I DRAGHI

Proponete le vostre opere poetiche e commentate quelle degli altri.
Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

I DRAGHI

Messaggioda Hashepsowe » lun 7 lug 2008, 14:12

Inauguro la serie degli archetipi con una serie di scritti dedicati all'archetipo simbolico del Drago.
Ad ognuno degli Elementi primari che costituiscono la sostanza della materia è associato un drago e ciascuno di essi rappresenta un Archetipo introspettivo che prende spunto dalle caratteristiche del mitologico animale per portare alla luce aspetti personali talvolta inconsapevoli.
Prima di postare le mie scribacchiate in tema, lascio alcuni brevi cenni al significato simbolico di ciascun drago, nella mitologia celtica.

Il DRAGO D'ACQUA
Il drago d'acqua, che insieme a quello di fuoco è capace di creare e distruggere con potenza immane, rappresenta il femminile legato allo spirito ed all'intuito e la profondità insondabile dell'animo umano, in cui sono talvolta sepolti problemi non risolti che il drago fa riemergere dal subconscio perchè possano venir riconosciuti e lasciati andare insieme al fluire della corrente.

IL DRAGO D'ARIA
rappresenta il lato artistico, la leggerezza, la creatività, la ricerca del bello e di una dimensione più elevata. Talvolta, se spinto all'eccesso, fa perdere di vista la concretezza del quotidiano, mutandosi in superficialità ed eccessiva faciloneria.

IL DRAGO DI TERRA
rappresenta la concretezza, la parte materiale legata al sostentamento, talvolta cela nelle profondità del suo ventre tesori perduti o dimenticati, che possono venir conquistati soltanto dopo aver sconfitto a caro prezzo il Guardiano della Soglia, cioè la parte più pesante dell'essere umano. Il Drago di terra aiuta a rimanere saldi e fornisce un ancoraggio quando tutto intorno sembra mutare, ma se spinto all'estremo, può portare aridità e chiusura.

IL DRAGO DI FUOCO
Il drago di fuoco può creare e distruggere con una potenza che al pari di quella dell'acqua è assai difficile da controllare. E' associato al maschile ed alla potenza del sole. Porta chiarezza di intenti, illuminazione e forza, ma anche cieca furia e rabbia incontrollata.
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: I DRAGHI

Messaggioda Hashepsowe » lun 7 lug 2008, 14:13

IL DRAGO D’ACQUA

A fauci spalancate,
il Drago d’Acqua emerge dal lago:
riporta in superficie
le spoglie imputridite del mio amore.
Sepolto nella melma del fondo,
lo credevo assimilato e smaltito
dai ventri obesi dei salmoni.
Quell’amore creato da un sogno delirante,
nutrito di fantasie passionali,
soffocato dalle gelide dita dell’assenza.
Quell’amore deriso, calpestato, umiliato
da ignare voci di bimbi crudeli.
Ora la sua carcassa palpitante
giace sull’imota riva del mio cuore,
ancor fremente di baci inappagati.
Nella livida alba del nord, si leva alto
il dolente vagito di un'esistenza negata,
che a gran voce reclama
il suo diritto alla vita
e dignitoso rispetto e onore delle armi,
per il corpo infelice di un gabbiano
che non fu mai capace di volare.
Il Drago d’Acqua sinuoso si immerge,
lasciandomi piangente a cullare
frammenti di orgoglio spezzato.
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: I DRAGHI

Messaggioda Hashepsowe » lun 7 lug 2008, 14:14

Il DRAGO D’ARIA

Lo vedi danzare nei sogni:
ti chiama dal nulla, suadente
- di rosa antico e azzurre nubi -
con fauci spalancate e artigli di vento
- nel cielo si confonde mutevole -
La folgore attraversa le menzogne della mente
- gioca a nascondino con effimere parole -
che il pensiero riveste d’argento.
Stonata è la mia chiave di violino,
non sa rilasciare le armonie
che raggiungano il segno indelebile
di quel Drago d’Aria evanescente.
Il chiodo dei miei sogni traballa:
lascia cadere frammenti di stelle colorate
che non so - e forse non voglio – afferrare.
Così le guardo danzare nell’aria,
come fate di crudele bellezza,
e distendo nell’aria la mano,
timorosa di vederle svanire
- ingoiate dal drago alato -
al tocco di un pensiero lieto.
La luce del giorno dirada
il tumulto oscuro del gorgo.
Si protende un sorriso leggero
dalle labbra dischiuse in un bacio d’aria.
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: I DRAGHI

Messaggioda Hashepsowe » lun 7 lug 2008, 14:15

IL DRAGO DI TERRA

Giace un gran tesoro dimenticato,
nel ventre obeso della terra madre.
Confusi labirinti di pensieri
confondono il viandante frettoloso,
che smarrito va e rinuncia a scavare.

Diamanti di vita accendono l’antro
d’immagini d’acqua, di sale e vento,
cristalli d’un amore mai vissuto
nel rugginoso scrigno del tuo corpo.

Preziose le essenze d’ambra e d’incenso,
insozzate dal fetido gigante.
Lui flaccido poggia le membra enormi,
qual feroce guardiano degli inganni,
sovrano ipnotico della caverna.

Quali colpe ti hanno indotto a fuggire?
Quali spade hanno trafitto il tuo petto?
E’ morso crudele in fragile carne
quell’arma rutilante di passione,
che il vincente brandisce come lancia

Quanti eroi hanno sconfitto il tuo mostro?
Quanto sangue arrossa il tuo oro perduto?
L’occhio antico che ha visto il dolore
sa forgiare la più dura corazza
con scaglie impenetrabili di drago.

Un vuoto pesante è ora il tuo cuore
che ancora freme in un bacio rappreso
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Ashuur Staff
Avatar utente
Messaggi: 1304
Iscritto il: lun 26 mag 2008, 9:21

Re: I DRAGHI

Messaggioda Hashepsowe » lun 7 lug 2008, 14:15

IL DRAGO DI FUOCO

Ha due teste il mio drago di fuoco,
lingue rosse di fiamme e di sangue
e neri carboni dentro al cuore.

Di vita e di morte egli è signore
lo guarda e trema l'inerme esangue
preso dall'ipnotico suo gioco.

Una testa volge ad Occidente:
con occhio rapace incendia il cielo,
mentre il sole si uccide nel mare,

Con l'altro sguardo, pare indagare
tra i misteri nascosti dal velo,
che ancor ricopre tutto l'Oriente.

Tu esalti il forte, Maestro crudele,
divori il vile con un boccone
per affermare solo il Sublime.

Riposi in agguato sulle cime
per far germinare l'estinzione
di questa coppa colma di fiele.
Sono ciò che gli altri vogliono vedere in me!

Torna a Le Poesie degli Ashuur

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite