IL GRANDE NOTTURNO

Rispondi
Avatar utente

IL GRANDE NOTTURNO

Siannamar 3 mar 2020, 19:00

Libro scritto da un giovane autore IAN DELACROIX di scrittura horror con risvolti distopici e spesso che rimandano ad un mondo fantastico simile a quello di labyrinth o di Das Cabinet des Dr. Caligari.
Immaginate:


La quiete caotica di Milano viene sconvolta dall'invasione di miriadi di topi: per risolvere il maligno problema interviene un personaggio inquietante, dotato di un carisma perverso e ammaliante, capace di un potere al di là di ogni immaginazione. La sua vendetta porterà gli incubi umani a livelli insostenibili: egli verrà a mostrare quanto la paura possa farsi realtà e rendersi manifesta in luoghi a noi familiari, magari seduta accanto a noi su un vagone della metropolitana, o nascosta nella musica di una notte maledetta. Dentro una storia che attraversa continenti e secoli, che trasforma l'eternità in un singulto d'amore, conosceremo un personaggio pericoloso e struggente, che calca le sue orme crepuscolari a perseguire un solo scopo, l'unico che gli permette di non soccombere alla vita: nutrirsi di bellezza.


Io lo trovato coinvolgente tanto da voler avere anche gli altri titoli di questo autore davvero particolare, forse diverso dagli standard ai quali sono abituata, però davvero bravo ed enigmatico nella sua scrittura a tratti anche un po' pulp.
Avatar utente

Re: IL GRANDE NOTTURNO

Turpinogio 26 mar 2020, 15:29

Buongiorno,

Ma non è il Pifferaio di Hamelin?

Uhmm...da questa sintesi mi sembra un poco un racconto plastilina :roll:
Io avevo re-iniziato per Cime Tempestose ma l'ho lasciato a metà strada un'altra volta.
Heathcliff comunque è sempre lì che mi aspetta per convidere con tanta e sana misantropia il tormento dei giorni a venire :mrgreen:
Avatar utente

Re: IL GRANDE NOTTURNO

Hashepsoweven 3 apr 2020, 13:54

Sianna ha scritto:verrà a mostrare quanto la paura possa farsi realtà e rendersi manifesta in luoghi a noi familiari, magari seduta accanto a noi su un vagone della metropolitana, o nascosta nella musica di una notte maledetta.
Direi che - in tempi di coronavirus - è molto attuale.... parlando oltretutto proprio di Milano!
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron