In English

Proponete le vostre opere poetiche e commentate quelle degli altri.
Ashuur Saggio
Avatar utente
Messaggi: 284
Iscritto il: gio 3 lug 2008, 12:40

In English

Messaggioda Finn » ven 25 lug 2008, 11:37

22 notes

Bathing in the wood
As a faun so happy for the new springtime
22 hopes
To make my right brain touring, where there is no time

I’m not mellow to decipher ancient sings
But I can’t swallow all the centuries of lies

Music is the key
22 notes to create everything
They say it’s all here
In the universal rhythm all we’ll be and have been

Doubts are melting in front of the old knowledge
I am helping me to walk out of the edge

I evaluate the modern
Through the Pythagoric order
The coincidence is water
History is not a progress

And I am a simple male
By 22 odds made!

I have heard the black bird screaming
In the air I was not dreaming
I counted 22 screams
Not one more into the wind

Yes I am a simple male
By 22 odds made!

Rationality
It is categorical kills the melody
Of the unity
Life is always playing with its sacred beat

I’m not singing to discover some new truth
Just to say 22 times I’ve understood

I evaluate the modern
Through the Pythagoric order
The coincidence is water
History is not a progress

And I am a simple male
By 22 odds made!

I have heard the black bird screaming
In the air I was not dreaming
I counted 22 screams
Not one more into the wind

Yes I am a simple male
By 22 odds made!

-----------

22 note

Immergendomi nel bosco
Come un fauno felice per l’arrivo della primavera
22 speranze
Per permettere al mio cervello destro di viaggiare dove non c’è il tempo

Non sono (abbastanza) consapevole per decifrare gli antichi segni
Ma non posso ingoiare i secoli di menzogne

La musica è la chiave
22 note per creare ogni cosa
Dicono che è tutto qui
Nel ritmo universale, quello che saremo e quello che siamo stati

I dubbi si stanno sciogliendo di fronte alla sapienza
Io mi sto aiutando a camminare al di fuori del confine

Valuto il moderno
Attraverso l’ordinamento pitagorico
La coincidenza è acqua
La storia non è un progresso

Io sono solamente un uomo
Composto da 22 differenze

Ho sentito il nero volatile urlare
Nell’aria, non stavo sognando
Ho contato 22 urla
Non uno di più nel vento

Sì sono solamente un uomo
Composto da 22 differenze

La razionalità
È categorica (e) uccide la melodia
Dell’unità
La vita sta sempre suonando con il suo sacro battito

Io non sto cantando per scoprire qualche nuova verità
Soltanto per dire 22 volte che ho capito!

Io valuto il moderno
Attraverso l’ordinamento pitagorico
La coincidenza è acqua
La storia non è un progresso

Io sono solamente un uomo
Composto da 22 differenze

Ho sentito il nero volatile urlare
Nell’aria, non stavo sognando
Ho contato 22 urla
Non uno di più nel vento

Sì sono solamente un uomo
Composto da 22 differenze

---------------------------

• 22 note musicali sulla base della scala Pitagorica (un gruppo di 3 ottave che inizia con DO e finisce con un altro DO)
• 22 diviso per 7 (altro numero sacro) dà il famoso pi (P greco, 3,14… rapporto fra diametro e circonferenza del cerchio)
• La Menorah (famoso candeliere a 7 bracci) ebraica ha 22 appoggi complessivi su 7 braccia
• 22 codoni del DNA che corrispondono ai 22 aminoacidi (20 di base più i due che racchiudono le istruzioni di inizio e di fine)
Ecc ecc

Il numero 22 ritorna continuamente in tutte le tradizioni mitologiche e religiose.. e da poco sappiamo che è anche un numero alla base della struttura genetica umana.
tha am foghar ann

Ashuur Saggio
Avatar utente
Messaggi: 284
Iscritto il: gio 3 lug 2008, 12:40

Re: In English

Messaggioda Finn » mer 7 gen 2009, 10:19

The cross upon the pure snow

I
Should have been water
Should have been fire
Should have been air
But I
Am only brown soil
Polluted by my
My old old dream

I
Should have been the cross
Upon the pure snow
Of this new year
Yes I
Shouldn’t be, no more,
The one refused
The one so poor

I will not die
I will not cry
Thousands of reasons to be alive
No I don’t mind
The screams the lies
They are only slaves of the life

My bones are fragile my soul is strong
Nothing is real as I have thought
I am a liar but the truth is all
Nothing is real as I have thought

I
Can burn calendar
As it was the real
Culprit of all
Oh I
Look at the hours
Just disappearing
With all my pain

I will not die
I will not cry
Thousands of reasons to be alive
No I don’t mind
The screams the lies
They are only slaves of the life

My bones are fragile my soul is strong
Nothing is real as I have thought
I am a liar but the truth is all
Nothing is real as I have thought

--

La croce sulla neve pura

Io
Avrei dovuto essere acqua
Avrei dovuto essere fuoco
Avrei dovuto essere aria
Ma io
Sono soltanto suolo scuro
Inquinato dal mio
Vecchio vecchio sogno

Io
Avrei dovuto essere
La croce sulla neve pura
Di questo nuovo anno
Sì io
Non dovrei essere, non più,
Quello rifiutato
Quello così povero

Non morirò
Non piangerò
Migliaia di ragioni per essere vivo
No non mi interessano
Le urla le bugie
Sono solamente schiave della vita

Le mie ossa sono fragili, la mia anima è forte
Nulla è reale come avevo pensato
Sono un bugiardo (ma) la verità è tutto
Nulla è reale come avevo pensato

Io
Posso bruciare il calendario
Come se fosse l’unico
Colpevole di tutto
Oh io
Guardo le ore
Scomparire
Insieme a tutto il mio dolore

Non morirò
Non piangerò
Migliaia di ragioni per essere vivo
No non mi interessano
Le urla le bugie
Sono solamente schiave della vita

Le mie ossa sono fragili, la mia anima è forte
Nulla è reale come avevo pensato
Sono un bugiardo (ma) la verità è tutto
Nulla è reale come avevo pensato
tha am foghar ann

Ashuur Saggio
Avatar utente
Messaggi: 287
Iscritto il: mer 28 mag 2008, 17:13
Località: Verona

Re: In English

Messaggioda Sianna » ven 13 feb 2009, 2:02

Home is not home
it's far from of emerald island.
In green pasture,
the yellow broom,
in the white foam of the sea.
In the heart of the world
My beloved Ireland
back to you my thoughts...forever!


Non sarà molto ma l'ho scritta io con le mie mani, la mia prima autentica lirica in Inglese. Spero invece abbia un senso nel mio cuore esso esiste!!!
Non ti fidar di me se il cuor ti manca
poichè in me bivalente danzano dolcezza e crudeltà
odio e amore


Immagine

Ashuur Saggio
Avatar utente
Messaggi: 284
Iscritto il: gio 3 lug 2008, 12:40

Re: In English

Messaggioda Finn » lun 23 mar 2009, 10:09

Land’s dawn

Before winter ends
Yes I would like to know
What is there in my bones
After the days of cold

Before springtime comes
I polish my old soul
I cut away the ropes
Of all the insane thoughts

So I can oh leave the Land of ghosts if I would

No I’ll take no oath
Too many things around
To say I am allowed
To be sure of my ground

May be seasons are
The curses upon us
Or what creates the craft
To leave the old apart

So believe the cycle is the most we can learn

Oh God what I can now say
While winter is going away
I write down the hundred prayer
To make me drink drops of Faith

It’s enough to take a walk, as the fairies wake up all
I’m a brother I’m a son, of this new Land’s Dawn


Who takes care of me?
The north becomes the south
My voice’s not so loud
To cover screams of crowds

We’re eagles or moles?
We’ve got a broken heart
Between the sky and the Land
We need to reach a calm

So we dig and then we raise to gain the new sun

Oh God what I can now say
While winter is going away
I write down the hundred prayer
To make me drink drops of Faith

It’s enough to take a walk, as the fairies wake up all
I’m a brother I’m a son, of this new Land’s Dawn


-----------

trad.

L’alba della terra

Prima che l’inverno finisca
Sì vorrei sapere
Cosa c’è nelle mie ossa
Dopo i giorni del freddo

Prima che la primavera arrivi
Pulisco la mia vecchia anima
Taglio via le corde
Di tutti i pensieri malati

Così posso lasciare la terra dei fantasmi se lo voglio

No non faccio nessun giuramento
Ci sono troppe cose intorno
Per dire che mi è permesso
Di essere sicuro del terreno

Può essere che le stagioni siano
Le maledizioni sopra di noi
O ciò che può creare l’arte
Di mettere da parte il vecchio

Quindi credi che il ciclo è la cosa più importante che possiamo imparare

Oh Dio cosa posso dire
Mentre l’inverno se ne va via?
Scrivo la centesima preghiera
Per farmi bere gocce di Fede

È abbastanza fare una passeggiata, mentre gli esseri fatati si stanno tutti risvegliando
Sono il fratello sono il figlio, di questa nuova alba della terra


Chi si prende cura di me?
Il nord diventa il sud
La mia voce non è abbastanza profonda
Da coprire le urla delle folle

Siamo aquile o siamo talpe?
Abbiamo un cuore spezzato
Tra il cielo e la terra
Abbiamo bisogno di raggiungere una calma

Così scaviamo e poi ci eleviamo per guadagnarci il nuovo sole

Oh Dio cosa posso dire
Mentre l’inverno se ne va via?
Scrivo la centesima preghiera
Per farmi bere gocce di Fede

È abbastanza fare una passeggiata, mentre gli esseri fatati si stanno tutti risvegliando
Sono il fratello sono il figlio, di questa nuova alba della terra


--------

Questo pezzo è dedicato all’equinozio...Nella tradizione celtica questa giornata speciale era indicata come “Alban Eilir” ovvero “alba/rinascita della terra”.

A tutti auguro una primavera serena.
tha am foghar ann

Ashuur Saggio
Avatar utente
Messaggi: 284
Iscritto il: gio 3 lug 2008, 12:40

Re: In English

Messaggioda Finn » lun 27 apr 2009, 16:47

What will happen on our roofs

The ultimate sign
Will be a loud crying
Coming from the inside of everyone

You said there won’t be
Something to fear
Tell me so why my soul cannot trust

My arms won’t be enough for you
Even if my embrace is true

The Time we know
Linear and cold
Will become broken and miserable
Nothing of sure
Constant deluge
Only the inner world will give clues

And the sky will become like soot
That you will risk the Faith to lose

Only a New Time to walk beside grief
As we will have to learn another sacred beat
No one will say again we’re crazy lees
What now to believe?
No greed

In that dark freedom
We’ll have a mirror
To reflect all the dreams we have loved
And in the rhythm
Of old new wisdom
We’ll take a dance we will adore

This is the time to speak to you
Of what will happen on our roofs

Only a New Time to walk beside grief
As we will have to learn another sacred beat
No one will say again we’re crazy lees
What now to believe?
No greed

-

Che cosa accadrà sui nostri tetti

L’ultimo segno
Sarà un profondo piagnisteo
Proveniente dall’interno di ognuno
Tu hai detto che non ci sarà
Nulla da temere
Allora dimmi perché la mia anima non può fidarsi

Le mie braccia non saranno abbastanza per te
Anche se il mio abbraccio è vero

Il Tempo che conosciamo
Lineare e freddo
Diverrà spezzato e miserabile
Nulla di sicuro
Costante diluvio
Soltanto il mondo interiore darà qualche indizio

E il cielo diverrà come fuliggine
Così che tu rischierai di perdere la Fede

Solo un nuovo tempo per camminare nel dolore
Come se dovessimo imparare un altro battito sacro
Nessuno dirà ancora che noi siamo la folle feccia
In che cosa credere?
Nessuna cupidigia.

In quella scura libertà
Noi avremo uno specchio
Per riflettere tutti i sogni che abbiamo amato
E nel ritmo
Della antica nuova saggezza
Noi balleremo una danza che adoreremo

Questo è il momento di parlarti
Di ciò che accadrà sopra ai nostri tetti

Solo un nuovo tempo per camminare nel dolore
Come se dovessimo imparare un altro battito sacro
Nessuno dirà ancora che noi siamo la folle feccia
In che cosa credere?
Nessuna cupidigia.
tha am foghar ann

Ashuur Saggio
Avatar utente
Messaggi: 284
Iscritto il: gio 3 lug 2008, 12:40

Re: In English

Messaggioda Finn » dom 31 ott 2010, 10:24

Revelation

Revelation we’re waiting for you
While this new end is becoming true
The Otherworld is opening
Its doors in the dark night
And we’re becoming seeds, children and poets..

I remember the ancient time
Thinking of the reason why I cry
Will my father let me know?
Or anyone of them?
How much God can make people divine!

To this God I will pray tonight
The One able with the wings to fly
And to catch me in the dark Land
Vast as the great desert
And to guide me in a new sky with His hands!

Under that sky I could be so mighty
Nourished by the presents of the country
And I could suck the honey
From the rocks and the stones
And the blood from the vineyard I could drink!

God can break the barriers for tonight
As it was and will be ever right
So that the living can
Meet with the dead again
While the new cycle bears into the Land.

---------------------------------------------------

Rivelazione

Rivelazione ti stiamo aspettando
Mentre questa nuova fine sta divenendo reale
L’Altromondo sta aprendo
Le sue porte nella buia notte
E noi stiamo diventando sementi, bambini e poeti

Io ricordo quel tempo antico
Pensando alla ragione per cui piango
Mio padre mi farà sapere?
O qualcun altro di loro?
Quanto Dio può rendere le persone divine!

Pregherò questo Dio stanotte
Colui capace di volare con le ali
E prendermi in questa terra scura
Vasta come il deserto immenso
E guidarmi in un nuovo cielo con le Sue mani!

Sotto quel cielo potrei essere così potente
Nutrito dai doni della campagna
E potrei succhiare il miele
Dalle rocce e dalle pietre
E potrei bere il sangue dalla vigna

Dio può rompere le barriere per stanotte
Come è stato e sempre sarà giusto
Così che i vivi
Possano incontrare i morti di nuovo
Mentre il nuovo ciclo nasce dentro alla Terra

---------------

In questi giorni si celebra Samhain, il Capodanno della tradizione celtica ( e di molte tradizioni esoteriche e spirituali occidentali). Con Samhain si chiude definitivamente il raccolto e si entra nella parte buia dell’anno. L’anno ritorna nel ventre scuro dell’Altromondo dove si rigenererà per rinascere: perché tutte le crescite e le nascite avvengono nel buio! Per Samhain tutto è fine e tutto è inizio: tutto è nuovo e ogni lavoro deve essere lasciato e poi ripreso. Secondo la Tradizione durante la notte di Samhain si ha una sorta di “rottura nello spazio tempo” che fa sì che le barriere fra i mondi si infrangano, così che anche gli spiriti possano tornare dall’aldilà. E a noi pure è data la possibilità di viaggiare fra i mondi.

In questo pezzo ho volutamente cercato di fare una commistione di tradizioni e le strofe centrali sono liberamente ispirate a un brano del Libro del Deuteronomio (32,10) in cui mi sono casualmente imbattuto….

Buon Samhain a tutti voi
E che la vita sia generosa con voi nel nuovo anno.
Finn
tha am foghar ann

Ashuur Sapiente
Avatar utente
Messaggi: 257
Iscritto il: sab 13 mar 2010, 8:01
Località: lecco

Re: In English

Messaggioda dracodraconis » dom 31 ott 2010, 11:42

Non so niente di Samhain e della festività celtica.
Per formazione culturale ho maggiore conoscenza della Sacra Bibbia, Holy Bible, per restare in tema linguistico.
Scrivo questo post, comunque, per dire che (senza che nessun amico ci rimanga male) per me, l'argomento trattato e via discorrendo è tra le più belle poesie che io abbia letto, rifacendomi pure con la memoria ai miei trascorsi scolastici.
Bravo Finn, bravo, bravo, bravo. Mi hai emozionato davvero

Ashuur Saggio
Avatar utente
Messaggi: 284
Iscritto il: gio 3 lug 2008, 12:40

Re: In English

Messaggioda Finn » mer 3 nov 2010, 22:26

Grazie mille Draco, grazie davvero, apprezzo molto ciò che hai scritto.
Io pure - soprattutto ultimamente - mi sto avvicinando e appassionando a quel magnifico e immenso mondo che è la Sacra Bibbia. E c'è davvero tanto da scoprire
A presto
Finn
tha am foghar ann

Ashuur Saggio
Avatar utente
Messaggi: 284
Iscritto il: gio 3 lug 2008, 12:40

Re: In English

Messaggioda Finn » gio 6 set 2012, 12:57

Hesperides

What about this summer
Turning into autumn
Following the emotion
I’ve inside

It seems going to rain
But suddenly a ray
Of sun with a prayer
Falls down

And in the garden of the west
Among the Hesperides* try to rest

Because I need so desperately
A pause from all the pain

The Seven Pillars** in my head
To find the peace I’ve to understand

That also the death is a door
We’ve to open on the way

Sometimes I ask
If there is a difference
Between our existence
And the fate

In the life there is
Already the seed
That brings us to the
Same end

And in the garden of the west
Among the Hesperides try to rest

Because I need so desperately
A pause from all the pain

The Seven Pillars in my head
To find the peace I’ve to understand

That also the death is a door
We’ve to open on the way

* Le Esperidi, nella mitologia greca, sono ninfe che vivono in un meraviglioso giardino all’estremo ovest del mondo, dove custodiscono un albero di mele prodigioso di cui non possono toccare i frutti (tema mitologico presente in tutte le mitologie, quella ebraica in primis). Sono collegate al tramonto, in attesa del quale sono solite cantare e danzare dolcemente.
** Nella mistica ebraica la saggezza è identificata nei 7 pilastri (= sette giorni della creazione) che erano fisicamente rappresentati nella facciata del tempio di Gerusalemme. In “Proverbi” 9,1 si dice “La sapienza si è costruita la casa, ha intagliato le sue 7 colonne”. Nel nuovo testamento è spesso la Vergine ad essere associata alla sapienza ed è definita come “il tempio dai sette pilastri” (vedi “Sermone sull’Annunciazione” di Pietro Crisologo). Allo stesso modo nella mistica druidica – irlandese, la saggezza è costituita dal bosco (= tempio) sacro con i suoi sette alberi sacri: betulla, salice, agrifoglio, nocciolo, quercia, melo e ontano.

-----------------------------------

Esperidi

Che cosa dire di questa estate
Che volge verso l’autunno
Seguendo l’emotività
Che ho dentro

Sembra che stia per piovere
Ma improvvisamente un raggio
Di sole con una preghiera
Cade giù

E nel Giardino dell’ovest
Tra le Esperidi provo a rilassarmi

Perché ho bisogno disperatamente
Di una pausa da tutto il dolore

I Sette Pilastri nella mia testa
Per trovare la pace devo capire

Che anche la morte è una porta
Che dobbiamo aprire lungo la via

A volte mi chiedo
Se ci sia differenza
Fra la nostra esistenza
E il fato

Nella vita c’è
Già il seme
Che porta tutti noi
Verso la stessa fine

E nel Giardino dell’ovest
Tra le Esperidi provo a rilassarmi

Perché ho bisogno disperatamente
Di una pausa da tutto il dolore

I Sette Pilastri nella mia testa
Per trovare la pace devo capire

Che anche la morte è una porta
Che dobbiamo aprire lungo la via
tha am foghar ann

Ashuur Saggio
Avatar utente
Messaggi: 284
Iscritto il: gio 3 lug 2008, 12:40

Re: In English

Messaggioda Finn » dom 16 dic 2012, 10:49

Hill of the ancestors

We got lost last night
Just to reach this shore
That it is for me
The right to sing

While this rainy day
Turns into a prayer
I lit up a flame
On Silbury lane

What I have been in my soul lives
What I will be I can see
Into the hill of the ancestors
In front of me

I melt my fears in the green grass
Caress the wind with my skin
I am a man in constant lack
Of energy

I’ve got frozen hands
I am a lost lamb
May be here one day
I will find my way

Doesn’t seem today
The right day to say
Something I will find
More than zero line

What I have been in my soul lives
What I will be I can see
Into the hill of the ancestors
In front of me

I melt my fears in the green grass
Caress the wind with my skin
I am a man in constant lack
Of energy

Silbury Hill, 7th December 2012
--

La collina degli antenati
Ci siamo persi la scorsa notte
Solo per raggiungere questo luogo
Che è quello giusto per me
Da cantare

Mentre questo giorno piovoso
Si trasforma in una preghiera
Io accendo una fiamma
Lungo la via di Silbury

Ciò che sono stato vive nella mia anima
Quello che sarò lo posso leggere
Dentro la collina degli antenati
Davanti a me

Sciolgo le mie paure nell’erba verde
Accarezzo il vento con la mia pelle
Sono un uomo in costante mancanza
Di energia

Ho le mani gelate
Sono un agnello perduto
Forse un giorno
Troverò la mia via

Non sembra che oggi
Sia il giorno giusto per dire
Che troverò qualcosa
Al di sopra dello zero

Ciò che sono stato vive nella mia anima
Quello che sarò lo posso leggere
Dentro la collina degli antenati
Davanti a me

Sciolgo le mie paure nell’erba verde
Accarezzo il vento con la mia pelle
Sono un uomo in costante mancanza
Di energia
tha am foghar ann

Prossimo

Torna a Le Poesie degli Ashuur

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite