testa e segue gli altri, non sara' un combattente ma un ottimo diversivo.

Spoiler: hide
Oltre a muovermi cerco di vedere uno degli avversari lupo od orco che sia


Kronall ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido

Shakh continua ad assalire Muninn: la bestia scarta da un lato all'altro sfruttando la sua maggiore prontezza per far breccia nelle difese del Nor'Gar.
L'umano sa che il bersaglio primario della creatura sono i polpacci, e quindi concentra le sue difese in quel punto, ma Shakh lo prende di sorpresa azzannandolo all'avambraccio: per fortuna il rivestimento di cuoio impedisce alle zanne del lupo di penetrare nella carne, e Muninn può tirare ancora un sospiro di sollievo.

Gli orchetti restano dove sono, sulla difensiva.

Gli altri 3 Lupi avanzano nel fitto della boscaglia, consapevoli della presenza degli intrusi e infatti si imbattono in Didagus e Erec, appena emersi dal folto sottobosco ; poco dietro di loro, Arduino , Unsen e gli altri due guerrieri.
Anche i due Orchetti al centro della radura scorgono i nuovi giunti.

Il giovane Erec scorge Kynon riverso a terra, il collo invaso dal sangue che fuoriesce copioso anche dalla bocca, e urla rabbioso all'indirizzo degli Orchetti:

EREC: Cani ! Avrò le vostre teste prima che il sole sia calato !

Le premesse per una mischia furibonda ci sono tutte.

Spoiler: hide

TIRI PER MUNINN
Parte I, Scena III, Secondo Turno: Test di Attacco Lupo I (bersaglio: Muninn) (1d8=7, 1d8=8)
Parte I, Scena III, Secondo Turno: Tiro Aperto Lupo I (1d8=6)
(Totale 14, Muninn viene colpito nonostante abbia adottato Strategia Difensiva... in questo caso almeno ha evitato di subire un colpo Critico)
Parte I, Scena III, Secondo Turno: Tiro per di Danni Lupo I (bersaglio Kynon) (1d6=1)
(Danno assorbito dalla corazza di Muninn)
Parte I, Scena III, Secondo Turno: secondo Test Attacco Lupo I (bersaglio Kynon) (1d8=4, 1d8=2)
(secondo attacco , mancato)

Per cercare di velocizzare un pò le cose ho ridotto la distanza tra i due gruppi.
Muninn ovviamente è già nel raggio d'azione nemico e rischia grosso: 3 dei Lupi si sono allontanati verso gli altri avversari, ma rimangono pur sempre 4 orchetti.
Didagus e Pwyll sono a 10 metri dagli Orchetti e dai Lupi, ma riescono a localizzare solo due Orchetti per ora.
Arduino, Pwyll e Fargh invece sono a 20 metri da Orchetti e Lupi, che possono vedere benissimo e quindi prendere di mira se possiedono armi a distanza (non possono vedere gli Orchetti nascosti dietro agli alberi ovviamente); Unsen si trova un pò più indietro , a 24 metri , perché gli Gnomi hanno velocità di spostamento ridotta a causa della statura minuta.
Vi ricordo che impiegare un' Azione per il movimento vi permette di spostarvi di 10 metri (6 per gli Gnomi) ma poi non potete fare più nulla ; altrimenti è possibile spostarsi di soli 3 metri e fare un'altra Azione.
Mi rendo conto che una mappa tornerebbe molto utile e risparmierebbe tonnellate di spiegazioni, quindi dal prossimo scontro mi premurerò di prepararne una ogni volta che si presenterà l'eventualità di un combattimento.
Nel frattempo non fatevi problemi a chiedere per qualunque dubbio sulla posizione dei vostri PG.


ORDINE DI GIOCATA (TERZO TURNO)

1.Muninn* (risultato 7, 1 Azione)
2.Lupi (risultato 7, 1 Azione) ; Orchetti (risultato 7, 1 Azione) (agiscono assieme avendo ottenuto lo stesso risultato)
3.Didagus* (risultato 6, 1 Azione)
4.Unsen (risultato 4, 1 Azione)
5.Guerrieri & Kynon (risultato 3, 1 Azione)
6.Arduino (risultato 2, 1 Azione)

*Muninn guadagna 26 Punti Addestramento nel Tratto 'Prontezza'.
*Didagus guadagna 7 Punti Addestramento nel Tratto 'Prontezza'.

Parte I, Scena III, Test Prontezza Lupi per il Terzo Turno di Combattimento. (1d8=5, 1d8=7, 1d8=4)
Parte I, Scena III, Test Prontezza Orchetti per il Terzo Turno di Combattimento. (1d8=7)
Parte I, Scena III, Test Prontezza Guerrieri & Kynon per il Terzo Turno di Combattimento. (1d8=1, 1d8=3)
Parte I, Scena III, Test Prontezza Muninn per il Terzo Turno di Combattimento. (1d8=7)
Parte I, Scena III, Test Prontezza Arduino per il Terzo Turno di Combattimento. (1d10=2)
Parte I, Scena III, Test Prontezza Didagus per il Terzo Turno di Combattimento. (1d10=6, 1d10=3)
Parte I, Scena III, Test Prontezza Unsen per il Terzo Turno di Combattimento. (1d6=4)


Grifone ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Muninn

Ho ben poche scelte a mia disposizione.
Noto che stanno arrivando gli altri, e potrei cercare di ritirarmi, ma così facendo rischierei di aprire la mia difesa e permettere alle bestie di bloccarmi la manovra. D'altro canto, mi pare che anche gli Orchetti si siano avvicinati troppo, e la situazione si sta scaldando troppo per restare.
Qualsiasi cosa faccia, il rischio è sempre elevato, e nessuno dei due è peggiore dell'altro.

Tuttavia, tra le due cose credo sia meglio fare un rischio e tentare una ritirata...

Spoiler: hide
Muninn si ritira cercando di raggiungere Didagus.


Lunastella ha scritto:Vedendo che Muninn si sposta e cerca rinforzi nei nuovi arrivati, Shakh torna alla carica, con un poderoso balzo a fauci spalancate, a cercare nuovamente la gola del Nor'gar.
Uruz gli da manforte e gli sbarra il passaggio verso Didagus, attaccandolo a sua volta con la mazza ferrata.

Wolfang invece, vedendo sopraggiungere di corsa Didagus ed Erech si slancia a tagliare la strada a quest'ultimo mentre questi si accinge a raggiungere il suo capitano ferito e tenta di azzannarlo al polpaccio.

Gronk si fa sotto a dare manforte a Wolfang, cercando di colpire Erech al fianco mentre questi è impegnato a tenere a bada Wolfang.

Rashka e Carcaroth invece si slanciano su Didagus: la lupa cerca di azzannarlo dalla cintola in giù, mentre il possente capobranco salta a corpo morto su di lui, cercando di farlo cadere per poi avere agio di finirlo bevendo il sangue dalla sua giugulare.

Morgh e Scrum rimangono nascosti nel folto della boscaglia ma, sentendo il rumore di altri guerrieri in arrivo si portano più avanti, tentando una manovra di accerchiamento dei nemici, tenendosi pronti ad attaccarli alle spalle, chiudendoli così in trappola tra il fronte dei lupi e quello cosgtituito dalle loro micidiali armi e dal fattore sorpresa.

Spoiler: hide
AZIONE SHAKH:
Ulteriore attacco alla gola di Muninn
AZIONE URUZ:
attacca Muninn al fianco con la mazza ferrata
AZIONE WOLFANG:
Attacca Erech al polpaccio
AZIONE GRONK:
Attacca Erech afianco con lo spadone a due mani
AZIONE RASHKA E CARCAROTH
Attaccano Didagus, lei al polpaccio e lui slanciandosi per farlo cadere
AZIONE MORGH E SCRUM:
Si preparano ad attaccare alle spalle Arduino e soci


Nolorin ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Didagus ap Xander


Un urlo di guerra esce dalle labbra di Didagus mezzelfo e prendendo la lancia con entrambe le mani ingaggia a distanza i lupi che cercano di azzannarlo. "Non avrete nè la mia vita nè il mio sangue. RIAMBROTH"

Spoiler: hide
Didagus punta per primo a Carcaroth. e cerca di colpirlo con la lancia


Baudaffi ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Unsen


Osservo gli orchetti e noto che la distanza e' ancora troppa per poter tentare qualsiasi cosa, quindi con il cuore che batte a mille avanzo il piu' possibile per avvicinarmi al fulcro della battaglia.

Spoiler: hide
Maledette le gambe corte!!! :P


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

Arduino finalmente vede i nemici di fronte, orchetti e lupi. Quest'ultimi animali enormi, dalle fauci terribili e dalla possente muscolatura. Un brivido lungo la schiena percorre il giovane mezzoelfo alla vista di quelle fiere. Non ne aveva mai vedute di così.
Un attimo, un sospiro e il ramingo ritrova il suo spirito. Si concentra sulla distanza e sull'avversario da inquadrare col suo arco.
°°Quel terribile lupo, lo voglio abbattere. Scommetto che se ne centro uno al primo colpo, gli animi di quegli esseri immondi si raffredda°°
Sposta indietro la gamba destra e torcendo un poco il busto prende la mira al grosso lupo, distante da lui una ventina di metri, che avanzava insieme ad un orco.

Spoiler: hide
Arduino ovviamente non può accorgersi del pericolo incombente alle sue spalle. Adesso dovrebbe scoccare il dardo sperando che faccia centro
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: [Il Cromlech di Bran] Prima parte

Messaggioda Hashepsowe » lun 19 ott 2015, 15:21

Kronall ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido

Kynon, ignorato dagli avversari, riesce a trascinarsi sin nel folto della boscaglia che circonda la radura, e a rialzarsi penosamente abbracciando il fusto di uno degli alberi ; Erec rivolge la sua rabbia contro Gronk, menando fendenti come un forsennato ; Pwyll e Fargh corrono in soccorso di Erec e Didagus rispettivamente, che sono in inferiorità numerica.

Spoiler: hide
I Guerrieri e Kynon avrebbero dovuto agire prima di Arduino, quindi considerate questa dichiarazione come precedente all'intervento di Draco.


Kronall ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido

L'urlo di Erec è come un segnale d'inizio, un tamburo di guerra i cui tonfi rimbombano per tutta la foresta.
Non appena il guerriero pronuncia la sua minaccia, Orchetti e Lupi si scagliano contro gli intrusi con una ferocia tale che soltanto un odio millenario può giustificare.

Muninn scorge Didagus con la coda dell'occhio e capisce che la sua sola speranza è riuscire a raggiungere il mezzelfo prima che sia troppo tardi: il Nor'Gar rischia il tutto per tutto e con uno scatto fulmineo volge le spalle al suo avversario, che però è pronto ad attaccarlo.
Le zanne del lupo si serrano laddove un attimo prima c'era il polpaccio di Muninn, il quale riesce a portarsi accanto al compagno sano e salvo.
Sia la bestia che uno degli Orchetti però non trovano divertente il fatto che la preda sia sfuggita alle loro grinfie e così la raggiungono immantinente.

Nel frattempo un lupo e un altro degli Orchetti partono all'assalto di Erec, il giovane irruento che aveva osato sfidarli, mentre i due lupi rimanenti scelgono Didagus come bersaglio.

Pochi metri più in là Morgh e Scrum, i due Orchetti che erano rimasti nascosti al limitare della radura, tentano una manovra di accerchiamento avanzando con furtività tra la folta vegetazione: purtroppo per loro il maldestro tentativo non va a buon fine.
Gli ultimi raggi del sole morente si riflettono sulle loro armi snudate e il gruppo di umani, mezzelfi (assistiti da un fiero rappresentante della razza gnomica...) si avvedono della loro presenza. L'effetto sorpresa svanisce.

In quel mentre Didagus impugna saldamente la lancia e pronunciandone a gran voce il nome si scaglia contro uno dei lupi che lo minacciano, ma la bestia scarta di lato allontanando la punta della lancia con una zampata.

Il prode Unsen si avvicina il più possibile ai suoi compagni (quanto le sue piccole gambe gli permettono), mentre Arduino afferra una lunga freccia piumata e con i muscoli tesi sino allo spasimo la incocca, tirando la corda di budello dell'arco sino alla massima estensione: con un gesto rapido rilascia il dardo, il quale però finisce lontano dal lupo che aveva preso di mira.

Kynon riesce a trascinarsi al limitare della radura e a rialzarsi sostenendosi grazie ad un robusto tronco. Il guerriero ha la vista annebbiata dal dolore e la perdita di sangue, ma non si dà per vinto...

E' la volta di Erec: il giovane dai capelli rosso fuoco affonda con rabbia la lancia nel petto di Gronk, uno degli Orchetti che lo aveva aggredito.
L'Orchetto prorompe in un urlo disumano mentre fiotti di sangue nero schizzano copiosi dalla profonda ferita, e Erec approfitta del suo stato di shock per spingerlo via grazie alla maggiore portata della sua arma.

La violenza con cui il giovane guerriero di Nebin si è scagliato contro l'avversario sembra aver intaccato la sicurezza degli Orchetti, i quali si rendono conto solo ora di non trovarsi di fronte a semplici viandanti sprovveduti...

Spoiler: hide
Muninn si ritira fuggendo verso Didagus, subendo così un attacco gratuito dal Lupo che lo fronteggiava.
Il Valore Difesa di Muninn in questo caso è soltanto 6 e il Lupo ottiene un bonus di +1 al suo Test di Attacco perché il Nor'Gar gli dà le spalle.

Parte I, Scena III, Turno III: Attacco gratuito di Shakh nei confronti di Muninn (1d8+1=5, 1d8+1=3)

Muninn è stato decisamente fortunato stavolta: riesce a raggiungere Didagus senza che il Lupo riesca a ferirlo, ma il rischio era altissimo.

Shakh (Lupo) e Uruz (Orchetto) avendo perso l'iniziativa non possono fare niente per bloccare Muninn, quindi si limitano a percorrere i 10 metri che li separano da lui (non possono però attaccarlo in questo Turno in quanto hanno a disposizione soltanto un'Azione).

Wolfgang (Lupo) e Gronk (Orchetto) si scagliano contro Erec: anche in questo caso, i Lupi percorrono la distanza che li separa dal guerriero senza però poterlo attaccare in quanto dispongono soltanto di un'Azione. Erec ora è ingaggiato: se decide di fuggire per attaccare un altro bersaglio subirà un attacco gratuito da entrambi gli avversari.

Idem dicasi per Rashka (Lupo) e Carcaroth (Lupo) i quali scelgono Didagus quale bersaglio.

I due Orchetti restanti (Morgh e Scrum) tentano di muoversi furtivamente per cogliere i nemici alle spalle.
In questo caso si effettua un Test Contrastato, che è simile ad un Test comune, con l'unica differenza che la Difficoltà é influenzata dai Tratti dell'avversario.
In questo caso gli Orchetti effettueranno un Test di Furtività contro una Difficoltà di 4 (Facile, perché i Personaggi sono impegnati in battaglia e quindi distratti) + il Livello in 'Percezione' dei Personaggi (perché Percezione è il Tratto che permette di individuare nemici nascosti).

Parte I, Scena III, Turno III: Tentativo di nascondersi da parte di Morgh e Scrum (1d8=1)

Purtroppo per loro un 1 non è nemmeno sufficiente ad eguagliare la SD di Base (4) e quindi TUTTI i Personaggi si accorgono della presenza dei due Orchetti.

Didagus attacca Carcaroth che nel frattempo si era scagliato su di lui (quindi il mezzelfo non ha bisogno di spostarsi verso l'avversario e può impiegare l'unica Azione di cui dispone ad attaccarlo):

Parte I, Scena III, Turno III: Didagus attacca Carcaroth (1d8=1, 1d8=4)

il Valore Difesa del Lupo era 6, quindi Didagus manca il bersaglio.

Unsen si muove di 5 metri verso i compagni: ora è a circa 10 metri da Didagus e gli altri.

Arduino (che si accorge del pericolo alle spalle, avendo gli Orchetti fallito il loro Test Furtività) scocca un dardo contro Wolfgang (Lupo) che ora si trova a soli 10 metri da lui (perché si era scagliato contro Didagus).
Si tratta di Gittata Ravvicinata, quindi Arduino non subisce penalità sul suo Test.

Parte I, Scena III, Turno III: Arduino scocca una freccia contro Wolfgang (1d10=2)

Sfortunatamente il dardo vola a decine di metri di distanza dal Lupo, ma il bersaglio, probabilisticamente parlando, è comunque alla portata delle capacità del mezzelfo: è stato soltanto sfortunato (così come Didagus prima).

Kynon si è mosso verso il limitare della radura e ha individuato gli altri due Orchetti, ma non può fare null'altro.

Erec attacca Gronk (Orchetto) che nel frattempo lo aveva ingaggiato in mischia:

Parte I, Scena III, Turno III: Erec attacca Gronk (1d10=10, 1d10=9)

Erec ottiene il massimo quindi beneficia di un Tiro Aperto:

Parte I, Scena III, Turno III: Tiro Aperto per Erec (1d10=5)

Il Totale è 15, sufficiente ad ottenere un Critico di II° Livello (il Risultato infatti è superiore al doppio della Difesa dell'Orchetto, che era pari a 7): Erec sceglie l'Effetto Critico "Allontanare" che è disponibile solo a chi utilizza Armi ad Asta (in questo caso la Lancia Corta) e così facendo allontana l'Orchetto di ben 9 metri, sperando così di levarselo di torno per un pò mentre si occupa del Lupo.
Ovviamente Erec infligge anche Danno all'Orchetto:

Tiro Danni per Erec (1d8=8)

Pwyll e Fargh si trovano a 10 metri da Didagus e gli altri, quindi non possono fare altro che ridurre la distanza che li separa dai compagni senza poter attaccare.

SITUAZIONE ATTUALE

Didagus, Muninn, Pwyll, Fargh, Shakh (Lupo), Uruz (Orchetto), Rashka (Lupo) e Carcaroth (Lupo) sono in mischia;
a pochi passi da loro, Erec è in mischia con Wolfgang (Lupo). Questa è la mischia principale.
Il gruppo dei Personaggi conta 5 elementi, idem dicasi per quello dei nemici, per cui sono tutti ingaggiati e se qualcuno di loro accenna a muoversi o a fuggire subirebbe un attacco gratuito da uno degli avversari.

Morgh (Orchetto), Scrum(Orchetto) e Gronk (Orchetto, il quale è stato gravemente ferito e spinto via dalla mischia da Erec) si trovano a circa 10 metri di distanza dal gruppo di mischia principale e sono visibili da tutti i Personaggi. Non sono ingaggiati da nessuno e sono liberi di muoversi come desiderano.


Arduino e Unsen sono a 10 metri dal gruppo di mischia principale e a 20 metri dagli Orchetti che erano rimasti fuori dalla mischia.
Non sono ingaggiati da nessuno, quindi sono liberi di muoversi come più gli aggrada.
Idem dicasi per Kynon che si trova a 20 metri dal gruppo di mischia principale e a 10 metri dagli Orchetti rimasti fuori dalla mischia.

ORDINE DI GIOCATA (QUARTO TURNO)

1. Arduino (13, 2 Azioni)*
2.Unsen (7, 1 Azione)**
3.Orchetti (7, 1 Azione)
4.Guerrieri & Kynon (6, 1 Azione)
5.Didagus (5, 1 Azione)
6.Muninn (5, 1 Azione)
7.Lupi (4, 1 Azione)


Ordine di giocata Quarto Turno (Orchetti) (1d8=7)
Ordine di giocata Quarto Turno (Lupi) (1d8=4, 1d8=4, 1d8=4)
Ordine di giocata Quarto Turno (Guerrieri e Kynon) (1d8=4, 1d8=6)
Ordine di giocata Quarto Turno (Arduino) (1d10=10)
Tiro Aperto per Arduino (1d10=3)
Ordine di Giocata Quarto Turno (Unsen) (1d6=6)
Tiro Aperto Unsen (1d6=1)
Ordine di Giocata Quarto Turno (Didagus) (1d10=5, 1d10=2)
Ordine di Giocata Quarto Turno (Muninn) (1d8=5)

*Arduino ottiene 14 Punti Addestramento in 'Prontezza'.
*Unsen ottiene 10 Punti Addestramento in 'Prontezza'.


Dracodraconis ha scritto:Arduino maledice la propria imprecisione.
°°Sfortuna, certo, ma la sfortuna può avere un caro prezzo, troppo alto per essere sottovalutato. Non sono un pivello con l'arco. Riproverò°°
Così fa, questa volta poggia un ginocchio a terra e armato l'arco s'accinge a tirare contro il grosso lupo. In quel mentre, un riflesso del sole, come su uno specchio o sul metallo lo avverte di un pericolo alle sue spalle.
°°Orchetti, maledetti loro. ora giocherò loro uno scherzo °°
Scoccata la mortale freccia contro la belva, si gira di scatto e riarma il suo longbowl. Mira a d uno dei due orchetti, pregando i suoi dei che gli diano successo.
°°Potessi con questa freccia strappare il cuore ad uno di loro ... sempre se ne hanno. Madre Terra aiuta la mia mano contro queste aberrazioni viventi°°


Spoiler: hide
P.S. Non credo di aver sbagliato l'ordine di giocata ne fatto più azioni, sempre che girarsi non equivalga ad una azione


Baudaffi ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
GP: Unsen

Valuta bene la posizione dei nemici, e senza pensarci due volte tenta di scagliare il suo pulitissimo coltello contro il nemico piu' vicino.

Per fortuna nessuno lo poteva osservare mentre chiudeva gli occhi nel momento del lancio.

Spoiler: hide
Lancio un coltello al mostro piu' vicino, indipendentemente da chi sia ^^


Lunastella ha scritto:Morgh e Scrum vistisi scoperti, si slanciano verso gli avversari a loro più vicini, con l'intento di ingaggiarli in combattimento.
Morgh si trova sul lato destro ed ha dalla sua il vantaggio di utilizzare la lancia e cercherà poi di colpire chiunque gli venga sotto tiro, rimanendo a distanza di sicurezza.
Scrum invece, che si trova sul lato sinistro, con un grido selvaggio si getta sul più vicino brandendo la sua ascia bipenne, pronto a colpire non appena l'altro si farà sotto.

Gronk vedendosi colpito e non sopprortando la vista del proprio sangue, arretra fino a portarsi fuori mischia, badando bene a rimanere a distanza di sicurezza da tutti i guerrieri, compreso Kynon, che nel frattempo ha visto rialzarsi e il cui sguardo minaccioso e fiero gli incute grande timore.

Uruz a sua volta, vedendo la preda sfuggirgli, lancia un possente ruggito e si slancia nuovamente contro Muninn.

Spoiler: hide
Nessun tiro non potendo in questo turno attaccare avendo già fatto azioni di movimento con tutti gli orchi.

Tiro però per l'iniziativa collettiva degli orchetti al proximo turno con test prontezza :
Die roll for test prontezza orchetti
Rolled on: 2010-11-19 13:01:54.637920

1d8 → [2] = (2)
[link to roll] [link to character]Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.
Linkhttp://invisiblecastle.com/roller/view/2771653/
HTML<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2771653/">1d8=2</a>
Characterhttp://invisiblecastle.com/rol ... rch/731025
Castle Forum[roll=test prontezza orchetti]#2771653[/roll]
BBCode1d8=2


Kronall ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido

I Guerrieri di Nebin, ingaggiati in mischia dagli avversari, non possono fare altro che combattere e non chiedono di meglio.
Pwyll attacca Shakh, mentre Fargh si occupa di Rashka.
Erec è stato aggredito da Wolfgang e quindi il grosso lupo è il suo bersaglio, ora.

Kynon non si dà per vinto: ha notato che Gronk sta cercando di svignarsela e non lascerà che ciò accada.
Il guerriero, con gambe malferme per via della debolezza, poggia la schiena al tronco dell'albero per ottenere sostegno e avere libere entrambe le mani.
Approfittando del fatto che Gronk è a 'distanza di sicurezza' (e quindi non può raggiungerlo in un solo turno, ndMaster) afferra il suo arco e una freccia, con l'intenzione di scoccarla in seguito.


Spoiler: hide
Restano, in ordine:

Didagus (5, 1 Azione)
Muninn (5, 1 Azione)
Lupi (4, 1 Azione)

Vi avviso che anche Morgh (Orchetto) e Scrum (Orchetto) ora fanno parte della mischia principale, quindi possono essere scelti come bersagli da Didagus e Muninn.
Nessuno vi vieta di colpire un bersaglio già ingaggiato da altri, naturalmente (ad esempio i lupi contro cui stanno combattendo i guerrieri di Nebin).
Di solito, se più attaccanti colpiscono un bersaglio solo, ottengono dei bonus al loro Test d'Attacco, ma non in questo caso, in quanto siete coinvolti in una mischia confusa che vi impedisce di concentrare i vostri sforzi su un unico bersaglio (dovete infatti fare attenzione a non venire colpiti voi stessi): ciò non significa che non potete attaccare tutti lo stesso bersaglio, ma solo che non otterrete Bonus nel farlo (anche se la possibilità di sferrare più attacchi contro un solo avversario è già di per sé un vantaggio).
Il gruppo degli avversari è in superiorità numerica ora, grazie all'apporto di Morgh e Scrum, quindi possono allontanarsi senza subire attacchi gratuiti (i compagni 'in eccesso' si danno da fare per distrarre i nemici). Ciò ovviamente non vale per voi, a meno che anche Arduino e Unsen non si uniscano alla mischia.


Nolorin ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Didagus ap Xander


Con un gemito di disappunto Didagus indietreggia di un passo per evitare le fauci del lupo che lo sta ingaggiando in una danza mortale. Ma la sua determinazione è fin troppo potente. E invece di gettare la lancia ricarica un'affondo e cerca di colpire il lupo che ha appena deviato il suo colpo. Gli occhi brillano di una luce assai strana mentre carica il colpo. Ma il suo volto rimane impassibile mentre cerca di nuovo il suo bersaglio.


Grifone ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Muninn

Ingaggio il primo avversario che mi capita a tiro! Ed eventualmente, quello che mi sembra più vulnerabile.

Spoiler: hide
Muninn attacca il primo nemico più vicino a lui, oppure quello che presenta più difficoltà a difendersi (in pratica, l'avversario che sembra più debole).


Lunastella ha scritto:Vedendosi ancora una volta sfuggire la preda da sotto i denti e trovandosi costretto a difendersi da Pwyll, Shakh ringhia furiosamente e muovendosi a zig-zag per evitare gli affondi del guerriero, lo aggredisce a sua volta saltandogli addosso con un gran balzo e cercando di farlo cadere per poi finirlo a morsi.

Wolfgang invece continua a combattere furiosamente contro Erec, tentando di azzannarlo alla gola.

Rashkha si vede tagliar la strada da Fargh e tenta di schivare i suoi colpi con la tipica agilità del canide feroce, mettendosi poi in posizione di controllo dell'avversario, in attesa che Carcaroth possa accorrere a coprirle il fianco.

Carcaroth dal suo canto è impegnato ad evitare i colpi di Didagus, che a sua volta contrattacca nell'intento di atterrarlo e smarcarsi per correre in soccorso alla sua compagna.

Spoiler: hide
Tiro per Shakh contro Pwyll:
Die roll for Shakh versus Pwyll

Rolled on: 2010-11-23 14:24:08.620658
1d8 → [2] = (2)
1d8 → [2] = (2)
[link to roll] [link to character]
Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.

Link
http://invisiblecastle.com/roller/view/2777383/
HTML
<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2777383/">1d8=2, 1d8=2</a>
Character
http://invisiblecastle.com/roller/search/733129
Castle Forum
[roll=Shakh versus Pwyll]#2777383[/roll]
BBCode
[url=http://invisiblecastle.com/roller/view/2777383/]1d8=2, 1d8=2

Il test effettuato è sul vigore del lupo e sul suo livello e pertanto ogni lupo avendo livello 2 in vigore tira due volte il dado corrispondente al tratto (sceglie il risultato migliore (in sto caso mi attacco al tram che due ho fatto e due resta per due volte!)
A questo tiro forse devo aggiungere un +2 per le armi naturali a disposizione del lupo (zanne e artigli), ma chiedo lumi a Kronall.

Tiro per Wolfgang contro Erec:

Die roll for Wolfgang versus Erec

Rolled on: 2010-11-23 14:35:22.760658
1d8 → [8] = (8)
1d8 → [2] = (2)
[link to roll] [link to character]
Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.

Link
http://invisiblecastle.com/roller/view/2777389/
HTML
<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2777389/">1d8=8, 1d8=2</a>
Character
http://invisiblecastle.com/roller/search/733131
Castle Forum
[roll=Wolfgang versus Erec]#2777389[/roll]
BBCode
1d8=8, 1d8=2

Avendo qui ottenuto un critico, naturalmente ritiro un d8 per il tiro aperto.

Die roll for Tiro aperto Wolfgang versus Erec

Rolled on: 2010-11-23 14:36:46.610658
1d8 → [6] = (6)
[link to roll] [link to character]
Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.

Link
http://invisiblecastle.com/roller/view/2777390/
HTML
<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2777390/">1d8=6</a>
Character
http://invisiblecastle.com/roller/search/733132
Castle Forum
[roll=Tiro aperto Wolfgang versus Erec]#2777390[/roll]
BBCode
1d8=6

Ottenendo un totale di 8+6=14 più (forse) il +2 per armi naturali)

Rashkha si pone in strategia difensiva e quindi per lei c'è un bonus +3 sul suo VD e -1 sui danni subiti.

Infine tiro per la riuscita dell'azione di Carcaroth che, non essendo mirata a uccidere ma solo a smarcarsi, credo comunque debba essere effettuata su un test di vigore, che implica quindi il medesimo lancio di cui sopra. (spero)

Die roll for Carcaroth versus Didagus

Rolled on: 2010-11-23 14:45:20.420658
1d8 → [2] = (2)
1d8 → [2] = (2)
[link to roll] [link to character]
Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.

Link
http://invisiblecastle.com/roller/view/2777398/
HTML
<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2777398/">1d8=2, 1d8=2</a>
Character
http://invisiblecastle.com/roller/search/733136
Castle Forum
[roll=Carcaroth versus Didagus]#2777398[/roll]
BBCode
1d8=2, 1d8=2

(e si torna al simpatico 2 di prima... poveri i miei lupetti!)


Tiro prontezza per il prossimo turno dei lupi.

Die roll for tirpo prontezza lupi

Rolled on: 2010-11-23 14:55:13.630658
1d6 → [3] = (3)
[link to roll] [link to character]
Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.

Link
http://invisiblecastle.com/roller/view/2777406/
HTML
<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2777406/">1d6=3</a>
Character
http://invisiblecastle.com/roller/search/733139
Castle Forum
[roll=tirpo prontezza lupi]#2777406[/roll]
BBCode
1d6=3


Un'apoteosi di sfiga mi pare!


Kronall ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido

Arduino non si lascia scoraggiare dall'esito dell'ultimo tiro: afferra un'altra freccia e mira di nuovo lo stesso bersaglio.
Proprio mentre il mezzelfo è sul punto di scoccare il dardo però, una figura si frappone tra lui e la vittima: è Erec, che è impegnato in un duro scontro contro il grosso lupo.
I due si muovono rapidamente nel tentativo di trovare ciascuno un varco nella difesa dell'altro, e ciò rende tutto più difficile per Arduino, che si rende conto di correre il rischio di colpire il bersaglio sbagliato...
Il ramingo trattiene il respiro e scocca la freccia, che manca di un pelo Erec, ma non raggiunge il fianco del grosso lupo, rimbalzando sul terreno.

A Unsen non va meglio; lo Gnomo non ha alcuna esperienza nell'uso di armi da Lancio, e con mano tremante si appresta a scagliare il suo pugnale... che finisce a miglia di distanza dal bersaglio prescelto.

Mentre i due Orchetti Morgh e Scrum , che erano rimasti isolati dalla mischia furibonda, si fanno avanti urlando e ringhiando, l'Orchetto ferito da Erec tenta di svignarsela alla chetichella (ma Kynon ha già messo mano all'arco...).
Uruz, il grosso Orchetto armato di mazza ferrata, rotea la sua minacciosa arma sopra la testa e tenta di fracassare la cassa toracica di Muninn facendo affidamento sulla sua tremenda forza bruta.
Il Nor'Gar intuisce e si porta immediatamente fuori portata, per poi approfittare dello sbilanciamento dell'avversario e immergere la sua corta daga nel suo stomaco con un affondo improvviso: Uruz urla di rabbia nel rendersi conto che la vita inizia a scivolare via dal suo corpo, ma non è ancora finita per l'indomito Orchetto.

Gli affondi di Pwyll e Fargh vanno a segno: sia Shakh che Rashka riportano gravissime ferite e scattano indietro con un penoso guaito.
Il lupo contrattacca ma a causa del dolore e dello shock subito il suo attacco non è così efficace e Pwyll riesce a tenerlo lontano con l'asta della lancia; la sua compagna invece opta per una prudente tattica attendista.
Erec invece non riesce ad allontanare l'impavido Wolfgang, che approfitta dell'indecisione dell'avversario per morderlo alla gola: per fortuna le zanne affilate della bestia riescono appena a graffiare il collo del guerriero, il quale è lesto a trarsi indietro in tempo.

Poco più in là, Carcaroth cerca di atterrare su Didagus con tutto il proprio peso, nel tentativo di farlo cadere e correre in soccorso di Rashka; ma il mezzelfo è pronto e non si lascia buggerare.
Il Cavaliere attende che il lupo spicchi il balzo, per poi chinarsi e puntare la sua lancia verso l'alto: l'arma perfora il costato dell'animale, entrando in profondità nella carne.
Carcaroth guaisce di dolore, cade, ma si rialza immediatamente sotto lo sguardo stupito di Didagus: dopo una ferita del genere anche un cinghiale inferocito avrebbe gettato la spugna, ma il Lupo continua a ringhiare e a fissare minacciosamente il mezzelfo con occhi iniettati di sangue... il colpo non sembra averlo nemmeno rallentato!


Spoiler: hide
Arduino scocca un nuovo dardo contro Wolfgang (Lupo), subendo una penalità di 2 punti al risultato perché il Lupo sta combattendo contro Erec e il mezzelfo deve stare attento a non colpirlo:
Parte I, Scena III, Turno IV: Attacco di Arduino contro Wolfgang (1d10=6)
6-2=4, quindi proprio a causa della presenza di Erec la freccia di Arduino manca il bersaglio.
Arduino non può attaccare di nuovo: deve impiegare la sua seconda Azione ad afferrare una nuova freccia e incoccarla.

Unsen scaglia il pugnale contro Scrum (Orchetto), subendo una penalità di 2 punti perché inesperto nell'uso di armi da Lancio, e un ulteriore penalità di 1 punto perché il bersaglio è a gittata Media per un pugnale (10 metri), per un totale di -3.
Scrum è in mischia con Erec, ma non ha ancora sferrato un colpo quindi Unsen non subisce la penalità di copertura che invece ho applicato al Test di Arduino.
Parte I, Scena III, Turno IV: Attacco di Unsen contro Scrum (1d6=2)
Contando la penalità, il totale è di -1, quindi un fallimento.

Morgh (Orchetto) ingaggia Fargh; Scrum (Orchetto) ingaggia Erec. Questi due impiegano la loro Azione a muoversi di 10 metri e unirsi alla mischia principale. Gronk si allontana di altri 10 metri dalla propria posizione.
Uruz (Orchetto, che era già nella mischia principale e non ha bisogno di muoversi) attacca Muninn:
Parte I, Scena III, Turno IV: Attacco di Uruz contro Muninn (1d8=3, 1d8=4)
Mancato.

Pwyll attacca Shakh (Lupo):
Parte I, Scena III, Turno IV: Attacco di Pwyll contro Shakh (1d10=6, 1d10=10)
Tiro aperto per Pwyll (1d10=1)
Il totale è 11, non abbastanza per ottenere un critico, ma il colpo è andato a segno.
Parte I, Scena III, Turno IV: tiro dei Danni per Pwyll (1d8=8)
Aggiungo 1 per il Tratto 'Armi da Mischia' a livello 2, per un totale di 9.
Il Lupo è ferito gravemente, ma non ancora morto...

Fargh attacca Rashka (Lupo):
Parte I, Scena III, Turno IV: Fargh attacca Rashka (1d10=10, 1d10=7)
Tiro aperto per Fargh (1d10=2)
Il totale è 12, non sufficiente per ottenere un critico, ma il colpo è andato a segno.
Parte I, SCena III, Turno IV: Tiro danni per Fargh (1d8=4)
Aggiungo 1 per via del Livello 2 in 'Armi da Mischia' per un totale di 5.
Anche Rashka viene ferita gravemente.

Erec attacca Wolfgang (Lupo):
Parte I, Scena III, Turno IV: Erec attacca Wolfgang (1d10=3, 1d10=4)
Mancato.

Kynon impiega la sua Azione ad afferrare il suo arco.

Didagus continua ad attaccare Carcaroth (Lupo):
Parte I, Scena III, Turno IV: Didagus attacca Carcaroth (1d8=3, 1d8=7)
Il colpo è andato a segno*, e ora si procede con la quantificazione dei danni (1d8, perché Didagus usa la Lancia Corta):
Parte I, Scena III, Turno IV: Tiro Danni Didagus (1d8=8)
Didagus infligge ben 9 danni al Lupo (1 danno aggiuntivo perché ha 2 Livelli in 'Armi da Mischia') il quale li incassa particolarmente bene (Carcaroth è il Lupo col maggior numero di Punti Vita nel branco).

Muninn attacca Uruz (Orchetto) :
Parte I, Scena III, Turno IV: Muninn attacca Uruz (1d8=6, 1d8=1)
Il colpo va a segno** e visto che Muninn sta usando una Spada Corta, si lancia 1d8 per determinare l'entità del danno (a cui aggiungerò 1 punto per via del Tratto 'Forza' di Muninn e un ulteriore punto per via del Livello 2 in 'Armi da Mischia'):
Parte I, Scena III, Turno IV: Tiro Danno per Muninn (1d8=6)
Totale 8, una ferita particolarmente grave per l'Orchetto, che però ancora non cede.

Shakh (Lupo) attacca Pwyll ma il colpo viene evitato (vedi post di Lunastella) , mentre Wolfgang (Lupo) riesce a serrare le fauci su Erec (anche se il risultato non è sufficientemente alto per essere considerato Critico), si passa al tiro per i danni:
Parte I, SCena III, Turno IV: tiro Danni Wolfgang (1d6=2)
Erec subisce 2 danni per intero, non avendo armatura.
Rashka (Lupo) assume posizione Difensiva.
Carcaroth (Lupo) non riesce a colpire Didagus (di nuovo, vedi post di Lunastella per i risultati dei dadi).

Qui finisce il Quarto Turno di combattimento e l'esito dello scontro si è ribaltato: il gruppo dei 'buoni' ha ferito gravemente gran parte degli Orchetti e dei Lupi e sta conducendo per 4 a 2, reti di Didagus, Muninn, Pwyll e Fargh :lol:
Ma non è ancora detta l'ultima...

SITUAZIONE ATTUALE
Pressappoco la stessa del Turno precedente: tutti i contendenti sono impegnati in mischia eccetto Arduino, Unsen, Kynon e Gronk (Orchetto).

ORDINE DI GIOCATA (Quinto Turno)

1.Arduino*** (13, 2 Azioni)
2.Lupi (12, 2 Azioni)
3.Didagus**** (8, 1 Azione)
4.Unsen***** (7, 1 Azione)
5.Guerrieri & Kynon (7, 1 Azione)
6.Muninn (6, 1 Azione)******
7.Orchetti (2, 1 Azione)

*Didagus ottiene 16 Punti Addestramento in 'Armi da Mischia';
**Muninn ottiene 8 Punti Addestramento in 'Armi da Mischia' ;
***Arduino ottiene 8 Punti Addestramento in 'Prontezza' ;
****Didagus ottiene 5 Punti Addestramento in 'Prontezza' ;
*****Unsen ottiene 13 Punti Addestramento in 'Prontezza' ;
******Muninn ottiene 12 Punti Addestramento in 'Prontezza' ;

(Per il risultato del Test Prontezza degli Orchetti, vedi post di Lunastella)
Test Prontezza lupi (Quinto Turno) (1d8=8, 1d8=1, 1d8=6)
Tiro aperto lupi (1d8=4)
(Il Test Prontezza dei Lupi è stato ripetuto in quanto Luna ha usato il dado errato)
Test prontezza guerrieri e kynon, Quinto Turno (1d8=7, 1d8=7)
Test prontezza Muninn Quinto Turno (1d8=6)
Test prontezza Unsen Quinto Turno (1d6=6)
Tiro aperto unsen (1d6=1)
Test pronteza didagus Quinto Turno (1d10=8, 1d10=6)
Test prontezza Arduino Quinto Turno (1d10=10)
Tiro aperto Arduino (1d10=3)


Dracodraconis ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Arduino Bellingeri "Pieveloce"

°°Mancato un' altra volta. Così non sono d'aiuto ai miei compari, anzi ...°°
Arduino guarda sconsolato l'esito negativo del tiro, arco ai fianchi, sente crescere dentro di se un senso d'impotenza mista a vergogna.
°°Eppure fra i miei ho giusta fama di buon arciere. Ma la confusione della mischia e il timore di colpire un compagno non giovano all'efficacia della mia arma. C'è solo una cosa da fare ...°°
Sguaina la daga e si getta anch'esso nella mischia

-"Per la salvezza di Karen's Wood e l'onore dei Raminghi. Arrivo amici."

Con un balzo si porta a fianco del primo compagno e affonda un colpo

Spoiler: hide
Non ricordo bene se Arduino ha preso in prestito da Kynon una daga, al contrario usa il pugnale


Lunastella ha scritto:Rashkha è ferita gravemente, ma stringe i denti e cerca di resistere agli attacchi crudeli di Fargh.
Serra la guardia e dalla posizione difensiva che ha assunto aspetta che l'uomo sferri un nuovo attacco per sottrarsi ad esso con una schivata che possa smarcarla e consentirle di fuggire lontano... lontano dagli uomini, dalle loro armi micidiali, lontano dagli orchi, che sono stati padroni ingrati e crudeli forse ancor più dei nemici affrontati e che non meritano che il nobile sangue dei lupi sia sprecato per le loro vili manovre.
In guardia attende che Carcaroth la raggiunga. Poi insieme fuggiranno nella notte scura, come ombre invisibili a cercare un rifugio in cui guarire, per rivedere ancora un'altra primavera di verdi germogli e di bianchi petali di ciliegi nel vento.

Spoiler: hide
Azione 1: Schivata da posizione di difesa - Tiri:
Die roll for Rashkha schivata vs Fargh
Rolled on: 2010-11-27 08:47:03.743439

1d8 → [4] = (4)
1d8 → [8] = (8)
[link to roll] [link to character]Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.
Linkhttp://invisiblecastle.com/roller/view/2781624/
HTML<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2781624/">1d8=4, 1d8=8</a>
Characterhttp://invisiblecastle.com/rol ... rch/734958
Castle Forum[roll=Rashkha schivata vs Fargh]#2781624[/roll]
BBCode1d8=4, 1d8=8
Tirpo aperto per critico:
Die roll for Rashkha tiro aperto schivata
Rolled on: 2010-11-27 08:50:59.543439
1d8 → [1] = (1)
[link to roll] [link to character]Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.
Linkhttp://invisiblecastle.com/roller/view/2781625/
HTML<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2781625/">1d8=1</a>
Characterhttp://invisiblecastle.com/rol ... rch/734959
Castle Forum[roll=Rashkha tiro aperto schivata]#2781625[/roll]
BBCode1d8=1
Azione 2 - Fuga - tiro su evasione:
Die roll for Rashkha fuga
Rolled on: 2010-11-27 08:54:14.063438

1d8 → [2] = (2)
1d8 → [5] = (5)
[link to roll] [link to character]Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.
Linkhttp://invisiblecastle.com/roller/view/2781626/
HTML<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2781626/">1d8=2, 1d8=5</a>
Characterhttp://invisiblecastle.com/rol ... rch/734960
Castle Forum[roll=Rashkha fuga]#2781626[/roll]
BBCode1d8=2, 1d8=5


Carcaroth non la perde di vista e non ha più nessun interesse per il sangue dell'avversario: la sua compagna ha bisogno di lui e quell'uomo è soltanto un ostacolo che gli impedisce di prestare soccorso alla sua compagna.
Lo ha colpito con la sua lancia, ma ora deve riprendere la posizione di guardia e questo consente al grosso lupo di godere di alcuni brevi istanti di vantaggio prima che Didagus lo possa nuovamente attaccare. Il miglior modo per fruire di questi istanti è un balzo che gli consenta di raggiungere Rashkha e di frapporsi tra lei e Fargh per permetterle di fuggire, per poi fuggire a sua volta con lei, ma più lentamente e voltandosi a coprire la ritirata da eventuali assalitori.

Spoiler: show


Anche Shakh è ferito e altro non può fare se non imitare la tattica di Rashkha. Si pone in posizione difensiva e aspetta il colpo, per poi schivarlo all'ultimo momento e darsi ad una rapida fuga.
Spoiler: show


Il solo Wolfgang che è in posizione di vantaggio rimane in mischia, ma vedendo fuggire i suoi compagni si affretta a seguirli, non prima di aver però sferrato un nuovo attacco contro il nemico che ha davanti, su cui balza a peso morto per tenatare di abbatterlo e fuggire mentre questi si rialza.
Spoiler: hide
Azione 1: attacco a erec:
Die roll for Wolfgang vs erec
Rolled on: 2010-11-27 09:07:57.142638

1d8 → [4] = (4)
1d8 → [7] = (7)
[link to roll] [link to character]Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.
Linkhttp://invisiblecastle.com/roller/view/2781639/
HTML<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2781639/">1d8=4, 1d8=7</a>
Characterhttp://invisiblecastle.com/rol ... rch/734971
Castle Forum[roll=Wolfgang vs erec]#2781639[/roll]
BBCode1d8=4, 1d8=7

Azione 2 : fuga - tiro evasione:
Die roll for Wolfgang fuga
Rolled on: 2010-11-27 09:09:06.712638

1d8 → [2] = (2)
1d8 → [6] = (6)
[link to roll] [link to character]Formatted Versions
Clicking almost any text on this page will copy it to your clipboard.
Linkhttp://invisiblecastle.com/roller/view/2781640/
HTML<a href="http://invisiblecastle.com/roller/view/2781640/">1d8=2, 1d8=6</a>
Characterhttp://invisiblecastle.com/rol ... rch/734972
Castle Forum[roll=Wolfgang fuga]#2781640[/roll]
BBCode1d8=2, 1d8=6


Nolorin ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG:Didagus ap Xander.

"Non pensavo che sarei giunto a questo momento... Ora la mia lancia berrà dalle loro ferite il sangue stolto per un uomo che non ha più nulla se non la volontà di vendetta. Poveri voi..." Pensa Didagus mentre attacca il lupo che ha appena ferito lasciando cadere la lancia. Non pensa ai suoi compagni per ora. Un combattimento alla volta, è l'unica soluzione.
"RIAMBROTH! PER IL SANGUE DI KYNON!" Urla.


Baudaffi ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido
PG: Unsen

Commenta:
"MMMMH! qusta volta l'ho veramente sfiorato! speriamo di ritrovare il pugnale..."
Dato che anche questa volta il fattore fisico non lo aiuta per niente e gli dei non lo stanno aiutando decide di sfoderare l'arma segreta.
Inizia ad agitare le mani e a bisbigliare parole cercando di concentrarsi il piu' possibile.

Spoiler: hide
Come direi di persona "palladifoo", ma non avendola mi limito solo ad un "evoca bestiaccia I" (siccome sono a lavoro non riesco a cercare il nome esatto dell'incantesimo, Kronall non so se devo descrivere di piu' o cos'altro fare)


Kronall ha scritto:LUOGO: A sud di Nebin
ORA: Tramonto
TEMPO METEOROLOGICO: Cielo limpido

Mentre i suoi sottoposti sono impegnati in mischia con Orchetti e Lupi, Kynon incocca un dardo e scocca verso il fuggitivo Gronk (Orchetto) che è a circa 20 mt. di distanza da lui ora.

Spoiler: hide
Tranquillo Baudaffi, tu non devi fare niente, il tipo di creatura evocata viene stabilito a caso :wink:
L'incantesimo ti costerà d4 Punti Riserva Magica (ovviamente tirerò io anche quelli); puoi decidere di potenziare l'effetto della magia spendendo ulteriori d4 Punti, ma farlo è rischioso ora che il tuo Livello di Magia Arcana è soltanto 1; inoltre, se potenzi ripetutamente un incantesimo e i dadi dovessero tradirti ti ritroveresti con poca o nulla Riserva Magica, il che ti impedirebbe di lanciare altre magie in situazioni di pericolo.

Nolorin: impugnare una nuova arma ti costerebbe un'Azione e non potresti attaccare durante questo Turno. Sei sicuro di volerlo fare?

Mancano all'appello:

Muninn (6, 1 Azione)
Orchetti (2, 1 Azione)
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Prossimo

Torna a Campagne di gioco

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite